Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.

rosanna

Utenti Attivi
  • Content count

    2,631
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by rosanna

  1. Cioè volevo dire: devo aspettare conferma da riccione congressi?
  2. Luca ho mandato l'iscrizione a Riccione congressi, ma per il pagamento basta fare il bonifico come riportato? c/c intestato a PROMHOTELS SOC. COOP. A R.L. INTESA SANPAOLO SPA IBAN = IT 66 D 03069 24112 074000000707 BIC = BCITITMM |CAUSALE= ISCRIZIONE WORKSHOPAITIRM/COGNOME
  3. Ciao. A mio avviso una buona base teorica ti aiuta a superare un eventuale concorso, e perchè non vorresti provarci? Il fatto di non aver mai lavorato come TSRM non significa che in futuro tu non possa farlo. Ci sono tanti colleghi che all'inizio non hanno avuto la possibilità di praticare questa professione ed ora invece lavorano. Mai perdere le speranze e tentare, tentare sempre, se no nella vita non si va da nessuna parte.
  4. Anche secondo me il problema sono i canali attivi al di fuori del campo di vista che con IPAT attivo generano quel tipo di artefatto. Generalmente disattivando l'imaging parallelo l'artefatto scompare. Per lo meno è quello che succede a me
  5. http://cbbi.udel.edu/wp-content/uploads/2017/01/Parameters_Eng.pdf Mi sembra che qui sono spiegati i vari parametri. Devo però guardarlo meglio anche io.
  6. Anche secondo me la risposta è B, proprio perchè vai ad incrementare le codifiche dell'acquisizione. Meglio ancora è utilizzare FOV quadrati e Matrici quadrate. Non so che cosa centra l'allungamento del TR in un artefatto da troncamento ma forse è a me che sfugge...
  7. Un felice natale a tutti.
  8. E anche tanti auguri di buon anno.
  9. No, è legata ai suoi parametri intrinseci: T1, T2, e densità protonica, e ai suoi parametri estrinseci TR e TE. E non va trascurata l'intensità del campo magnetico.
  10. La grandezza dei pixel è appunto legata alla risoluzione. Più utilizzi matrici grandi e FOV piccoli, più il pixel sarà di piccole dimensioni e maggiore sarà la risoluzione spaziale ottenuta, ma calerà in proporzione il rapporto segnale rumore e l'immagine potrà risultare appunto più rumorosa. La perdita di SNR può essere compensata con l'aumento delle medie che però comportano anche un aumento del tempo di acquisizione.
  11. http://mriquestions.com/field-of-view-fov.html https://radiopaedia.org/articles/spatial-resolution-mri-1 http://www.mrishark.com/image-resolution.html
  12. La prima cosa che devi fare a mio avviso è cercare di avere chiaro il significato di risoluzione spaziale.
  13. Domenico sei uno studente o un TSRM? Ti consiglio di porre un quesito per volta e di leggere le varie discussioni già trattate sui vari argomenti. Poi ne parliamo
  14. Una breve trattazione sulla codifica del segnale RM spero aiuterà a derimere un po' di dubbi
  15. Nel tuo caso la tua larghezza di banda è 51200 Hz che in KHz è 51,2 se vuoi avere un riscontro con GE. Quindi 51200 su 320 = 160 Hz/pixel.
  16. Una BW di 1000 Hz diviso la matrice in frequenza, ad es.. 320, Ti da gli Hz su pixel. L'operazione inversa ti darà la larghezza di BW totale. Io la so così
  17. FOV su matrice ti da la grandezza del pixel non gli Hz su pixel.
  18. Il valore della bandwidth espressa in HZ/pixel è uguale alla larghezza di banda del ricevitore diviso la matrice in direzione di codifica di frequenza. Questo tipo di valutazione va ad esplicitare in pratica quante frequenze sono rappresentative di un singolo pixel all'interno della matrice . GE considera l'intervallo di frequenze espresse in KHz compreso tra la più alta e la più bassa frequenza del segnale, che riferito alla received bandwidth è quell'intervallo di frequenze accettato dalla bobina di ricezione per campionare il segnale.
  19. Si. Evidentemente in precedenza non mi ero spiegata abbastanza e me ne scuso. Detto ciò non credo di poter aggiungere altro a questo argomento. Magari qualche collega più esperto di me può. Ciao .
  20. Duty Cycle: è il tempo durante il quale il sistema di gradienti lavora alla massima potenza. Il duty cycle si basa sul tempo totale e include anche la fase di raffreddamento dei gradienti. Rappresenta una misura importante delle prestazioni dei gradienti, e determina la velocità con la quale l’amplificatore è in grado di rispondere alle esigenze di una sequenza di impulsi. Duty cycle del 100%, alla massima ampiezza del gradiente sono tipici anche nelle normali sequenze di imaging. Grandi duty cycle consentono impulsi di gradiente ad elevata ampiezza da utilizzare con brevi ritardi tra gli impulsi. Bassi duty cycle faranno in modo che i TE utilizzati nelle scansioni siano più lunghi, per consentire agli amplificatori di gradiente di tornare ad uno stato operativo standard. Acquisizioni ripetute, con i TE comunemente utilizzati con i sistemi di gradiente ad alta performance, o le tecniche di soppressione di uso comune utilizzate specialmente nell’imaging muscolo scheletrico, possono aggravare il carico di duty cycle. Va ricordato che gli amplificatori di gradiente e le bobine di gradiente sono soggetti a riscaldamento termico, e in genere ogni uno ha il suo limite di duty cycle. Il superamento di tale limite può chiudere o donneggiare l’amplificatore di potenza, danneggiare i cavi del gradiente o la bobina stessa o causare riscaldamenti inammissibili per il paziente. Il carico di duty cycle può essere ridotto utilizzando un tempo di ripetizione più lungo di quello minimo necessario a coprire un determinato numero di strati, a scapito dei tempi di acquisizione che ovviamente si allungano. Tempo di ripetizione TR : descritto nell’ambito del Duty Cicle.
  21. Sei un po' confuso. Aumentando il turbo factor non riduci il SAR, semmai lo aumenti. Numero di impulsi erogati: l’energia utilizzata in una sequenza FSE rispetto ad una SE convenzionale è maggiore, a causa dei multipli impulsi di rifocalizzazione all’interno di ogni singolo TR rispetto ad una sequenza SE. Inoltre, gli impulsi dirifocalizzazione sono associati all’applicazione di gradienti di crushers lungo il gradiente di slice rephasing, per selezionare i segnali desiderati, eliminando tutti i segnali spuri. Queste sequenze portano quindi un’alta deposizione di SAR nei tessuti. Nelle sequenze single shot, che acquisiscono il K spazio in un singolo TR, questo problema è estremizzato. Come precedentemente accennato, per minimizzare il SAR gli impulsi di rifocalizzazione in queste sequenze sono portati fino a 130°, anche se non è l’ottimale per il segnale. Inoltre, impulsi di inversione, pre saturazione spaziale, ecc. depositano energia RF nel paziente portando ad un aumento del SAR, e più impulsi diversificati troviamo in una sequenza, più abbiamo la possibilità di provocare un innalzamento del SAR. Se ti va leggiti quello che ho scritto sul mio blog in relazione al SAR. Velocizzare la sequenza non significa fare un favore al paziente, ma spesso solo al tecnico che esegue l'esame che si deve sbrigare.
  22. No il turbo factor lo imposti tu. Per questa cosa che ha fatto il collega devi chiedere a lui quale è il razionale per cui l'ha fatta. Il TR lo imposti come vuoi, non hai bisogno di togliere concatenazioni. Sulla mia macchina si inseriscono automaticamente in base al TR che utilizzi e al numero di slice da copriere, sulle altre non so.

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links