Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.




Mau

Utenti Attivi
  • Numero contenuti

    20
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

0 Neutral

Su Mau

  • Rank
    Member

Profile Information

  • Tipo di Utente
    Professionista Radiologia
  1. Anche a me mai capitato "rx bacino e sacro-iliache" per problemi di coxalgia. Tra l'altro, da quello che ho capito, per uno studio per coxalgia il medico di base dovrebbe richiedere "rx bacino+ anca dx e anca sin" (o comunque "rx anca dx + anca sin" se interessano solo le anche). Quando capita la voce "rx bacino per anche" il nostro radiologo preferisce studiare anche le anche (facendo sia il bacino che le assiali a rana delle anche) ma da ASL non credo sia la dicitura corretta da usare in quanto la prestazione richiesta è, teoricamente, solo il bacino (pur essendo palese che devono essere valutate anche le coxo-femorali). E' un po' come quando chiedono "rx torace per coste": quando capita, spesso è chiaramente richiesto per una valutazione delle coste ma la prestazione chiesta è in teoria l'rx del torace (con tanto di codice del torace) e non l'emicostato. Dove lavoro fortunatamente c'è un po' più elasticità in queste cose ma nei centri convenzionati so che spesso in accettazione erano in difficoltà con questi esami "intermedi" che non penso compaiano nel nomenclatore (ne ho letto uno una volta e non mi è sembrato di leggere prestazioni tipo "rx bacino per anche" o "rx torace per coste") ma sono "creati" dai medici di base...
  2. Giusto mi era sfuggito! Grazie ancora mi siete stati di grande aiuto!! Un'ultima curiosità: vi dovessero chiedere una semplice Rx bacino con però quesito diagnostico inerente le S.I. (es. sacroileite) i vostri radiologi da voi chiedono, oltre all'AP bacino std, anche le oblique delle S.I. "di routine" (quindi come se vi chiedessero "Rx bacino e sacro iliache") o le eseguite, in un secondo momento, solo se persistono dubbi dopo che l'AP bacino è stata visionata dal radiologo? Parlo di Rx bacino richiesta con quesito espressamente inerente le S.I. e quindi con problema già noto e non di un reperto che viene notato "casualmente" in un Rx bacino richiesta per altri motivi (dove chiaramente non si andranno a eseguire le proiezioni per le sacro-iliache già in partenza )
  3. Come immaginavo grazie, anche secondo me in quel caso ha senso limitarsi a un' AP bacino e alle due oblique collimate alle S.I. Quindi l'unico caso in cui si potrebbe usare questa proiezione AP per le sacro iliache (con tubo caudo-craniale) è quando chiedono lo studio mirato (Rx sacro-iliache) e il radiologo decide di fare tutte le proiezioni collimate senza valutare tutto il bacino? In questo caso infatti non avremmo già l'AP bacino std di partenza e quindi, oltre alle due oblique collimate alle S.I. , si potrebbe fare come AP quella caudo-craniale anch'essa collimata alla regione delle sacro-iliache (ovvero proprio le due proiezioni da libro che ho caricato all'inizio del post)... che dite?
  4. Grazie a entrambi ! Nel caso che avete riportato in cui potrebbero chiedere "rx bacino e sacro-iliache" andrò quindi sicuramente a eseguire un'AP bacino standard e in aggiunta le due oblique collimate per le sacroiliache (una per la dx e una per la sin) ma poi può aver senso, secondo voi, eseguire anche l'AP dedicata alle sacro-iliache che ho riportato prima (quella qui sotto)? O dato che abbiamo già l'AP bacino standard (seppur eseguita con tubo dritto) se ne può fare a meno eseguendo quindi, come proiezioni dedicate e collimate alle S.I., le sole oblique (dx e sin)?
  5. Buongiorno a tutti! Avrei qualche dubbio in merito allo studio Rx delle articolazioni sacro-iliache. Non mi è mai capitato di vedere questo esame e, dai testi che ho consultato, so solo che ci sono due proiezioni dedicate per il loro studio: un’A-P: paziente supino, raggio caudo-craniale di 20 gradi (molto simile di fatto a una A-P del sacro) e un’obliqua: pz supino con fianco della S.I. in esame sollevato (in modo da prendere l’articolazione d’infilata) e raggio perpendicolare A livello “teorico” nessun problema ma ho dei dubbi per quel che concerne il lato pratico: 1. E' un esame che va sempre eseguito bilaterale? Ovvero entrambe le S.I. vanno esaminate per confronto o può essere che chiedano di valutare solo una delle due S.I? 2. Lo studio delle sacroiliache viene sempre richiesto insieme al bacino? Ovvero si tratta di proiezioni complementari da associare sempre a una AP bacino (con quindi richieste del tipo Rx bacino + studio sacro iliache) o può essere richiesto anche un esame dedicato alla sole sacroiliache (es. rx sacro-iliache)? 3. Per quanto riguarda l'esame mirato (Rx sacro-iliache), se esiste, è comunque indispensabile rappresentare tutto il bacino nell'immagine, o possono essere eseguite SOLO ed esclusivamente le rx collimate alla sola zona delle S.I (esattamente come raffigurato nelle immagini delle proiezioni che ho caricato poco sopra)? Ringrazio in anticipo tutti coloro che sapranno chiarirmi un po' le idee!
  6. Con "tangenziale per la glenoide" intendi la proiezione con pz in obliquo in modo da prendere d'inflilata la glena (pz sempre in AP ma ruotato un po' verso il lato in esame in modo che il raggio entri perpendicolare alla rima gleno-omerale)?
  7. Grazie Oscar! No lavoro in una clinica abbastanza comune (niente di iper specializzato eheh). Quindi se ho capito bene, se si tratta di un controllo di una lussazione, tu eseguiresti solo le 2p classiche di spalla (intrarotazione ed extrarotazione)?? Da noi sono solitamente queste 2pr quelle usate nella maggior parte dei quesiti che ci capitano (solo in alcuni casi a queste aggiungiamo la Y di Neer...ad esempio per s. da conflitto)...
  8. Certo quello sicuramente! Se mai capiterà ancora un controllo di lussazione chiederò ovviamente a lui le pr che preferisce prima di procedere Era giusto per capire se le proiezioni classiche della spalla (intra ed extra) potessero essere utili, e sufficienti, anche per valutare correttamente un controllo di pregressa lussazione o se fosse meglio, per la vostra esperienza, integrarle con ulteriori "viste" (come per la diagnosi dove sono utili la transtoracia o la Y di neer) e per quale motivo. Mi piace sempre, quando possibile, capire il motivo di quanto faccio Grazie a tutti comunque per gli interventi e le spiegazioni date finora!!
  9. Anche questa Velpeau è comunque utile in caso di diagnosi di una lussazione, poiché (come detto per la transtoracica e la Y di neer aiutano a stabilirne l'entità e a fare una diagonsi). Quello che mi interessava di più capire è quali proiezioni eseguire in caso di controllo a posteriori di tale lussazione (già diagnosticata). Di norma, con una più comune richiesta di Rx spalla per, ad esempio, "spalla dolorosa", nel nostro centro eseguivamo di routine le proiezioni intra- ed extra. Possono, secondo voi, andar bene queste due per controllare una pregressa lussazione o sono necessarie altre proiezioni?
  10. Grazie Alessandro mi hai chiarito molti concetti! Sempre considerando il controllo a distanza di una lussazione, abbiamo detto che la transtoracica in questi casi non dovrebbe servire (perchè appunto la lussazione ormai è molto probabilmente già ridotta, il paz riesce a muovere molto meglio il braccio e non si ha quindi la necessità di vedere lo spostamendo dell'omero anteriormente o posteriormente). A questo punto quindi, per questa rx spalla di controllo, andresti a eseguire un esame più "standard" utilizzando le solite 2 più proiezioni in intra- ed extrarotazione (come di fatto fece il mio collega in quell'occasione)? Per quando riguarda quanto scritto nella richiesta del prescrivente, se non ricordo male, non si accennava a niente di particolare (era un semplice "rx spalla per esiti lussazione")...
  11. Dunque il paziente che ci è capitato per controllo di lussazione spalla riusciva a muovere senza particolari difficoltà il braccio; quindi sì, direi che la lussazione fosse decisamente ridotta rispetto agli esordi (l'rx che ha diagnostica la lussazione non l'ha eseguita da noi ma penso in un PS). Per quando riguarda l'esecuzione o meno della transtoraica in caso di un controllo di una lussazione era proprio il dubbio che avevo: nella diagnosi, come avete scritto, è utile per valutare se la lussazione è anteriore o posteriore; ma nei controlli andrebbe comunque eseguita per capire se la lussazione è "rientrata" anche in senso anteriore/posteriore o non serve?
  12. Grazie a tutti per le varie risposte! Quindi la transtoracica (o la Neer proposta da Oscar) risultano indispensabilli per la diagnosi di lussazione... Fareste le stesse proiezioni, AP neutra + transtoracica (o Neer), anche se si trattasse di un controllo di una pregressa lussazione e il pz si presentasse perfettamente collaborante e in grado di muovere il braccio? O in questo caso eseguireste una spalla "standard" nelle più classiche proiezioni intra- e -extra-? Lavorando in clinica, di lussazioni non ne capitano praticamente mai. A memoria, è capitato solo a un collega tempo fa un controllo di una lussazione e, se non ricordo male, eseguì una spalla nella classiche proiezioni intra e extra...
  13. Ciao a tutti! Come da titolo volevo chiedervi quali sono, secondo voi, le proiezioni più idonee da usare in caso di lussazione della spalla. Dai ricordi del tirocinio in PS, so che nei casi di lussazione grave (con quindi pz non molto collaborante e impossibilitato nel muovere il braccio) vengono eseguite solitamente una AP di spalla in rotazione neutra (per evitare movimenti al braccio del pz) e una transtoracica. Quello che mi interessava capire era più che altro sapere che proiezioni eseguire nei casi più "intermedi", ovvero nel caso in cui il quesito clinico sia sempre sospetta lussazione, ma di entità decisamente inferiore, in cui il pz riesce bene o male a muovere il braccio senza difficoltà. In questi casi più lievi voi eseguite comunque un' AP neutra + transtoracica (come per le lussazioni più gravi) o una spalla più "standard" con le proiezioni in intra ed extrarotazione? Se eseguite le classiche proiezioni intra- ed extra-, eseguite comunque in aggiunta anche la transtoracica? grazie a tutti coloro che mi risponderanno!
  14. Anche io faccio come fai tu. Avevo il dubbio che fosse meglio cambiare il decubito (AP o PA) a secondo del tipo di trauma (arcata costale anteriore piuttosto che posteriore). Ma in effetti come dici penso si faccia prima a farle sempre tutte e 3 col paziente in AP in tutti i casi e in tutti in traumi; tanto a livello di immagine penso cambi davvero poco. grazie per il consiglio!!!

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links