Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.




Alex Tom

Custode del Forum
  • Content count

    2,586
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

1,016 Excellent

About Alex Tom

  • Rank
    Senior Member
  • Birthday 08/10/1971

Contact Methods

  • Twitter
    @AlexTombolesi
  • Linkedin
    http://it.linkedin.com/in/atombolesi/

Profile Information

  • Tipo di Utente
    Professionista Radiologia

Recent Profile Visitors

6,308 profile views
  1. Non su quella macchina, ma su altre 16 strati si. E’ un normale problema di carico termico dovuto alle esposizioni troppo lunghe dovute alle fasi troppo ravvicinate. Non c’è soluzione se non diminuendo kV in fase angiografica e mA laddove possibile, utilizzando esposimetri se a disposizione, riducendo i campi di irradiazione al minimo e riducendo il numero delle fasi al minimo indispensabile. Potete anche aumentare lo spessore di ricostruzione o diminuire i tempi di rotazione ad esempio, oppure aumentare il pitch. Avete diverse strade a disposizione, in ognuna delle quali però dovete scendere a compromessi di qualità di immagine, probabilmente le dosi sono troppo elevate, anche quella è da considerare Quali CTDI avete per le varie fasi? Facci sapere.
  2. La finestra parenchima (WW ampia e WL negativo) di suo esalta il contrasto già esistente tra interstizio ed aria, la presenza del mezzo di contrasto influisce poco in questo contesto. Sarebbe tuttavia meglio applicare un filtro ad elevato contrasto per esaltare ancora di più la differenza dei tessuti e soddisfare la visione che la finestra si prefigge.
  3. https://bur.regione.veneto.it/BurvServices/pubblica/Download.aspx?name=1464_AllegatoA_215688.pdf&type=9&storico=False
  4. Ciao, cosa intendi per imprecisione dei numeri TC? Forse questo può esserti d'aiuto ad inquadrare l'argomento?
  5. Io non ho capito la domanda La slide 18 è questa?
  6. Ciao Alessio, se n'è parlato diverse volte all'interno del forum. Prova con la funzione cerca. Ad esempio :
  7. Il tema della pandemia era rimasto abbastanza estraneo al contesto di questo Forum, giustamente considerando che tutti in maniera più o meno invasiva, più o meno ravvicinata, siamo stati colpiti tra capo e collo da questo disastro. Innanzitutto il mio pensiero ed il ringraziamento di tutta la community va a quei professionisti sanitari che hanno perso la vita ed a tutti coloro che ancora gestiscono quegli ambienti di lavoro nel quotidiano, a volte e forse troppe volte senza i giusti DPI. Immaginandoci la ripartenza, cosa pensate sia necessario fare?
  8. Non saranno belle ma sono comunque significative, purtroppo se ne stanno vedendo tante anche in pazienti asintomatici.
  9. Credo ci sia un po' di confusione, GE e Toshiba sono macchine con software differenti
  10. Si è giusto, in ritardo scansione tu metti il tempo che desideri avere (di ritardo) dal momento in cui tu premi il pulsante di avvio. Sui tempi e modalità di iniezione, se non hai molta esperienza in TC, magari fatti aiutare dal medico radiologo, che sicuramente sa cosa vuole.
  11. Concordo sul fatto che si debba mettere fine a questa lunga storia.
  12. ESR, Eurosafe Imaging http://www.eurosafeimaging.org/information-for-patients/what-patients-should-know
  13. Non tutto dipende dal macchinario, negli esami è più importante il protocollo d'esecuzione e l'esperienza di chi referta, senza nulla togliere al tecnico che fa l'esame. Per l'avviso di sicurezza direi che non c'è problema, quel pericolo c'è in tutte, sopratutto nelle più recenti
  14. In italiano il manuale di TC ed elementi di tomografia computerizzata di Faggioni e Paolicchi, in inglese il Seeram ed il Tack, lascerei il Kalender per un secondo momento, per iniziare non è proprio l'ideale. Li leggerei anche nell'ordine che ti ho riportato.
  15. giusto per comprendere l'importanza: raggi X e il problema della dose al cristallino abbassata più di 7 volte

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links