Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.




Luca Bartalini

Custode del Forum
  • Content count

    3,744
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by Luca Bartalini

  1. Ciao "maxibon". Bel nome ! :-) Qual è il piano nativo di acquisizione? La sequenza è usata come angiografica o, come credo, per il parenchima cerebrale? Le Thrive sono le VIBE di Philips
  2. Grazie mille! Se avrai la possibilità di leggerlo facci sapere cosa ne pensi che l'opinione dei colleghi è essenziale per gli sviluppi ottimali del progetto
  3. Molte grazie!
  4. Meglio così, si è scoperta una cosa nuova. Lo posso usare come caso nel libro Tommy? citandoti nella didascalia...
  5. Eh si cavolo. Molto interessante! Sembra proprio quello il problema a questo punto... Se riesci comunque, per togliersi tutti i dubbi, potresti provare a rifare la 170 con artefatto inserendo un fantoccio di acqua, non riesco a togliermi questa cosa dalla testa non so perché...
  6. Per chi fosse interessato al progetto, su Amazon.com al seguente link, è possibile visualizzare l'anteprima interna del libro con parte dell'indice e del primo capitolo, cliccando su "Look Inside" https://amzn.to/2zq7GDs
  7. A causa della forte richiesta si sono presentati dei ritardi nella consegna del testo all'indirizzo scelto in fase di acquisto su Amazon.it. Si consiglia di controllare il proprio "CARRELLO", verificando i tempi di consegna stimati. Si consiglia inoltre di acquistare tramite il canale " The_Book_Depository_IT. " nella pagina ufficiale di Amazon che garantisce la consegna in tempi ragionevoli (Attualmente scelto come canale principale) . Gli autori e AITASIT si scusano per il disagio il quale risulta interamente legato alle dinamiche di gestione di Amazon.
  8. Vai, facci sapere. Il top Alberto sarebbe fare la stessa identica sequenza sullo stesso paziente, una senza FC e l'altra con FC... se hai tempo prova che allora diventa più riproducibile come esperimento
  9. Ciao Lux. Il libro è solo cartaceo, non esiste edizione digitale, ma ha una sezione online avanzata. Per dettagli ti consiglio di guardare il video di presentazione al seguente topic. Al min.9 parlo proprio di questo. Nel caso in cui tu abbia altre domande scrivi direttamente la altrimenti spostiamo l'argomento della discussione.
  10. Dipende dai brand e dalle release SW. Alcune addirittura consentono l'attivazione su entrambi gli assi per alcune sequenze. In ogni caso, se non ti sballa il gating, attivala che male non fa...
  11. Più colleghi che lavorano su sistemi alto campo dicono che lavorano a valori minori, seguirei il loro consiglio a questo punto
  12. Qua delle tabelle schematiche interessanti di confronto su review ufficiale https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK174456/
  13. Grazie! Durante il trasloco meglio non aggiungere scartoffie, sono d'accordo con te :-)
  14. Ciao Alberto, in realtà hai altre due leve a vantaggio per ridurre/risolvere: 1) Riduci lo spessore di strato (avviamente occhio al SNR e copertura anatomica) 2) Attiva, se già non lo è, la compensazione di flusso in modalità "SLICE" Fammi sapere se va meglio
  15. Ciao Tommy. In effetti mi cogli in fragrante, non conoscevo questo effetto, molto interessante. Potrebbe spiegare l'effetto bordo marcato anche se, nelle tue STIR, si hanno delle ripetizione all'interno dell'anatomia diversamente dalla teoria dell'artefatto descritto online e dall'immagine dimostrativa. Inoltre si presenta una alterazione sensibile nella soppressione del grasso mentre, nell'immagine dimostrativa online, il liquor sembra soppresso correttamente. Per essere sicuri che la causa sia quella c'è un solo modo: modificare il TI a parità di altri parametri nel momento in cui si presenta. Nonostante la spiegazione sia plausibile non sono convinto al 100%. Se riesci, nel momento in cui non si dovesse risolvere la mancata soppressione ed effetto bordo modificando il TI, provi ad inserire un contenitore di acqua o gel ecografico e ripetere come TI originario? In quel momento, se sei d'accordo ovviamente, la inseriremo nel corretto capitolo della sezione on-line Facce sapè e grazie!
  16. Al seguente link la Diretta streaming integrale con audio ottimizzato della presentazione del libro in oggetto. Buona visione
  17. Le vie della risonanza magnetica sono infinite ma a questo punto, se te lo fa su piedi piccoli e "giovani", visto che utilizzi una bobina relativamente grande per quel tratto, potresti provare a mettere dentro la bobina, assieme al piede mal soppresso, una bottiglia d'acqua o gel ecografico. E' possibile che la macchina semplicemente non riesca a fare bene la fase di prescan per scarsa anatomia. Prova e facci sapere che è un bel caso. Da inserire nella sezione online del libro degli artefatti :-)
  18. E' un caso difficile da spiegare tecnicamente. Comunque, visto che hai il parallelo attivato, la prima cosa da fare quando ti ricapita è di ripetere la stessa identica sequenza a PI disattivato e vedi che succede. Poi da lì si può procedere a tentativi. PS: Hai notato peggioramenti su altri distretti anatomici nelle soppressioni in generale, sia spettrali che non?
  19. L'aspetto della prima è di una GE-STIR, mentre la seconda una di ua FastSTIR. Il fatto che siano così abissalmente diverse, quando in realtà si tratta della stessa sequenza con stessi parametri, mi lascia perplesso come Alessandro. La riduzione del potenziale di soppressione può succedere, soprattutto su pazienti molto giovani a causa del grasso bruno, ma l'effetto bordo così marcato, in particolare in regioni anatomiche dove non dovrebbe esserci, è difficilmente spiegabile se si tratta realmente di una STIR basata su echo di spin. Però è significativo notare una cosa: La linea ipointensa che hai segnalato con 2 frecce che segue terzo mallolo, astragalo, sottoastragalica posteriore e si nota anche all'interno dell'articolazione tibio-astragalica, ha un andamento perfettamente sovrapponibile al grasso nel triangolo di Kager. Per caso la codifica di fase è AP?
  20. Ciao a tutti! Grazie per la presentazione scoppiettante Alessandro, troppo buono! Spero che il progetto possa aiutare realmente a divincolarsi in questo nebuloso mondo legato agli artefatti in RM. Il contenuto del libro è a portata di tutti ovviamente ma il progetto nel suo complesso è abbastanza articolato. Per chi volesse saperne di più, stasera (Giovedì 18) alle ore 18:30, verrà fatta una diretta in streaming sul canale Facebook dell'Ass. AITASIT la quale ha gestito tutta la parte di editing e di pubblicazione. A fra poco e : #BeArtifactStyle
  21. Ciao. Per l'anatomia RM a me piace tantissimo questo: https://www.lafeltrinelli.it/libri/atlante-rm-apparato-muscolescheletrico/9788829920730?utm_source=Google-shopping&utm_campaign=comparatori&utm_medium=cpc&utm_term=9788829920730&zanpid=2478130950379784192&gclid=EAIaIQobChMIjafzjNLL3QIVwprVCh0k8wwEEAQYBSABEgLugPD_BwE Per la pstologia/semeiotica specifica questo: https://www.amazon.it/Risonanza-magnetica-dellapparato-locomotore-Dussault/dp/B00C1ZZZO8
  22. Io conosco questo: https://www.ajronline.org/doi/10.2214/ajr.184.6.01841744 Senza contare gli spot sui siti delle varie case produttrici tipo questo: http://www3.gehealthcare.in/en/products/categories/magnetic-resonance-imaging/musculoskeletal-imaging/2d-3d-merge#tabs/tabE2385AEB806541C3B156A4DECED036ED
  23. Semplicemente perché non esistono sistemi di campionamento ADC che riescano a lavorare nell'ordine dei MHz. Almeno che non ci siano state evoluzioni negli ultimi 2 anni...
  24. Salve colleghi, mi sono messo a ristudiare e riorganizzare gli appunti della fisica RM, impresa che richiede molto tempo e impegno ma ne vale fortemente la pena. Mi sono però bloccato sul parametro di BANDWIDTH!!!!!! Allora, da quello che sono riuscito a capire, si tratta della larghezza di banda di campionamento applicata dal convertitore ADC nella fase di campionamento dell'eco (digitalizzazione). Inoltre ho capito che riducendo il valore espresso in Khz, si riesce ad aumentare il rapporto S/r, tagliando fuori il campionamento delle code dell'eco che trasportano rumore di fondo. La riduzione dello stesso però riduce anche la velocità di campionamento, conseguentemente si richiede anche un tempo di eco maggiore.... Fino qua penso di essere stato coerente Il problema però è il seguente: Se riduco il parametro vado a ridurre la FREQUENZA DI CAMPIONAMENTO? penso di no anche perchè, se cosi fosse, la mia digitalizzazione sarebbe meno efficace!!!!!! ma allora cosa vado a modificare?

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links