Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.




albertone

Utenti Attivi
  • Numero contenuti

    417
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di albertone

  1. Capito. Diciamo che dove lavoro mi è stata data l'indicazione di eseguire solamente le LL nel caso in cui vengano richieste espressamente solo quelle (come nel caso che ti ho riportato sopra): capita ogni tanto qualche specialista che appunto richiede "rx dorsale e lombare in proiezione laterale" e allora in quei casi eseguo, come d'accordo col radiologo, solo le proiezioni LL (di dorsale e lombare) perchè espressamente richieste solo quelle. Il dubbio mi nasceva più che altro quando mi capitano richieste di rx dorsale + rx lombare più "generiche" (magari fatte dal medico di base e non accompagnate da prescrizione dello specialista) richieste comunque per "osteoporosi" ma senza ulteriori specifiche (ti riporto un esempio qui sotto). Essendo richieste per "osteoporosi" il radiologo nel referto andrà, come detto, a fare la morfometria; ma in questo tipo di richiesta più "generico" (dove appunto il medico non ha richiesto espressamente solo le LL) secondo te faccio meglio a eseguire, oltre alle LL, anche le AP (ovvero a eseguire "normalmente" sia dorsale che lombare con entrambe le proiezioni std)? In questo tipo di richieste "generiche" infatti non saprei se seguire la stessa direttiva che mi ha dato il radiologo quando chiedono solo le LL (ovvero di eseguire appunto solo le LL) o se eseguire uno studio più "completo" (sia AP che LL) visto che la richiesta è appunto generica e non è specificata la sola esecuzione delle LL. Poi ho capito perfettamente la tua opinione (che condivido) sull'utilità dell'avere anche l'AP sempre, quello che chiedevo è più che altro un consiglio
  2. Ti ringrazio per il chiarimento Tommy per quanto riguarda l'esempio che ti ho riportato sopra, ho chiesto spiegazioni al nostro radiologo e questo ci ha detto di eseguire solo le LL e basta (LL dorsale e LL lombosacrale; senza quindi le 2 AP) visto che era espressamente richiesto così dallo specialista. Hai scritto che per lo studio morfometrico volendo il TSRM potrebbe fare anche solo le LL (senza AP). Ma questa cosa vale: 1. solo se è espressamente richiesto dal medico prescivente la sola proiezione laterale come nel caso che ti ho riportato sopra, giusto? 2. Mi spiego meglio: se mi fossi trovato di fronte la stessa identica richiesta riportata sopra (quindi sempre con RX dorsale e RX lombosacrale con quesito "osteoporosi") ma senza la nota "proiezione laterale" aggiunta dal medico di base (vedi richiesta qui sotto dove ho cancellato quella nota), sarei stato "obbligato" a eseguire l'esame completo dei due tratti con quindi le due proiezioni standard AP e LL sia per la dorsale che per la lombare (4 proiez totali)? Poi tralasciamo il fatto che sia molto più sensato eseguire sempre sia AP che LL... in questo sono d'accordo con te (ho seguito la discussione e in effetti è molto più sensato eseguire l'esame completo sempre). E' solo per capire come comportarmi dato che il radiologo ci ha chiesto in questo specifico caso di limitarci alle sole LL...
  3. Buongiorno colleghi, tempo fa lessi questo post e, quando ho visto la richiesta qui sotto, ho subito pensato a quando avete scritto nel post. Avrei appunto delle domande in merito a questa richiesta: 1. In questo caso quindi, dato che l'esame è richiesto per osteoporosi, è richiesta per morfometria vertebrale (o comunque ques'ultima deve essere fatta dal radiologo nel referto)? 2. Se sì, è per questo motivo che il medico di base (probabilmente copiando la richiesta dello specialista) ha richiesto la sola proiezione laterale (peraltro scrivendo la nota solo di fianco all'rx dorsale e non di fianco alla lombosacrale)? 3. Nonostante sia specificato "proiezione laterale" di fianco all'rx dorsale, voi fareste sia l'AP che la LL in tutti e due i tratti del rachide richiesto (ovvero 4 proiez: AP dorsale, LL dorsale, AP lombosacrale, LL lombosacrale)?
  4. Buonasera colleghi! Settimana prossima capiterà in clinica un paziente con una richiesta (di un ortopedico) di rx mano sin con studio articolazione trapezio-metacarpale. Che proiezioni eseguireste? Sono sufficienti le proiezioni "standard" della mano (PA e suonatore d'arpa) o è necessario aggiungere qualche proiezione mirata?
  5. Buonasera colleghi, vorrei un chiarimento riguardo all'rx femore. Parto dalla premessa che, per il femore, se il quesito diagnostico è relativo solo a una delle due articolazioni, mi è sempre stato detto che è sufficiente rappresentare solo l'articolazione di interesse (soprattutto in soggetti adulti dove non è possibile rappresentare su un unico radiogramma sia articolaz. anca che ginocchio). Detto questo, consideriamo un pz con richiesta "rx femore dx", con un quesito diagnostico relativo all'articolaz coxo-femorale (es. coxalgia, controllo protesi, ecc...): per quanto riguarda l'AP nessun dubbio poichè andrò ad eseguire una semplice AP femore prendendo articolaz. coxo-femorale; ma invece per la LL è meglio fare la LL vera e propria del femore (con pz in laterale e gamba controlaterale spostata indietro.. come descritto nella sezione Wiki Rx Femore LAT) prendendo ovviamente l'articolaz coxo-femorale oppure è meglio la proiezione semiassiale dell'anca? o vanno bene entrambi i modi? Chiedo perchè ho visto colleghi lavorare col primo "metodo" altri col secondo Ne approfitto per ringraziarvi e per augurarvi buone feste
  6. Buongiorno a tutti. Avrei una domanda sul telecranio in posizione PA. Su un macchinario che ho visto il pz veniva posizionato con detettore davanti e raggi che arrivavano da dietro (quindi una PA) mentre in un altra macchina era il contrario ovvero detettore dietro e raggi che arrivavano da davanti (quindi una AP). 1. la proiezione va eseguita in PA o in AP? 2. Sono corretti entrambi i modi e cambia semplicemente da macchina a macchina che la radiografia venga eseguita in AP piuttosto che in PA?
  7. ok perfetto... Tubo dritto dal punto di vista medio-laterale, ma con una inclinazione caudo-craniale (come nella SMV "normale")... giusto?
  8. Perfetto grazie avevo capito bene allora per la teacup il tubo (a parte l'inclinazione caudo-craniale per eseguire la SMV) rimane dritto "latero-medialmente" parlando (ovvero senza inclinazioni latero-mediali o medio-laterali)?
  9. Penso anche io... in effetti applicando la "teacup" per il lato di interesse invece di una SMV generica sembra venire molto meglio guardando le immagini. Tra l'altro leggendo l'articolo di Wikiradiography mi sembra di capire che, nell'esecuzione della Teacup, spesso si fa l'errore di far compiere al pz il movimento di rotazione della testa in questo modo: Invece di applicare questo movimento a lato (movimento "tilt") che è quello corretto... Da quello che ho intuito quindi per applicare la teacup per visualizzare l'arcata dello zigomo dx, dovrò applicare quel movimento a lato (tilt) a sin. Ovvero il pz, sempre nella posizione come se si volesse fare la SMV, sposterà (con il movimento a lato di tilt) a sinistra la testa (come nella figura sotto)... Ti torna?
  10. Perfetto... quindi diciamo che un buon protocollo per, ad esempio, l'rx zigomo dx potrebbe essere la SMV (con applicato il "teacup" per evidenziare meglio arco zigomatico a dx) + la proiezione che ho riportato prima (quindi se voglio vedere lo zigomo dx pz appoggia l'osso zigomatico, l'orbita e l'ala del naso del lato opposto (sinistro) al piano e il raggio incide a livello dello zigomo in esame (destro) che rimarrà alzato e "sproiettato" dal cranio). Se invece si trattasse di uno studio di rx zigomo bilaterale come protocollo si potrebbe usare sempre la SMV (uno scatto con applicata il "teacup" per l'arco zigomatico dx e un altro scatto con il "teacup" per il sin) + la proiezione che ho riportata prima bilaterale (uno scatto per lo zigomo dx e uno per il sin). Che dici, può andare?
  11. Perfetto. Supponiamo un trauma allo zigomo dx (e contestuale richiesta "rx zigomo dx"), per quanto riguarda la SMV tu la faresti "normale" prendendo tutto il cranio (come la classica proiezione SMV del cranio) e di conseguenza entrambi gli archi zigomatici, oppure useresti il giochino della "Teacup" proposto da Wikiradiography andando a obliquare, sproiettare e collimare sull'arco zigomatico in esame (prendendo quindi solo il lato di interesse nell'RX)?
  12. Ecco la proiezione che intendevo (si chiama Belot-Fraudet).... praticamente identica alla proiezione dei canali ottici di cui avevamo parlato solo che in questo caso il lato in esame non è quello a contatto col piano sensibile ma quello alzato. Tu la esegui o ti limiti ad eseguire la sola SMV in caso di rx zigomo?
  13. esattamente... stasera appena arrivo a casa posto l'immagine
  14. Quindi con prescrizioni di rx zigomo (che per lo più immagino venga eseguita principalmente per traumi) è sufficiente la sola proieione submento-vertice? Se non ricordo male c'era anche una proiezione per visualizzare il corpo dell'osso zigomatico oltre alla submento-vertice per l'arco zigomatico
  15. Ok perfetto...Si purtroppo col telecomando in assenza di "libertà di movimento" ci si deve un po' adattare... Quindi una cosa come questa in figura qui sotto può andare bene tranquillamente... giusto? (sempre per rx assiale di rotula generico intendo)
  16. Perfetto grazie mille Tommy mi hai chiarito un bel dubbio che avevo! Mentre per quanto riguarda la richiesta di "rx assiale di rotula" generico (senza l'angolo specificato) ho letto che avete scritto Quindi sostanzialmente si può scegliere di usare, anche considerando l'attrezzatura a disposizione, un po' l'angolo di flessione che si vuole (meglio però evitare il grado minimo di 30° x i falsi negativi). Quindi noi che abbiamo solo il telecomandato e possiamo farle solo con pz prono potrebbe andare bene secondo te eseguirla con pz con il ginocchio flesso come in figura (ginocchio flesso a circa 90°)? (Come detto con la nostra macchina fatichiamo a ottenere assiali con gradi bassi (i 45-60° intermedi proposti) ma riusciamo a farla tranquillamente con pz che flette il ginocchio a 90° come in figura...e l'angolo a 90° avevate detto che, per l'rx assiale di rotula "generico", poteva andare bene se non erro...)
  17. Grazie mille per il parere Tommy! ho visto diversi colleghi eseguire le 30-60-90 (sempre con telecomandato e quindi per forza con pz prono) nei modi più disparati: Ho visto che alcuni colleghi, per eseguire le assiali 30-60-90, andavano semplicemente a cambiare l'inclinazione del tubo in 3 modi diversi facendo tenere al pz la stessa flessione del ginocchio nelle 3 proiezioni. In pratica il pz teneva il ginocchio sempre con la stessa flessione dell'immagine qui sotto (circa 90°) e semplicemente andavano a inclinare il tubo con 3 angolazioni differenti... Secondo me è un metodo sbagliato perchè facendo così non riesci a valutare come variano i rapporti femoro-rotulei ai diversi gradi di flessione del ginocchio. Obliquando solo il tubo infatti (con flessione del ginocchio costante nelle 3 proiezioni) hai semplicemente tre visioni differenti ma della stessa flessione del ginocchio... Anche secondo te è sbagliato come metodo?
  18. Tutto chiarissimo... 1. Per il discorso dei traumi/sospette fratture anche io non lavoro in PS ma in una clinca quindi non capitano mai pz "gravi" ma al massimo come dicevo pz che controllano una pregressa frattura o traumatizzati recenti ma che appunto o non hanno frattura o è una cosa da poco... Quindi tutti pz che, nella maggior parte dei casi, bene o male riescono comunque a muovere abbastanza bene la gamba. In questi casi quindi dici che si può tentare di fare la frogleg (o la Dunn se si preferisce) magari facendo fare i movimenti al pz e senza forzarlo? 2. Per quando riguarda "le proiezioni di fantasia" che dicevi con pz che ha troppo male in che modo le eseguite? Facendo obliquare un po' il pz facendo una specie di frogleg? 3. Il discorso quindi dell'evitare di fare la frogleg nei pz traumatizzati (e di sostituirla con l'assiale di Arcelin cross-table) è più quindi una cosa da PS con pz traumatizzati molto più gravi... giusto?
  19. Capito grazie comunque, a parte questi dettagli, così come le facciamo noi (col metodo (disegno qui sotto) che ti ho descritto poco fa) secondo te possono andar bene? Anche perchè credo che con la nostra macchina non abbiamo molte alternative per poterle fare diversamente...
  20. Il risultato che otteniamo è una cosa del genere (sono foto fatte col cellulare al monitor quindi la qualità non è il massimo):
  21. Si in effetti ne esistono veramente molti di modi per fare l'assiale di rotula... quindi penso anche io ci sia abbastanza libertà... Quindi secondo te il metodo che usiamo noi che ti ho riportato prima (vedi foto sotto) per fare le assiali di rotula 30-60-90 può andare bene? (come detto in realtà gli angoli del ginocchio nelle proiezioni saranno di circa 115° (per l'assiale che consideriamo a 90°), circa 90° (per l'assiale che consideriamo a 60°) e circa 70° (per l'assiale considerata a 30°) Poi ovviamente sulle immagini non andiamo a scrivere gli angoli reali con cui sono state acquisite le 3 proiezioni ma andiamo a scrivere "30" "60" e "90" (nelle relative immagini "a cui li facciamo corrispondere") così come sono state effettivamente richieste...
  22. In pratica usiamo questo metodo solo con angoli leggermente diversi (70-90-110 appunto invece di 30-60-90)
  23. Anche nel centro dove lavoro abbiamo solo un telecomandato e quindi le assiali di rotula dobbiamo farle per forza con pz prono... Per quanto riguarda le assiali di rotula 30-60-90 abbiamo sempre avuto un po' di difficoltà a eseguirle a causa dei limitati movimenti del telecomandato. La soluzione che uso tuttora (che ho visto consigliata su uno dei post del sito) è la seguente (al nostro radiologo sono andate bene): In pratica, con pz prono, partiamo con una flessione del ginocchio di circa 115° (figura A) e via a via scendiamo coi gradi di flessione del ginocchio (figura B e C) fino a che il braccio del telecomandato consente di prendere la rotula). Incliniamo infatti il raggio cercando di prendere sempre perpendicolarmente la rotula. In pratica quindi l'assiale di rotula eseguita in realtà con ginocchio flesso a circa 115° la consideriamo come se fosse quella a 90°, quella eseguita a circa 90° la cosideriamo come se fosse 60° e quella a circa 70 ° la consideriamo come se fosse l'assiale a 30°.... Quindi le nostre assiali di rotula 30-60-90 in realtà non rispecchieranno esattamente gli stessi angoli delle assiali eseguite con pz supino (infatti saranno in realtà a 70-90-110) ma perlomeno si vede la differenza tra i vari gradi di flessione del ginocchio... Metodo un po' artificioso ma è l'unica alternativa che abbiamo trovato... che dici Tommy, può andar bene? (nelle immagini non si vede ma ovviamente diciamo al pz di tenere le punte dei piedi verso l'alto cosicché non vadano a finire sopra il fascio proiettandosi sopra la rotula...)

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links