Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.

albertone

Utenti Attivi
  • Numero contenuti

    417
  • Iscritto

  • Ultima visita

Risposte pubblicati da albertone


  1. Perfetto grazie...

    1. e, in caso di "rx massiccio facciale" con quesito inerente lo zigomo, andresti a eseguire (oltre a quelle 3 proiez: Caldwell, LL e Waters) le due proiezioni mirate allo zigomo di cui abbiamo parlato prima?

    2. per quando riguarda la collimazione anche per lo studio dei seni paranasali si potrebbe, teoricamente, andare a collimare solo sulla zona dei seni (nei libri infatti vengono mostrate immagini collimate)... però ho visto che solitamente si tende ad acquisire le 3 proiezioni ( Caldwell, LL e Waters (o naso-mento al posto della Waters)) prendendo in tutte e 3 tutto il cranio, questo perchè immagino che si è "vincolati" dal fatto che praticamente sempre il medico usi la dicitura "rx cranio e seni paranasali" anche se il problema è sinusite e, a causa di quel "cranio di troppo", sia meglio comprendere tutto il cranio nelle immagini. Corretto?

    0

  2. 1 ora fa, Tommy27 dice:

    non saprei il razionale preciso. l'ho sempre vista fare a bocca aperta anch'io.

    il seno sfenoidale lo vedi meglio nella LL.

    Capisco... io invece ho visto qualcuno eseguirla a bocca aperta altri invece chiusa.

    Quindi nell'esecuzione della Waters di cui abbiamo parlato prima,  tu (o i tuoi tecnici) sostanzialmente posizionate il pz in piedi con il solo mento che appoggia al piano sensibile e poi chiedete al  pz di aprire la bocca; tenendo come detto il tubo dritto. In parole povere come nella figura qui sotto solo che il pz tiene la bocca aperta. Giusto?

    59666197def87_skullpictures.PNG.ad59df86b22cf24a7409459e16754565.PNG

    0

  3. Il 13/7/2017 at 20:04, Tommy27 dice:

    secondo me sì.

    e penso che per maggior velocità e facilità di centratura convenga fare le 3 proiezioni a tubo e schermo dritto.

    Dimenticavo un cosa @Tommy27: come hai visto dalle immagini che ti ho postato poco fa, per lo studio dei seni sia io (che come detto eseguo come proiezione la Waters: pz appoggia solo mento al piano sensibile, tubo dritto) sia i miei colleghi (che, invece della Waters, eseguono la proiezione "naso-mento" (che abbiamo detto essere equivalente alla Waters): pz in appoggio naso-mento, tubo cranio-caudale) facciamo tenere la bocca aperta al pz.  Da quel che so, il razionale del far aprire la bocca, è il vedere meglio il seno sfenoidale. Secondo te è una cosa che può essere utile? Anche tu lo fai?
    0

  4. Il 13/7/2017 at 20:04, Tommy27 dice:

    secondo me sì.

    e penso che per maggior velocità e facilità di centratura convenga fare le 3 proiezioni a tubo e schermo dritto.

    Si penso anche io sia più immediato farle tutte a tubo dritto (infatti io faccio così :)). Quello che volevo appunto capire era se, per lo studio dei seni,  anche facendo 2 proiezioni su 3 con tubo inclinato (ovvero la Caldewel (fronte-naso) classica con tubo cranio-caudale e la "naso-mento" con tubo cranio-caudale... fatte al posto della "Caldwell modificata" e della Waters entrambe a tubo dritto consigliate dai testi inglesi) si vedessero ugualmente bene i livelli idro-aerei (dato che appunto ho visto sempre fare quelle due invece di quelle proposte dai testi inglesi a tubo dritto e mi sono sempre chiesto se stessero sbagliando "in massa" i miei colleghi ma per fortuna da quello che mi hai detto non è così :D ).

    Il razionale dell'eseuzione a tubo dritto di tutte e 3 le proiezioni per meglio visualizzare i livelli idroaerei immagino quindi che sia una sorta di "finezza" proposta da quei testi inglesi ma a quanto pare non è poi così fondamentale come credevo :) Grazie mille!

     

    0

  5. Si esatto nel Merril quella proiezione la chiama "Caldwell modficata" perchè di fatto è fatta in un altro modo ma è radiograficamente equivalente. Sia nella Caldwell modificata (tubo dritto, con pz che dalla posizione fronte-naso alza leggermente la fronte) sia con la Caldwell vera e propria (tubo cranio-caudale, con pz in appoggio fronte-naso) le orbite appaiono più "libere" dalle rocche petrose rispetto alla classica PA (tubo dritto, appoggio fronte-naso) dove invece le rocche vanno a "invadere" quasi completamente le orbite.

    Per quando riguarda il punto 2 invece è tutto corretto ciò che ho scritto? Te lo riporto

    Cita

    2. Quindi stando a quanto detto finora, volendo il classico studio dell'rx cranio e seni paranasali per sinusite potrebbe essere eseguito o con le 3 proiez descritte nei testi inglesi (LL,Caldwell modificata, Waters...tutte e 3 a tubo dritto) oppure usando le seguenti 3 proiezioni (che sono quelle che ho visto usare per la maggiore dai colleghi): LL, Caldwell (pz in appoggio fronte-naso e tubo inclinato cranio-caudale) e infine, come altenativa alla Waters, la "naso-mento" detta prima (pz in appoggio naso-mento e tubo inclinato cranio-caudale)...  Perchè tanto, pur avendo sia nella Caldwell che nella "naso-mento" il tubo inclinato (e non dritto come suggerisce la "scuola inglese"), gli eventuali livelli idro-aerei si vedono comunque bene. Corretto?

     

    0

  6. 4 ore fa, Tommy27 dice:

    perchè non dovrebbero andare bene?

    le proiezioni radiologiche tutto sommato vanno prese con una certa elasticità... ovvero esistono diverse varianti della stessa proiezione che possono differire per le angolazioni del tubo, dello schermo o del paziente, ma che alla fine della fiera danno più o meno lo stesso risultato

    poi paese che vai usanze che trovi... anche dal punto di vista radiologico.

    sul fatto che per i seni paranasali certi testi consiglino di lavorare a tubo non inclinato il razionale è appunto di vedere meglio i livelli idro-aerei... ma stai sicuro che se anche sei a 15° li vedi lo stesso...

    piuttosto penso che lavorare a tubo dritto sia più facile per il tecnico nella fase di centraggio.

    in pratica secondo gli schemi del libro che hai messo anche la Caldwell la si potrebbe fare tranquillamente non solo a tubo dritto ma anche con schermo dritto... in tal caso diverrebbe una semplice PA del cranio... a questo punto si farebbe tutto lo studio in 3P senza muovere nè tubo nè schermo ma solo in pz.

    magari così è anche più comodo e semplice da fare.

     

    Grazie mille Tommy mi hai chiarito molti concetti:) Solo due chiarimenti: 

    1. Hai scritto:  " in pratica secondo gli schemi del libro che hai messo anche la Caldwell la si potrebbe fare tranquillamente non solo a tubo dritto ma anche con schermo dritto... in tal caso diverrebbe una semplice PA del cranio... a questo punto si farebbe tutto lo studio in 3P senza muovere nè tubo nè schermo ma solo in pz. ".

    Mi ritrovo con tutto a parte la frase "in tal caso diverrebbe una semplice PA del cranio": la PA del cranio classica di solito è descritta col pz che appoggia la fronte e il naso e il tubo dritto (quindi in pratica pz posizionato come per la proiezione di Caldwell classica solo che il tubo non è inclinato cranio-caudale di 15° come nella Caldwell ma appunto rimane dritto). La proiezione che ti ho riportato appena sopra dal Merril (parlo di quella con piano sensibile dritto... vedi sotto) quindi più che una PA vera e propria del cranio (appoggio fronte-naso e tubo dritto) e più una "Caldwell modificata" infatti avremo sì il tubo dritto ma pz non appoggia fronte-naso (come nella PA del cranio classica) ma appunto solleva leggermente la fronte: ottenendo di fatto una proiezione del tutto uguale radiologicamente alla Caldwell (infatti le orbite appaiano abbastanza libere dalle rocche) e non alla PA classica del cranio (dove le rocche tendono a sovrapporrsi molto di più alle orbite). No?

    20170713_115553.jpg

    2. Quindi stando a quanto detto finora, volendo il classico studio dell'rx cranio e seni paranasali per sinusite potrebbe essere eseguito o con le 3 proiez descritte nei testi inglesi (LL,Caldwell modificata, Waters...tutte e 3 a tubo dritto) oppure usando le seguenti 3 proiezioni (che sono quelle che ho visto usare per la maggiore dai colleghi): LL, Caldwell (pz in appoggio fronte-naso e tubo inclinato cranio-caudale) e infine, come altenativa alla Waters, la "naso-mento" detta prima (pz in appoggio naso-mento e tubo inclinato cranio-caudale)...  Perchè tanto, pur avendo sia nella Caldwell che nella "naso-mento" il tubo inclinato (e non dritto come suggerisce la "scuola inglese"), gli eventuali livelli idro-aerei si vedono comunque bene. Corretto?

     

    0

  7. Certo quello sì... non lavorando da tanto volevo solo confrontare se le valutazioni che avevo fatto fossero corrette (per voi con più esperienza è sicuramente più immediato :) ). Comunque fatte le premesse vengo al punto principale che volevo affrontare:

    Nei libri di testo inglese (mi riferisco al Merril e al Boentrager) sono, come detto, descritte (oltre ovviamente alla LL del cranio) la proiezione di Waters (pz che appoggia solo il mento e tubo dritto) e la proiezione di Caldwell (pz in appoggio fronte-naso con tubo inclinato 15° cranio-caudale) sia nella  sezione "generale" del cranio (skull) sia anche in altre sezioni (es. "Facial Bones"). Anche nella sezione per lo studio dei seni paranasali sono indicate queste 3 proiezioni (Caldwell, Waters e LL) ma, in questo caso, su questi testi è riportato che sia importante avere tutte e 3 le proiezioni a tubo dritto per vedere meglio eventuali livelli idroaerei...

    Per quanto riguarda la proiezione LL e di Waters (con pz che appoggia il solo mento) nessun problema perchè il tubo è già dritto, ma per quanto riguarda invece la proiezione di Caldwell (descritta solitamente come detto con pz in appoggio fronte-naso e tubo inclinato 15° cranio-caudale) su quei testi viene sostanzialmente proposta una "Caldwell modificata" dove si tiene il tubo dritto con il pz che, dalla posizione iniziale in appoggio fronte-naso, alzerà leggermente la fronte oppure con il pz sempre in appoggio fronte-naso ma con il piano sensibile inclinato di 15° (di base quindi si toglie l'obliquità cranio-caudale del tubo tenendolo dritto e si "compensa" questa cosa modificando leggermente la posizione del pz).   (immagine qui sotto)

    20170713_115553.jpg

    Secondo te, per lo studio dei seni, è effettivamente così fondamentale avere in tutte e 3 le proiezioni il tubo dritto? Perchè se così fosse sia la proiezione di Caldwell classica con tubo inclinato cranio-caudale (che mi hai detto esegui anche tu così) sia la proiezione "naso-mento" detta prima con pz in appoggio naso-mento e tubo sempre inclinato cranio-caudale (quella descritta nei testi italiani e usata da molti colleghi al posto della Waters classica) non andrebbero bene... 

    0

  8. 13 ore fa, Tommy27 dice:

    sono proiezioni sostanzialmente equivalenti. quindi ognuno faccia quella che preferisce.

    il vantaggio della Waters classica è che la fai a tubo dritto, quindi subito dopo o subito prima della laterale così non devi spostare nulla.

    viceversa se fai la naso-mento ti conviene farla subito prima o subito dopo la Caldwell visto che più o meno hanno la stessa inclinazione di tubo.

    personalmente preferisci avere per comodità 2 proiezioni a tubo dritto e solo 1 inclinata invece del contrario.

    ma è solo questione di gusti

    Ok. Ho sempre pensato anche io che fossero due proiezioni praticamente identiche... 

    Nella Waters classica (quella riportata sui testi inglese che eseguiamo sia io che te) i seni mascellari vengono "liberati" dalle rocche con l'iperestensione del collo (con il pz che appunto appoggia solo il mento e il tubo dritto) mentre nella proiezione "naso-mento"  (quella riportata sui testi italiani ed eseguita da molti colleghi) il pz posizionato con questo appoggio (appunto con naso e mento che toccano piano sensibile) avrà inizialmente le rocche sovrapposte ai mascellari ma, inclinando il tubo cranio-caudale di 15-20°, anche in questo caso avrò i seni mascellari liberi dalla sovrapposizione delle rocche le quali andranno a posizionarsi sotto il pavimento dei mascellari (esattamente come nella Waters classica con solo il mento del pz appoggiato e tubo dritto). Corretto?

     

    0

  9. Ti riporto qui la domanda @Tommy27

    Allora per quanto riguarda le 3 proiezioni da eseguire nel caso dell' "rx cranio e seni paranasali" richiesto effettivamente per lo studio dei seni (es. sinusite) abbiamo detto che esegui la proiezione di Caldwell, la proiezione di Waters e la proiezione LL. Da quello che ci siamo detti mi sembra di capire che le eseguiamo allo stesso modo: tralasciamo la LL che è abbastanza immediata, la proiezione di Caldwell la si esegue con pz che appoggia fronte-naso e raggio inclinato cranio-caudale di circa un 15° (immagine sotto).

    607ec625eeb25c5a40890839df3388_big_gallery.jpg

    mentre la Waters col pz che appoggia solo il mento (e non il naso) al piano sensibile e raggio perpendicolare senza inclinazioni.

    skull pictures.PNG

    Queste proiezione sono un po' "di scuola inglese" nel senso che sia Merril che Boentrager riportano queste proiezioni per lo studio dei seni paranasali e sono quelle che sto utilizzando attualmente.

    Per quanto riguarda la proiezione di Waters però, da quando lavoro, ho sempre visto colleghi (la maggior parte) che non la eseguivano in quel modo che ho descritto sopra (ovvero la Waters vera e proria come la facciamo noi) ma con il pz che, invece di appoggiare solo il mento, appoggia sia il mento che il naso; per quanto riguarda il tubo invece non lo tengono perpendicolare ma inclinato cranio-caudale di circa 15-20° (ti riporto immagine qui sotto presa del Mazzucato). Non saprei neanche se effettivamente questo tipo di proiezione possa essere chiamata lo stesso Waters perchè infatti sui libri di testo italiano viene gergalmente chiamata "naso-mento" (i libri di testo italiani per lo studio dei seni tendono a descrivere questa proiezione con appoggio "naso-mento" invece della Waters vera e propria con appoggio solo del mento descritta nei testi inglesi).

    20170712_215713.jpg

    Confrontando le immagini delle proiezioni eseguite da me (con quindi il pz che appoggia solo il mento e tubo perpendicolare: immag. a sin) con quelle eseguite dai colleghi (pz che appoggia mento e naso e tubo inclinato cranio-caudale: immag. a dx) sinceramente non noto così tante differenze... Ti allego due immagini:

    20170221_161747.jpg20170221_153357.jpg

    Che dici? Sono proiezioni radiologicamente equivalenti per lo studio dei seni (ovvero una vale l'altra)?

    (ah entrambe le proiezioni, sia la mia con solo il mento del pz appoggiato e tubo dritto, sia quella dei colleghi con appoggio mento-naso e tubo cranio-caudale, sono state eseguite con il pz che tiene la bocca aperta... di solito sia io che i miei colleghi la facciamo tenere aperta).

     

     

    0

  10. 4 ore fa, Tommy27 dice:

    la Caldwell c'è lo schema sul link che ho postato prima. guardalo lì.

    Perfetto esegui le stesse identiche proiezioni che eseguo io... Queste 3 proiezioni sono quelle suggerite sui testi inglese. Avevo una curiosità in merito ma se sei d'accordo sposterei la discussione qui (ti ho già scritto la risposta lì) così evitiamo di andare off-topic dato che questa era la discussione per lo zigomo :)

    0

  11. 3 ore fa, Tommy27 dice:

    non saprei se viene utilizzato anche questo sinonimo... so per certo che viene anche definita "occipito-mentale".

    non so se il nome Waters derivi proprio dal nome dell'inventore o se si tratti di un gioco di parole dovuto al fatto che ricorda la posizione che si ha quando si beve un bicchiere d'acqua... almeno mi ricordo che mi rimase impressa 'sta storiella che lessi tanto tempo da e da allora la chiamo sempre così

    1. Questa proiezione di Waters la esegui sostanzialmente col paziente che appoggia solo il mento al piano sensibile e con il tubo verticale giusto? 

    2. Mentre nella proiezione di Caldwell pz appoggia fronte e naso al piano e inclini il tubo cranio-caudale di circa 15°?

     

    0

  12. 10 minuti fa, Tommy27 dice:

    1. di solito non sono così fessi da scrivere una richiesta del genere per un trauma al naso... ma nell'ipotetico caso di una richiesta del genere gliele farei tutte e 3 per il solito discorso medico-legale che è già stato detto e ridetto più volte (a proposito... non vorrai mica richiedermelo per ogni singolo segmento osseo dello scheletro?). questo ovviamente in pz. adulti. se il pz. è molto giovane cercherei di contattare il medico prescrivente per capire cosa intendeva davvero.

    2. no, ho un DR Fujifilm con una latitudine molto buona quindi il problema non si pone. con un unico scatto vedo bene tutto e volendo posso riprocessare un particolare mirato proprio sulle ossa nasali con algoritmo diverso.

    Ho capito ti ringrazio :) quando l'rx cranio e seni paranasali è invece effettivamente richiesto per sinusite voi che proiezioni eseguite?

    0

  13. 6 ore fa, Tommy27 dice:

    Grazie mille Tommy!

    1. Stesso discorso immagino se chiedessero "rx cranio e seni paranasali" per trauma al naso? Anche in quel caso eseguiresti la Waters e la LL entrambe su tutto il cranio e poi in aggiunta la LL mirata al naso (quindi 3 proiez)?

    2. Con la nostra macchina solitamente non riusciamo a "ricavare" la LL del naso dalla LL del cranio perchè nella LL del cranio (pur avendo il pz posizionato come per la LL del naso) di solito diamo dati più alti che vanno a "bruciare" le ossa nasali... rendendo quindi indispensabile eseguire un ulteriore radiogramma mirato al naso con dati più "molli". Stessa cosa per voi?

    0

  14. 2 ore fa, Tommy27 dice:

    1. sì.

    2. sì

    3. sì

    Perfetto grazie... anche io pensavo a una cosa del genere :) veramente assurdo che a volte siamo "costretti" a eseguire proiezioni in più (nella maggior parte dei casi del tutto inutili) solo perchè il medico usa una dicitura "macro" (come rx cranio e seni paranasali) piuttosto che una specifica (rx zigomo).

    Una volta mi capitò una richiesta di "rx mano mirata al pollice e al II dito" (pz aveva dei rigonfiamenti a livello di quelle dita) e in quel caso, dopo aver sentito il radiologo, abbiamo deciso di eseguire solo le rx mirate alle dita (evitando di irradiare tutta la mano inutilmente) visto che nella richiesta, pur essendoci rx mano, era precisato il "mirata".   Capitasse una richiesta tipo "rx cranio e seni paranasali mirata allo zigomo dx" ( :D ) secondo te in questo caso si potrebbero eseguire solo le due proiezioni mirate allo zigomo (SMV con Teacup+Belot-Fraudet) evitando di irradiare tutto il cranio (ovvero considerarla come se fosse un "rx zigomo dx")? 

    0

  15. 41 minuti fa, Tommy27 dice:

    1. sì.

    2. farei solo la LL e la Waters ( https://radiopaedia.org/articles/skull-waters-view )

    Ho capito... sempre riguardo al punto 2 (ovvero proiezioni da eseguire nel caso in cui chiedano "rx cranio e seni paranasali" per "trauma zigomo":

    1. la LL e la Waters le eseguiresti comprendendo in entrambe tutto il cranio?

    2. Oltre alla LL e la Waters che hai detto, eseguiresti comunque anche le due proiezioni che abbiamo detto nel corso del post per lo zigomo (SMV con Teacup + proiez per osso zigomatico Belot-Fraudet)?

    3. Se sì, il motivo per cui, pur avendo lo stesso quesito diagnostico (trauma zigomo), con richiesta di "rx zigomo" ti limiti a eseguire solo le due proiezioni mirate allo zigomo (SMV con Teacup + proiez Belot-Fraudet) mentre con richiesta di "rx cranio e seni paranasali" esegui anche LL e Waters entrambe su tutto il cranio è sempre per motivi medico-legali?  Ovvero se chiedono "rx zigomo" posso limitarmi a studiare solo quella zona mentre se chiedono "rx cranio e seni paranasali", oltre alle proiezioni mirate allo zigomo, dovrò avere anche delle proiezioni su tutto il cranio e sui seni paranasali (stesso discorso per intenderci di quando chiedono "rx mano" per "trauma al dito" dove comunque la mano per intera devo comunque vederla)?

    0

  16. 1 ora fa, Tommy27 dice:

    potresti ricevere richieste scritte sia nell'uno che nell'altro modo

    Immaginavo... prendiamo i due casi:

    1. Richiesta di "rx zigomo dx" per "trauma zigomo":  potrei semplicemente eseguire solo le 2 proiezioni di cui avevamo parlato sopra (ovvero la SMV mirata allo zigomo dx con applicato il  "teacup" per vedere meglio l'arco zigomatico + la proiezione per l'osso zigomatico "Belot-Fraudet" detta prima (vedi sotto)). Giusto?

    Cita

    20170522_202459.jpg

     

    2. Richiesta di "rx cranio e seni paranasali" sempre con quesito  "trauma allo zigomo":  in questo caso, oltre alle due proiezioni dello zigomo citate nel punto 1, faresti anche le solite 3 proiezioni che si fanno per l'rx cranio e seni paranasali (fronte-naso, naso-mento e LL)?

    0

  17. Il 25/5/2017 at 20:09, Tommy27 dice:

    sì.

    Non mi è mai capitato un pz che avesse avuto un traumatismo allo zigomo. Dal punto di vista meramente pratico come viene richiesto questo tipo di esame? Esiste la dicitura "rx zigomo" (come per i traumi al naso dove chiedono "rx ossa nasali") o viene usata la "macro" dicitura "rx cranio e seni paranasali" specificando poi nel quesito "trauma zigomo"?

    0

  18. 13 ore fa, Tommy27 dice:

    il mio consiglio è di fare anche la AP nei casi in cui sei nel dubbio e cmq in tutti quelli in cui non sia espressamente richiesto che si tratta di un esame da farsi esclusivamente nella sola proiezione LL.

    un esame in 2P non lo può contestare nessuno, viceversa un esame solo in LL potrebbe risultare incompleto e non corrispondere a quello che in realtà si voleva richiedere.

    mai capitato di dovermi pentire per aver fatto una proiezione in più... viceversa a volte mi sono pentito di averne fatta una in meno.

    Grazie mille :) per quanto riguarda le richieste "generiche" penso proprio che seguirò il tuo consiglio eseguendo sempre le 2p (limitandomi quindi a eseguire solo le LL quando espressamente richiesto dallo specialista).

    Ho letto nel post che tu esegui sempre le 2p (AP e LL) anche se il pz si presenta con una prescrizione dello specialista che chiede proprio espressamente, ad esempio, "rx rachide dorsole e lombare in proiezione laterale". Hai mai avuto lamentele in questi casi, da parte dello specialista, sul fatto che avessi eseguito anche le AP (oltre alle LL che erano espressamente richieste)?

    0

  19. 1 ora fa, Tommy27 dice:

    il discorso della morfometria vertebrale da fare solo in LL è una cosa che fu stabilito vari anni fa penso più per motivi di costi/tempo d'esame (considera che si facevano che ancora si lavorava tutti in analogico ed i CR e DR di adesso manco ce li sognavamo) che per altro...

    alla fine il tecnico faceva prima a fare l'esame ed allo stesso tempo il radiologo aveva 2 immagini in meno da guardare... ed è forse per questo che in molti posti ci si è abituati a questo modus operandi.

    però come detto prima, l'assenza della AP limita la diagnosticità complessiva dell'esame ed a volte può far sì di non riconoscere certi falsi positivi... ovvero uno potrebbe considerare come deformazioni in LL alcune varianti conformazionali tipo le vertebre ad arco di cupido che invece nella AP risultano ben visibili.

    la AP ti permette anche di contare meglio le vertebre e soprattutto dare indicazioni numeriche corrette in quei casi con dismorfismi dorso-lombari in cui rischi di chiamare una vertebra con un numero inesatto.

    io da quando lavoro per i fatti miei ho sempre indicato ai tecnici di fare sempre la AP in tutti i pz. inviati per morfometria... e devo dirti che in 10 anni non mi è mai capitato che nessun paziente o clinico si sia lamentato della proiezione aggiuntiva.

    ad ogni modo tu devi metterti d'accordo con i radiologi per cui lavori.

    senti loro come vogliono gestire la cosa... se a loro bastano le LL fagli solo quelle...

    +

     

    Capito.  Diciamo che dove lavoro mi è stata data l'indicazione di eseguire solamente le LL nel caso in cui vengano richieste espressamente solo quelle (come nel caso che ti ho riportato sopra): capita ogni tanto qualche specialista che appunto richiede "rx dorsale e lombare in proiezione laterale" e allora in quei casi eseguo, come d'accordo col radiologo, solo le proiezioni LL (di dorsale e lombare) perchè espressamente richieste solo quelle.

    Il dubbio mi nasceva più che altro quando mi capitano richieste di rx dorsale + rx lombare più "generiche" (magari fatte dal medico di base e non accompagnate da prescrizione dello specialista)  richieste comunque per "osteoporosi"  ma senza ulteriori specifiche (ti riporto un esempio qui sotto). Essendo richieste per "osteoporosi" il radiologo nel referto andrà, come detto, a fare la morfometria; ma in questo tipo di richiesta più "generico" (dove appunto il medico non ha richiesto espressamente solo le LL) secondo te faccio meglio a eseguire, oltre alle LL, anche le AP (ovvero a eseguire "normalmente" sia dorsale che lombare con entrambe le proiezioni std)?   In questo tipo di richieste "generiche" infatti non saprei se seguire la stessa direttiva che mi ha dato il radiologo quando chiedono solo le LL (ovvero di eseguire appunto solo le LL) o se eseguire uno studio più "completo" (sia AP che LL) visto che la richiesta è appunto generica e non è specificata la sola esecuzione delle LL.

    Cita

    rachide dorsale  e lombare (ricetta medico base).jpg

     

    Poi ho capito perfettamente la tua opinione (che condivido) sull'utilità dell'avere anche l'AP sempre, quello che chiedevo è più che altro un consiglio :)

    0

  20. 3 ore fa, Tommy27 dice:

    1. sicuramente sì. anche se non scritto espressamente , chiunque con un minimo di buon senso dovrebbe fare la morfometria.

    2 e 3. come già detto lo studio morfometrico dorso-lombare volendo dal punto di vista del TSRM si potrebbe anche solo fare in LL... io però la ritengo una cosa poco intelligente per vari motivi che ho già ampiamente spiegato e penso valga sempre la pena fare anche la AP. quindi farei AP ed LL su tutti e 2 i segmenti, sia dorsale che lombare, indipendentemente da quanto compilato dal medico di base.

     

    Ti ringrazio per il chiarimento Tommy :) per quanto riguarda l'esempio che ti ho riportato sopra, ho chiesto spiegazioni al nostro radiologo e questo ci  ha detto di eseguire solo le LL e basta (LL dorsale e LL lombosacrale; senza quindi le 2 AP) visto che era espressamente richiesto così dallo specialista.

    Hai scritto che per lo studio morfometrico volendo il TSRM potrebbe fare anche solo le LL (senza AP). Ma questa cosa vale:

    1. solo se è espressamente richiesto dal medico prescivente la sola proiezione laterale come nel caso che ti ho riportato sopra, giusto?

    2. Mi spiego meglio: se mi fossi trovato di fronte la stessa identica richiesta riportata sopra (quindi sempre con RX dorsale e RX lombosacrale con quesito "osteoporosi") ma senza la nota "proiezione laterale" aggiunta dal medico di base (vedi richiesta qui sotto dove ho cancellato quella nota), sarei stato "obbligato" a eseguire l'esame completo dei due tratti con quindi le due proiezioni standard AP e LL sia per la dorsale che per la lombare (4 proiez totali)?

    20170710_131839.jpg.fffd915dc3e30ea7973b3aede02fefe3.jpg

    Poi tralasciamo il fatto che sia molto più sensato eseguire sempre sia AP che LL... in questo sono d'accordo con te (ho seguito la discussione e in effetti è molto più sensato eseguire l'esame completo sempre).  E' solo per capire come comportarmi dato che il radiologo ci ha chiesto in questo specifico caso di limitarci alle sole LL...

    0

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links