Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.

Marc9

Utenti Attivi
  • Content count

    3
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0 Neutral

About Marc9

  • Rank
    Newbie

Profile Information

  • Tipo di Utente
    Professionista Generico
  1. Tranquillo, lo capisco, inoltre potevo specificare di essere uno studente
  2. Ci riprovo, sono uno studente alle prime armi, non un paziente; mi piacerebbe sapere le principali differenze tra con beam e fan beam, (oltre al fatto che uno è un fascio a cono e l'altro a ventaglio), del tipo quando è meglio usare l'uno o l'altro e perché. Poi come seconda cosa, ho capito che in un macchinario tac 64 (ad esempio) il numero indica il numero di file di detettori lungo l'asse del paziente (mentre su quello ad esso perpendicolare il numero può variare) ma rappresenta quindi anche l'ampiezza massima del fascio, giusto? Spero siano domande consone, in caso contrario mi dispiace, fatemi sapere.
  3. Ciao a tutti, volevo sapere alcune cose davvero basilari essendo alle prime armi: 1) differenza tac cone beam e non e quando è preferibile l'una all'altra 2) so che una 64 strati differisce, ad esempio, da una 128 in "file di detettori" ma come è rapportato ciò alla dose erogata? Cioè al paziente sarà erogata meno dose con la 128 dato il minor tempo di esposizione? 3) ho letto di erogazione a ventaglio ed erogazione a cono (cone beam); quando è meglio usare l'una e quando l'altra? Inoltre, se non ho capito male, nella cone beam può essere modificato lo spessore del raggio che è a cono appunto, diciamo qundi che ha uno spessore elevato; in quella a ventaglio anche? Chiedo perché allargando nell'erogazione a ventaglio non so se si possa ottenere comunque uno spessore tale da dover parlare di cone beam e non più di "a ventaglio" Grazie mille e scusate le domande per voi sicuramente banali

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links