Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.




clarix

Utenti Attivi
  • Numero contenuti

    6
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

0 Neutral

Su clarix

  • Rank
    Newbie

Profile Information

  • Tipo di Utente
    Professionista Generico
  1. Grazie a tutti, Rinnovo gli auguri di buon lavoro
  2. Grazie per le risposte. Sono tra l'altro contento questo topic abbia stimolato domande altrui. Mi piacerebbe chiedervi un'ultima cosa, questo perché anche da pz. RM che ho effettuato nella mia vita non mi fu chiesto. So che per il calcolo della dosimetria (energie di esposizone) si deve inserire nel macchinario il peso del pz. Spesso però nell'anamnesi pre visita viene chiesto sommariamente e in modo ibdicativo. Nel questionario della mia ASL da compilare col paziente prendo sempre misura con bilancia (ma so di colleghi che fanno ad occhio) mi chiedevo per questo se il peso viene inserito manualmente dall'operatore o il macchinario (philips ingenia o siemens che siano) di alta fascia abbiano una bilancia sul lettino che prende il dato (mi sembra improbabile ma non si sa mai) Buon lavoro e buona estate.
  3. Grazie comunque, allora vediamo se qualcuno che opera su tali macchine saprà rispondere, lascio la domanda aperta salutadovi e ringraziandoti. Buon fine settimana..
  4. Grazie per avermi fatto sorridere Non sono un investigatore ahimè, ero solo curioso amando la tecnologia, ed ero certo voi avreste risposto. Un piccolo off-topic per tommy legato al caso: grazie al visualizzatore consiglati ho capito essere un ingenia. Tutti gli ingenia hanno d-stream? So che negli achieva deve essere implementato, ma negli ingenia è di default che tu sappia? Grazie e buon fine settimana.
  5. Vi rispondo: Sì, sono un medico "alle prime armi". Non sono radiologo, sono generale, ma essendo una persona piuttosto curiosa mi piace imparare sempre e comunque su un po' di tutto. Avevo proprio intenzione di comprare un visualizzatore, un collega più esperto me ne aveva consigliato uno simile; ora stavo guardando osirix e devo dire che mi piace molto, grazie del consiglio! Esattamente come dici tu. Dato che siete stati così esaustivi mi piacerebbe porvi un'altra curiosità che mi chiedevo sui dati RM.. mi è capitato apunto in questa settimana un CD di un pz che riportava nei metadati: ora dell'esame (esempio: 17.35 e data 25/06) oltre a tutti i dati tecnici es:FOV, nome etc.. Aprendo però il CD da windows che ho sul portatile e andando sulla data di creazione delle cartelle e dei dati ivi contenuti mi usciva dai metadati: "documeto creato il 25/06 (quindi medesimo giorno) ma alle ore 19.45 (più di un'ora dopo)" Mi incuriosiva sapere, ma come è possibile che le immagini sian state create più di un'ora dopo l'esecuzione dell'esame e da quanto riportato nei metadati? Ipotizzo: può essere che vengano eseguiti durante la giornata tutti gli esami per non perder tempo e poi vengano create le immagini e le cartelle tutte assieme solo in un secondo momento dopo l'acquisizione da parte del personale durante la chiusura del reparto? (Ottimizzazione dei tempi?) E' una mera curiosità, ma penso che una persona che opera su tali mezzi diagnostici sappia fugare questo dubbio Carissimi saluti.
  6. Salve, vi scrivo per cercare di risolvere una curiosità che mi ponevo da qualche tempo. Mi capita spesso di inserire nel mio PC dei CD di immagini RM diagnostiche di pz, e praticamente tutti non hanno mai riportato che macchinario è stato utilizzato. Non sono un tecnico, ma credo la mia sia una domanda che possa incuriosire un po' tutti del settore e del forum.. In pratica mi piacerebbe poter chiedere, e forse qualcuno di voi lo sa: è possibile estrapolare la marca e modello del macchinario RM che ha eseguito l'esame dal CD diagnostico (o dalle immagini) su di esso? E' una curiosità personale, e magari qualcuno di voi sa se il macchinario lascia "tracce di se" nello studio eseguito o no. Al momento ad esempio ho un CD creato con Carestream, ma nessun dato del macchinario. EDIT: ho provato col semplice click sulla cartella immagini nel cd e "maggiori dettagli" di windows, solitamente per le fotocamere digitali rimane segnato il nome nei metadati, ma non funziona per immagini diagnostiche. A voi le risposte. Buona giornata.

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links