Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.

Nimala

Utenti Attivi
  • Numero contenuti

    4
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

0 Neutral

Su Nimala

  • Rank
    Newbie

Profile Information

  • Tipo di Utente
    Paziente
  1. Buongiorno, mi scuso se approfitto ancora della vostra disponibilità ma avrei bisogno di un chiarimento e spero mi possiate aiutare. Tempo fa ho scritto su questo forum perché dovevo eseguire una RM con MDC per lo studio dell'angolo ponto-cerebellare. Ero terrorizzata da una possibile reazione allergica che non si è verificata ed è andato tutto bene e leggere i vostri interventi mi ha aiutato a prendere la decisione di farla quindi vi ringrazio. Da ragazzina ho portato un apparecchio ortodontico fisso (fino al 2001) e da quando l'ho tolto ho un filo metallico nella parte interna dell'arcata inferiore , tenuto da resina (non saprei come spiegare meglio). Il filo l'ho sostituito per rottura nel 2007 o nel 2008 mi pare) Prima di eseguire la risonanza l'ho fatto presente al tecnico che mi ha detto che non c'erano problemi , però era un po' di fretta. Se il mio apparecchio avesse alterato o fatto interferenza si sarebbe visto anche dopo dalla qualità delle immagini? L'indagine non ha rilevato anomalie nella zona studiata, ma vorrei sapere se può essere attendibile e di qualità accettabile o se devo prendere in considerazione l'idea di ripeterla. Grazie mille
  2. ho provato a mettere il mio messaggio nella sezione Tecniche e protocolli RM , ma non so se mi è riuscito o in attesa di approvazione o se è fuori tema: nel caso mi scuso! provo a copiare quello che avevo scritto anche se è un po' lungo!grazie della disponibilità: "Buongiorno, mi scuso per il disturbo ma ho trovato il vostro forum e spero di poter approfittare della vostra esperienza, professionalità e gentilezza e mi scuso anche per eventuali "sfondoni" visto che non sono un medico. Dopo una visita neurologica a causa di acufene e ipoacusia durata una giornata, mi è stato consigliato di fare una risonanza con mezzo di contrasto per lo studio dell'angolo ponto cerebellare e del CUI. Adesso sono terrorizzata, anche se devo ammettere che sono un soggetto ansioso e sto affrontando un periodo di forte stress a causa di problemi lavorativi e familiari che mi ha portato anche ad un forte dimagrimento e ho iniziato a recarmi da uno psicoterapeuta. Vengo al punto: ho talmente tanta paura di farmi iniettare il contrasto che farei una visita da un otorino per capire se è davvero necessaria, oppure avevo iniziato ad informarmi sul macchinario "whole body diffusion" che però, a parte il costo, non so se sia indicato per lo studio dell'area di interesse, si trovano pochi dati. il neurologo in realtà mi ha detto che tale esame è molto sicuro e lo fanno anche anziani, bambini, cardiopatici....l'unica vera controindicazione è avere una grave insufficienza renale. Ho una serie di paure, molto probabilmente dettate dalla mia ansia patologica e che magari non hanno senso ma se qualcuno potesse rispondermi ne sarei felice. Ho cercato molte informazioni sul web e non so se ho fatto bene o male non avendo una cultura medica ma ormai è andata. 1)PAURA PER ORGANI: Io ho paura sia dei problemi relativi ai reni in quanto soffro di bruciore a urinare (cistite?vaginite?)domani farò l'esame delle urine comunque. Possono essere fonte di rischio o basta l'esame della creatinina per valutare l'efficienza e eventuali infiammazioni non pregiudicano niente?anni fa in una ecografia all'addome mi dissero che i miei reni avevano la forma di chi ne ha solo uno ma che non era niente di strano in persone magre e alte. Tra l'altro poi nel referto scrisse " reni nella norma ". Ho anche paura per la salute del mio cuore perché ultimamente sono dimagrita e adesso ho un bmi di 18.1 e ho quindi paura di averlo indebolito (comunque a metà luglio ho avuto un attacco di panico e l'elettrocardiogramma era normale). 2) PAURA PER APPARECCHIO. dopo aver portato per anni l'apparecchio fisso ai denti adesso ho un filo metallico nella parte interna dell'arcata inferiore per la contenzione dei denti). è compatibile con una risonanza?il primo filo l'ho messo nel 2001, poi si è rotto e l'ho sostituito ma non ricordo di preciso quando (forse 2008 ma non ci giurerei) 3) PAURA DI REAZIONI ALLERGICHE Questo è il mio timore più grande; infatti ho molte allergie: ad alimenti, agli acari (ho rinite e ipertrofia dei turbinati ma non asma), al nichel e ultimamente alcuni balsami mi hanno causato una reazione al volto ma non so quale sia l'agente incriminato. Ho avuto una vasculite da farmaco (però non credo la si possa classificare come allergia ) . Ho paura poiché soffro di dermografismo e tiroidite di hashimoto quindi ho paura di avere un sistema immunitario più reattivo anche se non ho mai avuto anafilassi, al limite edemi e orticaria. inoltre su questo tema ho trovato diverse posizioni; - nichel: leggendo i consensi informati si chiede se un soggetto è allergico al nichel mentre altrove si trova che questa correlazione non è scientificamente dimostrata - allergie a farmaci acari e alimenti : nei foglietti illustrativi dei farmaci usati per risonanza si dice che i soggetti di anamnesi di allergia sono più a rischio ma altrove che non è necessariamente detto e solo precedenti reazioni a mezzo di contrasto sono predittive; per il resto sono imprevedibili su soggetti allergici e non. -allergia a cosmetici : qui suppongo io che gli eccipienti impiegati non siano volutamente degli allergizzanti come i profumi o conservanti di cosmetici e alimenti : parabeni, solfiti etc... - premedicazione: ho trovato che serve relativamente a poco, mentre è consigliata e in un file power point ho trovato che se il cortisone è somministrato meno di 5-6 ore dall'esame è inutile (quindi prima ha efficacia?) La mia allergologa (santa donna!) mi ha mandato un link di un paper del 2014 mi pare, dove le reazioni gravi sono state 14 tra anafilattiche e anafilattoidi; mi ha detto anche che non avendo io affrontato ripetuti contrasti il rischio anafilattico è minimo e le anafilattoidi sono mediamente meno gravi. Inoltre la tempestività di eventuale somministrazione di adrenalina rende le reazioni "gestibili". - ha senso la whole diffusion body per evitare il contrasto o fare altre analisi prima della risonanza per la zona del nervo uditivo? - posso affrontare l'esame in tranquillità in base a allergie, magrezza e apparecchio? - tutti i centri che fanno il contrasto dispongono di adrenalina e cortisone/anestesista? Se decido di farla da un alto preferire l'ospedale ma per accorciare i tempi magari un centro privato o una clinica . Vengono applicate le stesse sicurezze (anestesista etc...). Conoscete dei centri / cliniche in Toscana che vi sentireste di consigliare o che conoscete personalmente? Mi rendo conto che ho scritto il "manuale dell'ipocondriaco"ma spero che qualche anima buona mi rassicuri un po'. Buona giornata" i miei dubbi sono questi....mi rendo conto razionalmente che sono eccessivi ma non riesco a non pormeli!spero che mi possiate chiarire le idee o riportarmi a ragione!
  3. Mi scuso per il disturbo ma ho trovato il vostro forum e spero di poter approfittare della vostra esperienza, professionalità e gentilezza e mi scuso anche per eventuali "sfondoni" visto che non sono un medico. Dopo una visita neurologica a causa di acufene e ipoacusia durata una giornata, mi è stato consigliato di fare una risonanza con mezzo di contrasto per lo studio dell'angolo ponto cerebellare e del CUI. Adesso sono terrorizzata, anche se devo ammettere che sono un soggetto ansioso e sto affrontando un periodo di forte stress a causa di problemi lavorativi e familiari che mi ha portato anche ad un forte dimagrimento e ho iniziato a recarmi da uno psicoterapeuta. Vengo al punto: ho talmente tanta paura di farmi iniettare il contrasto che farei una visita da un otorino per capire se è davvero necessaria, oppure avevo iniziato ad informarmi sul macchinario "whole body diffusion" che però, a parte il costo, non so se sia indicato per lo studio dell'area di interesse, si trovano pochi dati. il neurologo in realtà mi ha detto che tale esame è molto sicuro e lo fanno anche anziani, bambini, cardiopatici....l'unica vera controindicazione è avere una grave insufficienza renale. Ho una serie di paure, molto probabilmente dettate dalla mia ansia patologica e che magari non hanno senso ma se qualcuno potesse rispondermi ne sarei felice. Ho cercato molte informazioni sul web e non so se ho fatto bene o male non avendo una cultura medica ma ormai è andata. 1)PAURA PER ORGANI: Io ho paura sia dei problemi relativi ai reni in quanto soffro di bruciore a urinare (cistite?vaginite?)domani farò l'esame delle urine comunque. Possono essere fonte di rischio o basta l'esame della creatinina per valutare l'efficienza e eventuali infiammazioni non pregiudicano niente?anni fa in una ecografia all'addome mi dissero che i miei reni avevano la forma di chi ne ha solo uno ma che non era niente di strano in persone magre e alte. Tra l'altro poi nel referto scrisse " reni nella norma ". Ho anche paura per la salute del mio cuore perché ultimamente sono dimagrita e adesso ho un bmi di 18.1 e ho quindi paura di averlo indebolito (comunque a metà luglio ho avuto un attacco di panico e l'elettrocardiogramma era normale). 2) PAURA PER APPARECCHIO. dopo aver portato per anni l'apparecchio fisso ai denti adesso ho un filo metallico nella parte interna dell'arcata inferiore per la contenzione dei denti). è compatibile con una risonanza?il primo filo l'ho messo nel 2001, poi si è rotto e l'ho sostituito ma non ricordo di preciso quando (forse 2008 ma non ci giurerei) 3) PAURA DI REAZIONI ALLERGICHE Questo è il mio timore più grande; infatti ho molte allergie: ad alimenti, agli acari (ho rinite e ipertrofia dei turbinati ma non asma), al nichel e ultimamente alcuni balsami mi hanno causato una reazione al volto ma non so quale sia l'agente incriminato. Ho avuto una vasculite da farmaco (però non credo la si possa classificare come allergia ) . Ho paura poiché soffro di dermografismo e tiroidite di hashimoto quindi ho paura di avere un sistema immunitario più reattivo anche se non ho mai avuto anafilassi, al limite edemi e orticaria. inoltre su questo tema ho trovato diverse posizioni; - nichel: leggendo i consensi informati si chiede se un soggetto è allergico al nichel mentre altrove si trova che questa correlazione non è scientificamente dimostrata - allergie a farmaci acari e alimenti : nei foglietti illustrativi dei farmaci usati per risonanza si dice che i soggetti di anamnesi di allergia sono più a rischio ma altrove che non è necessariamente detto e solo precedenti reazioni a mezzo di contrasto sono predittive; per il resto sono imprevedibili su soggetti allergici e non. -allergia a cosmetici : qui suppongo io che gli eccipienti impiegati non siano volutamente degli allergizzanti come i profumi o conservanti di cosmetici e alimenti : parabeni, solfiti etc... - premedicazione: ho trovato che serve relativamente a poco, mentre è consigliata e in un file power point ho trovato che se il cortisone è somministrato meno di 5-6 ore dall'esame è inutile (quindi prima ha efficacia?) La mia allergologa (santa donna!) mi ha mandato un link di un paper del 2014 mi pare, dove le reazioni gravi sono state 14 tra anafilattiche e anafilattoidi; mi ha detto anche che non avendo io affrontato ripetuti contrasti il rischio anafilattico è minimo e le anafilattoidi sono mediamente meno gravi. Inoltre la tempestività di eventuale somministrazione di adrenalina rende le reazioni "gestibili". - ha senso la whole diffusion body per evitare il contrasto o fare altre analisi prima della risonanza per la zona del nervo uditivo? - posso affrontare l'esame in tranquillità in base a allergie, magrezza e apparecchio? - tutti i centri che fanno il contrasto dispongono di adrenalina e cortisone/anestesista? Se decido di farla da un alto preferire l'ospedale ma per accorciare i tempi magari un centro privato o una clinica . Vengono applicate le stesse sicurezze (anestesista etc...). Conoscete dei centri / cliniche in Toscana che vi sentireste di consigliare o che conoscete personalmente? Mi rendo conto che ho scritto il "manuale dell'ipocondriaco"ma spero che qualche anima buona mi rassicuri un po'. Buona giornata
  4. Mi presento, abito in Toscana, mi piacciono la natura e gli animali e vorrei tanto abbandonare la mia ansia...dovrò affrontare una risonanza con contrasto e vorrei chiedervi delle informazioni in merito! spero di riuscire a non sbagliar sezione... ho già pronto il mio messaggio

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links