Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.




  • entries
    2
  • comments
    7
  • views
    45,072

10 consigli per ottenere delle Buone immagini di Diffusione

AndForn

1,677 views

blog-0457060001369904752.jpg

Dopo una mia richiesta di aiuto in relazione ad una particolare sequenza DWI per lo studio della colonna, il gentilissimo collega Alessandro Di Pietro ha inviato una serie di consigli che mi fa piacere riassumere in un elenco schematizzato.

Mi permetto di aggiungerne altri 2 o 3, in modo da arrivare a 10 punti, perchè fa più fico.

  1. Preparate il paziente in modo estremamente puntiglioso, qualsiasi corpo metallico rimovibile anche se distante (protesi dentarie, reggiseni ecc...) può portare ad importanti artefatti.
  2. Scegliere la tecnica di soppressione del grasso più adeguata, in particolare usate le DWIBS (che usano le IR) quando le parti anatomiche hanno molta disomogeneità.
  3. La diffusione va fatta sempre in assiale. Al massimo se ne possono fare più di una, attaccate e montate insieme sul composing tipo colonna in toto o angio arti inferiori.
  4. Lo spessore di fetta non deve essere troppo basso (minimo 4 mm)
  5. Cercate di abbassare il più possibile il TE (non più di 70 ms) perché è lui il principale artefice degli artefatti da distorsione
  6. Non fate pacchetti con troppe fette. E' meglio fare più sequenze piuttosto che 50 slice...
  7. Mettete più medie possibili (anche 6/7 se possibile) perché il segnale deve essere alto.
  8. Non usate 12 mila b-value!!! ne bastano 3 (0, 500 e 1000). Sopra a 1000 è solo nebbia..
  9. Se dovete studiare il tubo digerente, usate farmaci antiperistalsici se possibile.
  10. Non vi illudete che la diffusione sia una sequenza rapida... Se la volete fare bene deve durare un po'... anche 6 min se necessario...

Su alcuni punti ovviamente esiste un discreto margine di discussione, i compromessi tra le scelte eseguite sui parametri e le necessità cliniche potrebbero anche permettere delle modifiche alle regole descritte, ma diciamo che sono 10 punti molto buoni da cui partire.

Buona diffusione a tutti


1 person likes this


3 Comments


ciao andrea io non sono molto preparato sulla diffusione, da noi con GE 1.5 SIGNA si usa una DWI 1000 con asset fatta prima ( mi piacerebbe sapere anche il ruolo dell'asset ) facciamo dwi solo sull'encefalo, con sequenze di 48'' e mi è stato riferito che le diffusione "devono" durere così poco....

Share this comment


Link to comment

Fabiuzzo, ricordati di mettere il fattore di accelerazione dell'ASSET sempre 1,00 per evitare artefatti da ribaltamento.

In effetti sull'encefalo la sequenza di diffusione è piuttosto rapida; per altri distretti come l'addome è opportuno eseguirla con il trigger respiratorio.

Sarebbe opportuno confrontare i vari b-value usati a seconda dei distretti anatomici.

Share this comment


Link to comment

In effetti no, l'utilizzo di imaging parallelo e' proprio uno dei miglioramenti da attuare nelle sequenze di diffusione perché permette di diminuire il numero di echi ed accelerare il riempimento dello spazio k, diminuendo quindi il tipico blurring e gli artefatti da off resonance, vedi per esempio http://www.researchgate.net/publication/11797714_Improved_diffusion-weighted_single-shot_echo-planar_imaging_(EPI)_in_stroke_using_sensitivity_encoding_(SENSE)/file/79e4151014537ecc35.pdf

Share this comment


Link to comment

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links