Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.

davidebene

Utenti Attivi
  • Numero contenuti

    64
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

58 Excellent

1 Seguace

Su davidebene

  • Rank
    Advanced Member
  • Compleanno 17/05/1987

Profile Information

  • Tipo di Utente
    Professionista Radiologia

Visite recenti

882 visite nel profilo
  1. la prima cosa importante è avere ben chiaro il concetto di “simulazione”... cosa significa? effettuare una simulazione significa andare a verificare che l’isocentro di terapia individuato dal fisico sulla tc di centratura effettuata in precedenza (sulla quale il medico ha individuato il volume-bersaglio) corrisponda effettivamente nella realtà ! con le tecniche odierne (sempre più improntate sull’ IGRT, terapia guidata dalle immagini) la simulazione assume un’ importanza sempre più secondaria! riguardo al protocollo di esecuzione è molto variabile di centro in centro .. dipende dalla pratica quotidiana e dalle apparecchiature a disposizione! il concetto è comunque il medesimo per ogni distretto anatomico! si esegue quindi una tc,con il pz posizionato esattamente come Nella tc iniziale di centratura, ovvero nella posizione con la quale il pz eseguirà il trattamento in futuro! Si acquisisce quindi un mini pacchetto (a volte addirittura una singola fetta) alle coordinate dell’isocentro individuato dal fisico durante l’elanorazione Del piano di cura e si verifica la coincidenza o si rivelano le eventuali differenze!
  2. Si sì concordo! Era solo per valutare visto che non mi è così facile paragonare un contratto da dipendente con uno a p. Iva ...
  3. Ciao a tutti! Mi è stato proposto un cambio di contratto dalla mia azienda! Premetto che ho un indeterminato da 36 h settimana! all’incirca passando a partita iva, con le stesse ore quanto dovrebbe essere una paga adeguata??? grazoe per le risposte
  4. Purtroppo per le pz che hanno subito lo svuotamento ascellare questo è un problema ricorrente! il problema del posizionamento non ti si presenterà solamente in tc ma anche poi nella terapia quotidiana! purtroppo le soluzioni sono poche e non sempre definitive! Alla paziente solitamente sarà consigliata la ginnastica riabilitativa e massaggi linfodrenanti... quindi si rischia di avere una pz molto irrigidita durante l’esecuzione del piano di curaa molto più rilassata man mano che le sedute passano con conseguente cambio di posizionamento! ma rimanendo all’esecuzione della tc di centratura i consigli sono questi; - aiutati modificando la posizione dei braccioli del breast-board -incerottare il braccio al bracciolo - se la posizione del bracciolo collide con il gantry prova a ventralizzare l’isocentro in modo da abbassare il lettino il più possibile - spugne o cuscinetti possono essere di aiuto ma attenzione alla ripetitibilità del set up -nel peggiore dei casi provare con il posizionamento prono della pz o rimandare il piano di cura e consigliare alla pz un periodo di riabilitazione del braccio purtroppo è un problema molto comune e spesso bisogna arrangiarsi il più possibile per arrivare ad un compromesso accettabile spero di non essere stato troppo confusionario!!!
  5. Premetto che non ne sono così esperto in quanto nel mio reparto non me ne occupo in prima persona... comunque i controlli giornalieri su dosimetrie e rendimento del fascio vengono eseguiti con apparecchiature apposite, una sorta di matrice-rivelatore! le camere a ionizzazione vengono usate da noi quando facciamo le misure utilizzando la vasca ad acqua per le valutazioni delle curve dosimetriche!
  6. la Conformazione da noi la fa il medico, soprattutto per ragioni di praticità! In alcuni di noi tecnici abbiamo seguito un corso per la contormazione degli OAR ed in tempi di carenza personale medico possiamo aiutare occupandoci di ciò! in tantissimi centri la contornazione OAR è di competenza del tecnico! invece GTV-CTV-PTV È compito esclusivo del medico!
  7. Adesso abbiamo infatti proposto al primario di informarsi sul costo del software simens iMAR... vedremo!
  8. grazie a tutti!!!! alzare i Kv effettivamente è l'unico metodo che per ora utilizziamo,purtroppo con miglioramenti moooolto esigui! Purtroppo ovviamente la dose si alza ma in Rt, spesso, è un compromesso che si tende ad accettare! Software che aiutano ne abbiamo sul sistema di contouring ma anch'essi possono fare pochi miracoli con immagini di bassa qualità...l'ideale sarebbe acquistare software forniti dalla casa produttrice maaaaa....€€€€€€€€€€€
  9. Ciao a tutti! volevo chiedere qualche consiglio ai colleghi esperti di tc! che accorgimenti usate per migliorare la qualità dell’immagine quando ancor prima eell’esame Siete consapevoli della presenza di componenti metalliche nella zona da esaminare (protesi, impianti dentati, etc)! grazie anticipate! So che miracoli non si fanno ma in radioterapia anche piccoli miglioramenti possono aiutare molto nella successiva elaborazione del piano di trattamento!!!
  10. Grazie di cuore

  11. Purtroppo clustrofobia e maschera in radioterapia non vanno affatto d’accordo... è un problema molto frequente ma spesso la forza dei pazienti è davvero incredibile! Ti faccio i miei complimenti e non mancherò di portarti ad esempio quando mi capiterà di dover incoraggiare un paziente impaurito! tantissimi auguri e grazie per la testimonianza!!!!
  12. Ciao, lavoro in RT da 8 anni e il libro che hai nominato lo ho comprato a studi ultimati... secondo me è buono! tratta tutti gli argomenti utili per essere preparato a lavorare in RT! personalemente mi sento di consigliarti l'acquisto! Per quanto riguarda l'oncologia, in università abbiamo avuto la fortuna di studiarla motlo bene senta l'ausilio di libri particolari! Il libro del TNM non fa mai male...oppure io negli anni ho letto "manuale di oncologia per infermieri", non è male, è un infariantura generale sul mondo dell'oncologia ma, ripeto, ho avuto la fortuna di avere degli oncologi molto preparati come docenti e quindi lo ho letto solo per cultura personale!
  13. Ciao... devo dire che la domanda è veramente posta male... comunque con quei dati direi che le possibile risposte sono la A e la C! davvero comunque una domanda che confonde le idee!!!

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links