Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.




Oscar Brazzo

Custode
  • Numero contenuti

    3480
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di Oscar Brazzo

  1. E perché hanno scelto il carpo sinistro?
  2. Mi ha sempre formicolato una domanda e non mi ricordo se l'argomento è stato già trattato. Ma perché per lo studio dell'età ossea si esegue la radiografia dell'arto sinistro? Prima di cercare in rete sentiamo i vostri pareri... Io una teoria c'è l'ho... Ve la faccio intuire con un'altra domanda: nei mancini si esegue sempre RX carpo sinistro? A voi la palla.
  3. L'Esame TC dell'orecchio viene eseguito con paziente Supino Head Firrst Il capo del paziente deve essere lievemente iperesteso, in modo che l'asse verticale del gantry passi circa 1 cm al di sotto della base dell'orbita e sul meato acustico esterno. Questa posizione è importante per evitare l'irradiazione del cristallino. L'esame viene eseguito perlopiù per lo studio delle strutture osse (quindi catena ossiculare, canali semicircolari, canale acustico esterno, canale acustico interno e la piramide mastoidea) o la membrana timpanica, quindi non necessita di somministrazione di mezzo di contrasto. In alcuni casi però vengono richiesti esami su pazienti con processi espansivi (il più tipico è il neurinoma dell'acustico) o patologie infettive infiammatorie, e il MDC può diventare utile o necessario. Le immagini acquisite vengono poi ricostruite in piani coronali e sagittali puri, ma anche in piani adatti a visualizzare la catena ossiculare e i canali semicircolari. Approfittando di una discussione precedente, nella quale si invitava a raffrontare i vari protocolli di indagine TC, posto il protocollo di scansione che utilizziamo nella nostra struttura per la TC dell'orecchio con MDTC a 64 banchi. Apparecchiatura: Toshiba Aquilion CX a 64 banchi - Tipo Scansione: Helical - Tempo di rotazione del tubo: 0.75 sec - Numero detettori: 64 - Spessore strato:0.5 mm - Pitch Factor: 1.641 - Helical pitch: 41.0 - Configurazione del rivelatore: 0.5*64 - FOV di acquisizione: SS (180 mm) - Kv: 120 - mA: 150 - Tempo di scansione (per circa 200 mm): 8.9 sec - Filtro: Bone Plus (HR) - VOLUME di acquisizione: 0.5*0.3 mm VALORI DI DOSE sul paziente CTDI vol: 36.00 mGy DPL: 338.4 mGy/cm
  4. se uno è Tsrm, anche se non esposto, ne ha diritto. Dimmi in privato a quale collegio sei iscritto.
  5. L'indennità di rischio radiologico è un'indennità professionale specifica, quindi ogni Tsrm ha diritto a percepirla. Oltre al sindacato, che ovviamente ti dovrebbe tutelare, esiste una entità che si chiama Collegio.
  6. Anni fa ricordo di aver letto che il nome PICO deriva dal fatto che in Italia il protocollo di scansione è stato messo a punto nell'ospedale "Mirandola" di Modena.
  7. Io voglio essere ottimista: non sará la nostra professione a sparire per prima! http://www.ilpost.it/2015/12/08/piccioni-riconoscono-tumori/ lo lo voglio vedere un piccione a farla una mammografia ;-)
  8. Per fare un encefalo puoi centrare anche sulla punta dei piedi... l'importante è che tu dica alla macchina cosa hai fatto e come vuoi che questa si comporti. Dipende da come é scritto il protocollo: un cranio puó essere centrato al vertice con scanogramma in ingresso o al mento con scanogramma in uscita. L'unica regola é la memoria del protocollo.
  9. Ciao Frank. Io uso una Aquilion CX, se posti qualche immagine di protocolli posso vedere di sistemare.
  10. Per i controlli post lussazione farei una AP ed una tangenziale per la glenoide.
  11. Direi che nei controlli, così come per il 99% delle richieste di RX spalla sono sufficienti due proiezioni, senza scervellarsi. L'acuto è diverso dal controllo. Quindi, a meno che non lavori in un centro ortopedico specializzato con radiologi e chirurghi o clinici abituati a proiezioni che conoscono solo 4 persone al mondo, vanno bene le 2/3 proiezioni imparate a scuola :).
  12. Ciao Mau. Come seconda proiezione in caso di lussazione io eseguo la proiezione Y (di Neer), in classica obliqua PA se il paziente è in ortostasi o obliqua AP se steso o semiseduto. Con questa proiezione si stabilisce con certezza se la testa omerale è lussata anteriormente o posteriormente; nel primo caso si dispone sotto la coracoide, nel secondo sotto l'acromion scapolare.
  13. Apperò, ci sono mdc che sanno di essere epatospecifici e non si depositano nel cervello! Ma pensa te...
  14. I magri per la TC sono una tragedia:D. C'è poco grasso che contrasta con tutto il resto. Per quanto riguarda l'aumento dei Kv negli obesi, io direi di sì (aumenti la penetrazione del fascio), soprattutto per chi non ha a disposizione i ricostruttori iterativi; però bisogna tener presente l'incremento della dose e quindi prestare attenzione a come possono essere modificati gli altri parametri tecnici. PS: bentornato Oscar
  15. Ciao Danilo. A cosa ti riferisci nello specifico? Qualche caso particolare?
  16. Diamo i numeri a lotto: con la Toshiba 64 io uso 50-70. Ma io aspetterei qualcuno che utilizza la stessa macchina.
  17. Per qualsiasi esame che si discosti dallo standard esiste lo specialista d'aria radiologica che giustifica e/o modifica la prescrizione.
  18. Se il paziente non può stare in piedi, si può procedere in due modi: 1) laterale a bandiera a paziente supino 2) A-P con paziente sul fianco sinistro e cassetta dietro la schiena; se c'è aria libera, questa si disporrà dalle parti del fegato.
  19. Ci vuole anche un po' di fortuna... Magari si sa una sola cosa e ti chiedono proprio quella :D.
  20. Esistono esami TC che io considero "specialistici": uno di questi è lo studio TC della spalla instabile con misurazione comparativa dell'area glenoidea. Mi risulta che nella mia zona il nostro centro (UOC di Radiologia - Ospedale "Di Venere" di Bari - ASL BA) sia l'unico che esegua questo esame, visto che gli ortopedici che si occupano chirurgicamente di questa patologia indirizzano presso di noi i pazienti da operare. Apro questo post al fine di verificare su scala "nazionale" lo stato dell'arte e in quali strutture si eseguono studi simili. La TC della spalla con quello che viene definito "Metodo PICO" è un esame abbastanza rapido come acquisizione, ma necessita di tempi di elaborazione non altrettanto rapidi. Vi allego uno spezzone di una mia presentazione sullo studio radiologico della spalla. Ad ogni modo in rete si trovano parecchi articoli e presentazioni sicuramente più lunghi ed elaborati che vi invito, comunque, a visionare se siete interessati all'argomento. TECNICHE “ SPECIALI” TC STUDIO TC DEL DEFICIT GLENOIDEO con METODO “PICO” Ospedale di Mirandola (Azienda U.S.L. MODENA) Il metodo "PICO" prevede lo studio comparativo delle spalle del paziente con MDTC - Il difetto osseo glenoideo superiore al 15-20% è la principale causa di controindicazione l'intervento di stabilizzazione artroscopica OBIETTIVO - Fornire in termini di area di superficie e di percentuale di superficie l'entità del difetto osseo Tecnica di esecuzione e rielaborazione Paziente in decubito supino sul lettino TC con entrambe le spalle comprese FOV Esecuzione dello scout view che servirà per l'esecuzione delle successive scansioni assiali Scansioni assiali con tecnica spirale eseguite con spessore di 1.3/0.6 mm. Tali dati possono variare a seconda del tipo di apparecchiatura e dal numero di banchi di detettori Ricostruzioni MPR parallele alla glena per ottenere un’immagine frontale dell'intera glena Sull'immagine frontale della glena "sana “ si disegna una area circonferenziale ottenendo così l'AREA GLENOIDEA normale disegnando, inoltre, il contorno dell'eventuale difetto osseo ottenendo così l'AREA di DIFETTO GLENOIDEO La stessa area viene disegnata sulla glena patologica… Si calcola la percentuale di difetto glenoideo con una semplice proporzione (% glena mancante= difetto osseo*100 / glena normale). 64.42*100 / 397.51 = 16.2 % TC spalla pico.ppt
  21. Se mi espongo al sole per mezz'ora mi abbronzo più o meno che se mi espongo al sole per 3 ore? Rispondete a questa domanda ed avrete la risposta al quesito. Detto questo, ogni parametro, considerandolo da solo, contribuisce in qualche misura alla dose; poi vabbè, il discorso si fa d'insieme e non solo sui singoli parametri.
  22. Io solo perché l'ha già perdonata qualcun altro :D.
  23. Ciao a tutti. Sin dall'inizio di questa avventura, quando un mio visionario collega diventato amico decise di aprire uno spazio di confronto professionale per Tecnici di Radiologia (e non n solo), RM-online prima e Fermononrespiri poi sono stati sostenuti dalle donazioni volontarie degli iscritti all'associazione IDEA RM. Grazie a questo, al lavoro dello staff del sito, alla sempre più crescente voglia di aggiornamento e di interscambio di opinioni per migliorare la conoscenza e la pratica lavorativa, questo spazio è cresciuto in maniera esponenziale, diventando probabilmente il primo luogo virtuale de tecnica radiologica in Italia. Abbiamo raggiunto insieme a voi traguardi forse inimmaginabili 8 anni fa. E come spesso accade in ogni ambito, si arriva ad un certo punto e ci si rende conto che c'è bisogno di una spinta propulsiva necessaria a ravvivare un progetto, sia pure di successo. Il modo migliore per migliorare ancora il lavoro fatto in questi anni era affidarsi a persone competenti di valore assoluto fuori discussione. Fatto questo doveroso preambolo, sono lieto di comunicarvi che abbiamo passato le chiavi del la gestione del forum agli amici di AITASIT, che continueranno il lavoro fin qui svolto, portando l'esperienza per migliorare ancora questo incredibile luogo di aggregazione. Tutti noi siamo sicuri che non ci possa essere partner migliore per continuare il buono fatto fino ad ora. Nell'augurare buon lavoro ai colleghi e amici di AITASIT che ereditano le "chiavi" del sito per portare una sicura nuova energia positiva propulsiva, vi porto i saluti da parte di tutto lo staff di FNR che fino ad oggi ha contribuito a tenere le redini del forum e lo ha traghettato allo stato attuale, con i suoi pregi ed i suoi limiti da infrangere. Un enorme ringraziamento ovviamente ai protagonisti veri di questo viaggio che siete tutti voi. Ogni intervento sul forum ed ogni euro donato sono stati il pane per arrivare a questi incredibili risultati. Il sito continuerà ad esistere e noi ci saremo sempre e comunque, come utenti ovviamente. Un abbraccio virtuale da tutti noi a tutti voi. A presto !

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links