Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.




rosanna

Utenti Attivi
  • Numero contenuti

    2608
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

630 Excellent

5 Seguaci

Su rosanna

  • Rank
    Junior Member
  • Compleanno 23/07/1960

Profile Information

  • Tipo di Utente
    Professionista Radiologia

Visite recenti

2586 visite nel profilo
  1. No il turbo factor lo imposti tu. Per questa cosa che ha fatto il collega devi chiedere a lui quale è il razionale per cui l'ha fatta. Il TR lo imposti come vuoi, non hai bisogno di togliere concatenazioni. Sulla mia macchina si inseriscono automaticamente in base al TR che utilizzi e al numero di slice da copriere, sulle altre non so.
  2. Tutti i parametri della risonanza magnetica sono correlati uno con l'altro. L'utilizzo di uno ti permette o non di utilizzare l'altro. Per questo motivo l'argomento è complesso e va studiato con cura e in modo sistematico.
  3. Si certo. In T1 puoi arrivare circa a 4, mentre in T2 puoi acquisire tutta la matrice se hai il TR sufficientemente lungo.
  4. Ho scritto parecchio sul SAR. Se vuoi trovi tutto sul mio blog. Perchè mi continui a chiedere conferme di cose già dette? Non mi sono spiegata? Comunque è corretto meno che questa parte " Le righe di acquisizione del K spazio dipendono dal fattore turbo e non dal TR. Comunque visto che stai dando una occhiata al libro che ho citato, avrai visto che li è spiegato tutto in modo semplice e scorrevole. E' un ottimo roferimento per chi deve studiare. Ti consiglio di utilizzarlo dall'inizio alla fine. Ti si apriranno nuovi orizzonti.
  5. Si. La formula la trovi sul libro che ho citato.
  6. Grazie Tommy
  7. Perchè il fermo ti consente di smaltire un po' di SAR che nel frattempo il paziente ha accumulato nelle prime 15. Non puoi mandare una sequenza all'infinito senza bruciare il PZ. Un conto è scaricare tutta la potenza in un istante e un conto è diluirla nel tempo. Con le concatenazioni la diluisci nel tempo, L'aumento del TR fa la stessa cosa. All'operatore scegliere che cosa vuole fare per non bruciare il paziente; snaturare la sequenza o dividerla per tenerla come gli piace. Il risultato a livello di SAR è lo stesso. A livello di immagine no.
  8. Una breve trattazione sulla codifica del segnale RM spero aiuterà a derimere un po' di dubbi
  9. Andres come ti ho già detto le acquisizioni multi slice sono una cosa diversa ed è una tecnologia che non tutte le apparecchiature hanno. Quindi il tuo concetto è sbagliato. Per quanto riguarda la codifica del segnale spero di avere tempo per inserire qualcosa sul mio blog che spero ti possa chiarire il concetto del perchè acquisire con gradienti diversi. Ma ho bisogno di un po di tempo.
  10. Allora Mau, al primo quesito ti rispondo che la toshiba e la GE non hanno questa opzione per le spin echo, quindi se qualche industria a livello tecnologico l'ha inserita non te lo so dire. La sequenze turbo spin echo depongono più SAR al paziente, quindi l'accorgimento tecnologico trovato dalle industrie per limitare questo fenomeno è proprio quello di allungare il TR oppure di segmentare l'acquisizione. La fisica non cambia ma la tecnologia aiuta. Un lungo ETL significa piu echi ma anche più SAR e quindi questa è la risposta agli altri quesiti. Uno stacco tra le due concatenazioni c'è, se presti attenzione quando fai tirocinio te ne accorgerai. Le sequenze sono più complesse di quanto sembra.
  11. "Faccio davvero fatica a capire il motivo, magari mi manca un passaggio di base che per voi è scontato, e non mi permette di comprendere al pieno la fisica della formazione dell'immagine. Infatti non riesco a capire il perchè è necessario utilizzare gradienti di codifica di fase di intensità differenti per acquisire le varie linee del K spazio, dato che alla fine anche cambiando l'intensità del gradiente le fasi andranno sempre da +180° a -180°." Per quanto riguarda questa frase che tu hai scritto : hai idea di che cosa sono i gradienti di codifica di fase e frequenza e a cosa servono? Ma qui conviene aprire un'altra discussione
  12. Il flip angle desiderato dipende dall'intensità della corrente applicata per il tempo di applicazione della corrente stesa. Ti pare possibile inviare due impulsi che partono istantaneamente per generare una cosa del genere? Inoltre a livello ingenieristico dovresti avere un circuito che ti consente di arrivare alla massima ampiezza del gradiente istantaneamente (slew rate), e anche questo non è possibile perchè potresti provocare una forte elettrostimolazione nei nervi periferici del paziente che può portare a danni irreversibili al paziente se prolungata nel tempo. Il vicinissimo non è istantaneo a mio avviso, ma io non sono un fisico. Trai da te le tue conclusioni.

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links