Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.

The search index is currently processing. Activity stream results may not be complete.

Tutte le attività

This stream auto-updates   

  1. Yesterday
  2. Ciao rosanna grazie per la risposta intanto. Il concetto che hai scritto dell'aumentare le concatenazioni all'aumentare delle slice mi è chiaro ormai. Ma come mai esiste un limite, dato un certo TR fissato, di slice acquisibili? Quando ho studiato la parte di acquisizione dell'immagine ho dato per scontato che la ripetizione della sequenza (ovvero la ripetizione del TR) fosse possibile "all'infinito" (ovviamente tenendo in considerazione il fattore tempo) e fosse quindi possibile acquisire le fette desiderate senza particolari limiti. Come mai, dato un determinato valore di TR, è possibile acquisire solo un valore max di slice determinato dal TR stesso? che relazione (parlo proprio a livello fisico di acquisizione dell'immagine) lega il TR al numero di slice acquisibili e perché soprattutto devo aumentarne il valore?
  3. Ovviamente utilizzando il TR minimo la macchina lo aumenta automaticamente per permetterti l'acquisizione di tutte le slice che hai impoatato.
  4. Il TR è un tempo che di consente di acquisire una o un certo numero di righe del K spazio a seconda che stai usando una SE pura o una FSE. Se lavori con il TR minimo che ti consente di acquisire un determinato numero di slice, e aumenti il numero di slice ti servirà un TR maggiore che ti varierà il contrasto dell'immagine, oppure devi acquisire in due concatenazioni o più per mantenere lo stesso TR e lo stesso contrasto
  5. Ciao a tutti! Grazie per la presentazione scoppiettante Alessandro, troppo buono! Spero che il progetto possa aiutare realmente a divincolarsi in questo nebuloso mondo legato agli artefatti in RM. Il contenuto del libro è a portata di tutti ovviamente ma il progetto nel suo complesso è abbastanza articolato. Per chi volesse saperne di più, stasera (Giovedì 18) alle ore 18:30, verrà fatta una diretta in streaming sul canale Facebook dell'Ass. AITASIT la quale ha gestito tutta la parte di editing e di pubblicazione. Link: https://www.facebook.com/AITASIT-102266276494046/ A fra poco e : #BeArtifactStyle
  6. Certo il tempo di acquisizione, oltre che dal TR, dipende sicuramente anche da altri fattori questo mi è chiaro. E mi è chiaro anche il concetto del "se devo aumentare fette mantenendo lo stesso TR devo aumentare le concatenazioni"... è come se la sequenza stessa avesse un limite di fette che può acquisire per un determinato TR. Ma il concetto che non capisco è: perché? Se penso alla fisica di acquisizione dell'immagine RM, penso a una serie di impulsi (il cui tempo totale di questi mi da il TR) che, ogni volta che viene ripetuta, mi da una riga del K spazio; diversificando le varie "righe" di quest'ultimo variando il valore del gradiente di codifica di fase (appunto la phase encoding). Queste continue ripetizioni del TR, con conseguenti variazioni del gradiente che codifica la fase (che man mano mi riempie le righe dell'immagine singola) e del gradiente che codifica le slices (che man mano mi acquisisce le varie fette... lungo l'asse z considerando una sequenza assiale) mi daranno man mano l'acquisizione delle varie fette della sequenza. Da quello che ho capito però da questa discussione sembra che ci sia una sorta di limitazione nella progressiva acquisizione delle fette se mantengo il mio valore di TR fisso... come mai? Mi manca sostanzialmente il collegamento tra il fenomeno di acquisizione dell'immagine RM che ho studiato e quanto è stato detto per le concatenazioni. (quando ho descritto sopra il riempimento del k spazio mi riferivo chiaramente a un sequenza base spin echo RM, so che poi ci sono sequenze in cui si riempiono più righe contemporaneamente, più echi e così via...)
  7. a proposito di quest'ultimo frangente mi ricordo che un application mi raccontò che anni fa in un centro RM lo chiamarono perchè non erano soddisfatti delle sequenze con mdc dell'encefalo.... "il mezzo di contrasto si vede male" e ci credo... qualche fenomeno aveva spistolato i parametri delle sequenze aggiungendo delle fette in più al pacchetto che avevano fatto schizzare il TR oltre gli 800... bastò aggiungere una concatenazione alla sequenza per riportare il TR a più consoni valori di 500. incredibile che per diverse settimane nessuno tra tecnici e radiologi di quel posto se ne fosse accorto....
  8. in realtà il tempo di acquisizione dipende da vari fattori tra cui il TR. una data sequenza ad una determinata risoluzione , ad una determinata bandwidth ed ad un determinato turbo factor ecc. ecc. ti consente di acquisire un certo numero di fette per un dato TR. quindi se con un TR di 2500 e tutti gli altri parametri la sequenza riesce ad acquisire 10 fette, se tu di fette ne vuoi fare 20, necessariamente ti servirà un TR maggiore, diciamo di 5000, o in alternativa ripetere la stessa sequenza di prima per 2 volte, ovvero 2 concatenazioni di pacchetti da 10 fette l'uno con TR da 2500. quindi come vedi hai 2 possibilità, lavorare a TR fisso (quindi aumentare le concatenazioni) oppure aumentare il TR (cosa che chiaramente ti modificare il contrasto dell'immagine). occhio sopratutto nelle T1.... se una T2 fatta a TR 2500 ed a TR 5000 rimane comunque una T2 (pur con differenze nel contrasto tissutale) se fai una T1 da 500 ed aumenti il TR a 1000 allora non è più una T1
  9. Ultima settimana
  10. Stavo cercando informazioni su questo parametro e mi sono imbattuto in questa discussione. Mi è tutto abbastanza chiaro quanto avete spiegato ma non mi torna una concetto; magari si tratta di una domanda stupida ma non avendo molta esperienza in RM mi sfugge questo: come mai se si aumenta il numero di slices aumenta di conseguenza anche il TR? E' una cosa che succede con tutte le sequenze? Se penso agli studi ho sempre considerato il TR come un parametro intrinseco della sequenza che determina la pesatura della stessa, ed indica il tempo dopo il quale la sequenza di impulsi si ripete. Se non ricordo male a lezione ci dissero che ad ogni TR si riempie una riga del K spazio e ad ogni TR (ovvero ad ogni ripetizione della sequenza) cambia il valore del gradiente di codifica di fase per permettere di differenziare le varie righe seconda la direzione appunto della codifica di fase (o almeno questo fu l'esempio che ci dissero con le sequeze base spin echo...). Quindi mentalmente ho sempre pensato che l'aumento delle slices comportasse semplicemente un aumento del tempo totale della sequenza e non tanto del TR... ovvero che il "numero totale dei TR" (ovvero delle ripetizioni delle sequenze) all'aumentare delle slice per forza di cose aumentasse (più fette necessitano più ripetizioni della sequenza) ma che il valore del TR stesso rimanesse invariato all'aumentare delle slice. Riuscite a chiarirmi le idee? Grazie mille
  11. Ciao, fai tirocinio presso una RM? Comincerei analizzando il protocollo di studio in uso presso quella sede, che più o meno sarà simile ad altri, e confrontarlo con altri presenti in letteratura
  12. Una bella opportunità per crescere professionalmente e nel contempo un grande rischio, confrontarsi con altri professionisti può risultare nocivo per coloro che non hanno propensione a cambiare il proprio punto di vista.
  13. A meno che non abbiano risolto gli artefatti da risonanza dielettrica, lo studio dell'addome superiore non è indicato con il 3T, ma questo genere di artefatti si possono presentare anche su altri distretti. In genere i parametri TR e TE non sono gli stessi che si usano con 1,5T. Campo magnetico più elevato significa anche maggiore attenzione per quanto riguarda la protezionistica RM, compreso l'innalzamento del SAR che deve essere contenuto dall'operatore nei limiti del possibile. Per il resto ottima nella neuro, nello studio della pelvi, ed in particolare della prostata, nell'osteo articolare. Le apparecchiature in questo momento sono tutte buone, e dipende da cosa uno ci mette dentro in termini di software. Essendo l'unica apparecchiatura io opterei per una 1,5T, ma dipende cosa ci volete fare prevalentemente. Ovviamente questa è la mia modesta opinione, magari altri la pensano in modo diverso.
  14. Eeeeh, allora, devo aumentare il carattere stavolta: per chi non l'avesse ancora capito, è uscito il libro sugli artefatti in RM, il Bartalini - Gerevini. Ragazzi, ormai è su tutti i canali social di Ordini, Associazioni, singoli e gruppi vari, e non sto scherzando, mancava solo il topic di FNR. La premessa è impressionante, l'eco che sta avendo non si era mai sentita, leggete cosa gira tra i gruppi di wazzapp : "Vi informo che è uscito il libro del n collega Luca Bartalini. Libro interamente pensato, elaborato, scritto e sviluppato da un TSRM. L’Ordine di ... nel dare all’opera il dovuto risalto invita tutti a pubblicizzarlo e a farne buon uso nel quotidiano risolvere le complessità dovute agli artefatti in RM. Il testo, pensato ed elaborato da Luca Bartalini con l'aiuto di Alan Gerevini e la preziosa collaborazione di Giuseppe Walter Antonucci dell l'associazione AITASIT, nasce per rispondere alle difficoltà dei TSRM operanti in RM, ma anche per medici radiologi ed altre figure connesse al mondo della Risonanza Magnetica. Il libro si pone l'obiettivo di permettere l'interpretazione dell'artefatto, basandosi su una attenta classificazione, comprendendone l'origine e attuando tutte le leve tecniche atte alla risoluzione, in un quadro di complessità estremamente ampio. https://www.linkedin.com/feed/update/urn:li:activity:6457617870846328832/ https://www.facebook.com/fermononrespiri/photos/a.684807568264668/1937835536295192/?type Se il buongiorno si vede dal mattino, auguri col botto !!! Nei commenti che seguiranno gli autori saranno lieti di invitarvi alle varie presentazioni on-line che ci saranno, nonché firmeranno autografi e tatuaggi vari. Buona lettura a tutti Potete comprarlo QUI
  15. Buonasera , Tra un anno andro a lavorare in un nuovo Centro. C'è da decidere se installare Una rm a 1,5 o 3 T. LA quale sarà l'unica rm. Sapete dirmi quali sono I vantaggi e soprattutto svantaggi del 3 Tesla? sentivo dire Che I tempi di preparazione Della sequenza sono molto piu lunghi e Che su certi distretti ci sono molti piu artefatti. Siccome giovedî verranno a presentarci Una 3t Philips, sapete darmi consigli e informazioni piu precise di quelle che so io? Altra question, Meglio Siemens o Philips? Thanks
  16. Buonasera a tutti, qualcuno sapremmo dirmi perché, i collimatori, quando eseguiamo una scintigrafia, a bassa energia, conferiscono all'immagine una migliore risoluzione rispetto ai collimatori per le alte energie?
  17. Si, direi che provare è la strada migliore.
  18. Angio tac aorta toraco-addominale
  19. E in caso di angio, se devo fare uno studio per embolia, metto la roi sulla biforcazione delle arterie polmonari.. E Qual è l altro caso?
  20. Nella TC torace con m.di c. non serve la ROI. Se invece parli di Angio TC il discorso cambia, e sostanzialmente hai due possibilità a seconda del quesito clinico.
  21. Buongiorno a tutti, sono una studentessa e avrei una domanda.. Quando eseguo uno studio Tc torace con mezzo di contrasto, la roi dove devo posizionarla?
  22. beh, anche le bande di saturazione alzano il tempo di acquisizione (probabilmente di meno rispetto ad oversampling) ma di solito dare più oversampling garantendoti più SNR poi ti permette di ridurre medie o cmq di alzare la bandwidth. quindi quel che perdi da una parte poi lo recuperi da un'altra. cmq farò delle prove
  23. Si. In linea teorica e' giusto quello che dici, ma l'oversampling implica un aumento del TA e quindi io non l'ho mai utilizzato.
  24. ma in linea teorica non dovrebbe essere meglio usare ovesampling? ti evita il ribaltamento (forse anche meglio delle barre di saturazione) ed in teoria di aumenta il SNR di fondo della sequenza
  1. Load more activity

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links