Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.




LucianoT

Utenti Inattivi
  • Content count

    1
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0 Neutral

About LucianoT

  • Rank
    Newbie

Profile Information

  • Tipo di Utente
    Paziente
  1. Salve a tutti mi chiamo Luciano e sono un "ragazzo" di 39 anni.. Per una ischemia venuta fuori da un Ecg sotto sforzo a maggio vengo ricoverato e sottoposto ad angiografia coronarica pur avendo i valori del sangue nella norma, non fumatore, non bevitore, colesterolo nella norma, non sedentario. Tramite la angiografia coronarica mi viene diagnosticata la presenza di un ponte intramiocardico di ramo discendente anteriore. I successivi giorni, dopo le dimissioni, accuso uno strano fastidio-dolore al petto e dolore diffuso al braccio destro in corrispondenza dell'arteria radiale. Faccio qualche ricerca sul web è leggo su più siti scientifici che per diagnosticare un ponte intramiocardico oggigiorno esistono le TC Coronariche di ultima generazione che abbattono di tantissimo le dosi radiologiche(si parla di 100 volte ) e si raggiungono risultati di diagnosi addirittura superiori. Quindi a questo punto già provo un pò di delusione per non essere stato indirizzato dai medici verso un esame diagnostico molto meno invasivo, soprattutto considerando la mia giovane età e le mie caratteristiche medico sanitarie, valutando anche lo stile di vita da me condotto fino ad ora. E anche per il dolore al braccio che perdura a distanza di 10 giorni dall'esame invasivo e un certo malessere diffuso. Leggendo i dati forniti nella pubblicazione dell'Iss e in altre pubblicazioni scientifiche si evince ( non sono un medico e potrei sbagliarmi ) che la dose media di radiazioni per una coronarografia si aggira intorno ai 10 mGy, ossia 10 mSv. Una dose alta ma pur sempre contenuta e ragionevole. Oggi ho ritirato in ospedale il cd della coronarografia e trovo questi dati: Total fluoro: 2,7 minuti Exposures: 9 Total: 3439,5 μGym al quadrato 582 mGy Quando ho letto 582mGy mi sono letteralmente impaurito. La media non dovrebbe essere di 10mGy e cioè 10mSv? Non capisco neanche questo dato in metri quadrati per μGy. Nelle varie pubblicazioni quasi sempre leggo solo di un dato in cm quadrati e non in metri. Mi aiutereste a capire bene questo dato che esce fuori dalla coronarografia? ve ne sarei veramente grato. Saluti Luciano

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links