Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.




Emmanuele Olivi

Custode
  • Content count

    907
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

127 Excellent

About Emmanuele Olivi

  • Rank
    Member
  • Birthday 03/23/1988

Contact Methods

  • Linkedin
    it.linkedin.com/pub/emmanuele-olivi/93/9b5/297/

Profile Information

  • Tipo di Utente
    Professionista Radiologia

Recent Profile Visitors

2,760 profile views
  1. Ciao a tutti! Probabilmente avete letto del recente documento redatto da AIFM, SIRM e FASTER circa il non utilizzo delle radioprotezioni piombate durante esami di RX e TC su pazienti pediatrici e donne in stato interessante. Quanto secondo voi può essere facilmente applicabile una pratica totalmente diversa da quella eseguita finora, alla luce di evidenze scientifiche dimostrano appunto il contrario? Quanto soprattutto possa esser complicato far comprendere alle pazienti o ai caregivers dei pazienti pediatrici che le evidenze scientifiche vanno in una direzione contraria rispetto alle loro aspettative sulla radioprotezione in senso stretto? Ho inserito il documento in oggetto in allegato per chi non ne avesse preso visione Utilizzo dei DPI in Radiologia Pediatrica 2020.pdf
  2. Figurati, in bocca al lupo!
  3. Partiamo con ordine: tra privato e pubblico determinato per sostituzione di maternità preferirei la seconda (hai molti più diritti assicurati). A maggior ragione se vieni assunta pescando da una graduatoria di concorso (quindi a tempo indeterminato): se sei già assunta a tempo determinato in quella stessa azienda utilizzando quella graduatoria ci può essere una maggiore possibilità che “forzino la mano” pianificando le assunzioni, cercando di farti assumere (quando sarà il tuo turno) in quella stessa sede (è conveniente assumere a tempo indeterminato un professionista già formato nella stessa unità operativa in cui sta prestando servizio a tempo determinato). Se ti sei collocata in una graduatoria a tempo indeterminato e vieni contattata per assunzione a tempo DETERMINATO puoi anche permetterti di rifiutare, perché non decadi dalla graduatoria per le assunzioni a tempo indeterminato. Decadi se rifiuti la chiamata a tempo indeterminato. È ovvio che, se sei assunta a tempo determinato e arrivano alla tua posizione per assunzioni a tempo indeterminato, verrai chiamata per l’assunzione a tempo indeterminato: in tal caso ti dovresti dimettere da quell’incarico a tempo determinato per farti assumere a tempo indeterminato. Se tu venissi assunta a tempo determinato e nel frattempo ti dimetti dall’incarico per motivi personali (esempio, un’altra azienda ti assume a tempo indeterminato) non decadi dalla graduatoria per eventuali assunzioni a tempo indeterminato. Spero di aver chiarito i tuoi dubbi!
  4. Le aziende sui propri siti hanno una sezione riguardante i concorsi, dove oltre a conservare le graduatorie in corso di validità (e talvolta anche quelle scadute) a volte indicano anche la posizione dell’ultimo candidato nominato per l’assunzione. Qualora quest’ultima parte non dovesse essere presente, il consiglio è quello di telefonare all’ufficio personale/concorsi per chiedere delucidazioni.
  5. Solitamente la commissione prepara una sorta di bussolotto dove inseriscono dei bigliettini nei quali ci sono scritti dei numeri, ognuno dei quali corrisponde ad una domanda o ad una serie di domande preparate in precedenza dalla commissione e presenti in un elenco. Ogni candidato pesca un numero e viene interrogato sulla domanda corrispondente. Sarà poi discrezione della commissione riagganciarsi o meno ad altri argomenti correlati. Le conoscenze linguistiche e di informatica talvolta sono una pura formalità in quanto vengono chieste nozioni che per un TSRM dovrebbero essere basilari. Spero di essere stato esaustivo, ciao!
  6. Domanda aperta: quali sono le proiezioni standard per l'esecuzione dell'esame rx dei seni paranasali?
  7. Ecco qua in allegato l'atto del decreto ministeriale che elenca le sedi dove sono attivi i corsi di laurea magistrale delle professioni sanitarie. In particolare quello che interessa i tecnici di radiologia è il corso di laurea magistrale in scienze delle professioni sanitarie tecniche diagnostiche (LM SNT/3). Ovviamente sonio anche indicati i posti disponibili! tabelle_magistrali.pdf
  8. La proiezione è il rapporto fra l'incidenza del RC (Raggio Centrale) e la posizione del paziente. La proiezione Antero-Posteriore (A.P.) è data dall'incidenza del RC perpendicolare al Piano Coronale Mediano (PCM) e parallela al Piano Sagittale Mediano (PSM), nonchè perpendicolare al Piano Sensibile (PS). Il RC entra ventralmente ed esce dorsalmente dal paziente, mentre entra dorsalmente ed esce ventralmente nella proiezione Postero-Anteriore (P.A.), mantenendo inalterati gli altri criteri di correttezza. Il paziente è quindi La proiezione Latero-Laterale (L.L.) si ottiene quando il paziente è in decubito laterale ed il RC incide perpendicolarmente al PS e al PSM del paziente e parallelamente al PCM. Per proiezione obliqua s'intende quella proiezione dove il RC resta perpendicolare al PS ma è il paziente che si trova in una posizione obliqua, da non confondere con le proiezioni decentrate dove invece è il RC ad incidere obliquamente sul PS indipendentemente dalla posizione del paziente. La obliqua anteriore destra (O.A.D.) è proiettivamente identica alla obliqua posteriore sinistra (O.P.S.) così come la obliqua anteriore sinistra (O.A.S.) è proiettivamente uguale alla obliqua posteriore destra (O.P.D.), cioè si ottiene lo stesso risultato radiografico di rappresentazione dell'oggetto in esame. Si chiamano in questo modo a seconda del lato offerto al tubo radiogeno (ventrale o dorsale) e a seconda del lato che avanza verso il tubo radiogeno (destro o sinistro), per cui ad esempio una proiezione dove il paziente è supino e obliquato con il fianco destro sollevato sarà una O.A.D.. Le proiezioni decentrate si distinguono in: cranio-caudale (RC inclinato dalla testa verso i piedi), caudo-craniale (viceversa della precedente), medio-laterale (RC inclinato dalla linea sagittale mediana verso l'esterno), latero-mediale (viceversa il RC si avvicina dall'esterno alla linea sagittale mediana). La proiezione assiale consiste nell'incidenza del RC lungo la linea dell'asse longitudinale principale del segmento in esame. Nella proiezione tangenziale il RC incide perpendicolarmente al PSM e tangenzialmente alla struttura in esame. Infine la proiezione triclinare è la proiezione in cui il RC incide orizzontalmente con il paziente in decubito laterale, realizzando di fatto una A.P. o una P.A. ma è diversa la forza di gravità che agisce sulle strutture in esame.

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links