Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.




Sign in to follow this  
Followers 0
  • entries
    26
  • comments
    64
  • views
    40,924

Atelectasia o Versamento

Alex Tom

1,704 views

Ed eccoci alla fatidica domanda.

Ogni volta che un malcapitato politraumatizzato ti capita in TC, che ti accingi a fargli la scansione del torace, che sullo schermo compaiono le prime immagini con la finestra per parenchima (perchè la prima cosa che vogliono sapere è se c'è pneumotorace), arriva la fatidica domanda dell'anestesista : "Ma è versamento od atelectasia?".

E daje allora che rimetti su le immagini con la finestra per mediastino, che riduci l'ampiezza della finestra, cerchi di aumentare il contrasto per vedere se c'è una linea netta tra parenchima addensato e liquido pleurico, ed in quel momento hai un solo pensiero... : "Ma perchè non gli ho tirato su le braccia?".

E tra un artefatto da indurimento del fascio e l'altro fai scorrere le immagini fino alla milza ed al fegato, e lì hai la conferma della sciocchezza che hai appena combinato: per risparmiare tempo non gli hai tirato su le braccia ed ora non si riesce nemmeno a vedere la contusione epatica o la frattura splenica.

Cerchi allora di arrampicarti sui vetri dicendoti che c'erano fratture omerali o della scapola o della spalla che t'impedivano il movimento ma no ! Stavolta non c'erano proprio impedimenti di alcun tipo, anche dallo scout che avevi appena fatto in coronale si vedeva chiaro e tondo che pure le clavicole erano sane.

A questo punto se c'era anche il minimo dubbio se fare o meno il contrasto, con il tuo operato hai tolto ogni dilemma al Radiologo: si fa il contrasto, lo dice anche il protocollo !

Certo che la Radioprotezione però... il paziente è giovane... l'eco FAST era negativa...

NO ! Con la tua sciocchezza hai vanificato ogni possibilità di risparmiare dose di radiazioni e di farmaci al malcapitato! E non prendertela con la medicina difensiva!!!

Con questa introduzione ho solo fantasticato su quel che potrebbe succedere in una Radiologia in cui si lavori in modo un po' troppo superficiale... Per fortuna da noi non succede mai ed allora vediamo cosa sono Versamento ed Atelectasia.

Entrambe sono complicanze assai frequenti in un politrauma (o trauma maggiore come è corretto che si dica), entrambe riducono la capacità respiratoria polmonare del paziente, se è associato PNX la situazione diventa pericolosa per la sopravvivenza, con la differenza che il versamento si può drenare con un semplice foro sul torace (toracentesi), l'atelectasia no.

Ed ecco che diventa importante venire a conoscenza precocemente della quantità di versamento, anche perchè in un politrauma la situazione è instabile per definizione, ed il tempo stringe.

Quindi il consiglio è quello di evitare scansioni con le braccia lungo il corpo perchè, come si vede in figura,

blogentry-3658-0-35380100-1411255928_thu

quando è notevole non ci sono grossi problemi ad identificarlo (e questa scansione è fatta a braccia distese), ma ci sono casi come questo:

blogentry-3658-0-27956400-1411256016_thu

in cui la diagnosi risulta parecchio più indaginosa (anche questa è fatta con le braccia lungo il corpo), e solo la scansione con mezzo di contrasto ev ha permesso la diagnosi:

blogentry-3658-0-58326100-1411256169_thu

e qui vediamo il particolare ingrandito in negativo:

blogentry-3658-0-97374500-1411256207_thu

Tutto ciò succede anche perchè, nello studio del trauma maggiore, la scansione basale deve necessariamente avere caratteristiche di bassa dose, dato che è quella che servirà di meno alla diagnosi finale e dato che in una TC total body si ricevono dosi di diversi Gray al cm di DLP, ma è anche quella che nei casi in cui il Radiologo fosse in dubbio di continuare l'esame con un'altra scansione e col mezzo di contrasto, se fatta ad opera d'arte permette di prendere una decisione sicura ed inoppugnabile.

Quindi, anche (e sopratutto) per la corretta visione di fegato e milza, in un paziente affetto da trauma maggiore è necessario sollevare le braccia sopra la testa se :

- Non si deve eseguire AngioTC dei vasi del collo

- Non sono presenti fratture alle clavicole (lo vedete già dallo scout del cranio)

- Non sono presenti fratture della glena/testa omerale (su quelle scapolari possiamo discuterne)

- Non sono presenti fratture omerali (se si scomponessero potrebbero danneggiare i vasi arteriosi ascellare e brachiale del braccio)

Per tutte le fratture dal gomito alla mano invece si può tranquillamente eseguire la manovra di abduzione in quanto esistono in DEA appositi mezzi di contenzione ed immobilizzazione degli arti fratturati.


3 people like this


1 Comment


Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links