Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.

fede.93

Utenti Attivi
  • Content count

    3
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0 Neutral

About fede.93

  • Rank
    Newbie

Profile Information

  • Tipo di Utente
    Professionista Radiologia
  1. Io ho accettato il contratto anche perché si prospettava una assunzione data la mancanza di personale. Ma sta accadendo che anche i medici vengono licenziati e riassunti a partita iva. Quindi figurarsi un tecnico per di più senza esperienza come me. Ma il fatto che mi infastidisce è che mi si chieda di fare la reperibilità anche con questo tipo di contratto. In pratica non svolgo nessun apprendistato perché sto piazzato in radiologia data la mancanza di personale e lavoro autonomamente. Gli esami li spunto con l'account dei colleghi che si fidano del mio operato. Ma password e dosimetro mi verrebbero anche fornite a breve. Il fatto è proprio che in sede di firma del contratto, nessuno ha mai menzionato la reperibilità e che la dovessi svolgere dopo neanche due mesi con questo tipo di contratto. Un conto è un normale contratto di lavoro, che anche se ci rimettessi mi fermerei dove lavoro. Ma a queste condizioni fermarmi significherebbe spendere tutto quel poco che guadagnano per garantire l'arrivo in clinica in tempo utile. Ne mi sento in grado di gestire un esame in emergenza da solo Colleghi del laboratorio analisi sono esentati dalla reperibilità proprio per la distanza, ma giustamente sono strutturati. Io come libero professionista ho sul piatto o fermarmi qui o essere licenziato
  2. Faccio 36 ore settimanali dal lunedì al sabato ma ho accettato per fare esperienza dato che appena usciti dall'università ammetto che anche se possiedo buone conoscenze teoriche in pratica sapevo fare ben poco. Ma tutto mi sarei aspettato meno che essere trattato come tappabuchi a due soldi.
  3. Buongiorno a tutti. Sono Federico Pettorossi un giovane T.S.R.M. Ho accettato un primo impiego lavorativo come libero professionista presso una clinica privata con un corrispettivo mensile fisso di 800 euro lordi. Ben conscio del tipo di contratto offertomi, presentatomi come una sorta di "apprendistato" ho comunque accettato per poter fare esperienza e perché è l'unica possibilità lavorativa che mi si è presentata. Do le mie disponibilità a svolgere i turni tutti i giorni della settimana e anche se li ho più volte richiesti, ancora non ho ne dosimetro ne password per certificare l'esecuzione di esami. Se non fosse per la bontà dei miei colleghi che mi hanno fatto prendere dimestichezza con i diversi macchinari della struttura per la direzione mi sarei ritrovato a lavorare solo con macchine che non so usare in completa autonomia perché durante il percorso di studi non ho fatto mai pratica con questo tipo di macchinari. Durante l'ultimo turno lavorativo ho inoltre scoperto che il direttore sanitario mi ha messo in reperibilità senza chiedere la mia disponibilità ne avvertirmi. Chiedendo quindi un appuntamento per parlare di questa situazione e spiegare che non sono in grado di raggiungere la clinica in tempo utile e quindi non posso garantire la pronta disponibilità, come avviene in altri reparti. Ricevo pronta risposta che la distanza dalla clinica non è un loro problema e che la reperibilità è prevista dal CCNL altrimenti stracciano il contratto. In pratica anche i miei colleghi e i medici radiologi mi fanno notare che vengo trattato come un lavoratore dipendente e che il mio caso è quello di una falsa partita iva. Chiedo se per caso esistono norme che certificano che il direttore sanitario può obbligare il libero professionista a svolgere turni di pronta disponibilità, o posso rifiutare anche a costo di ricevere lettera di rescissione del contratto perché comunque dovendo dormire fuori casa ci rimetterei e di molto. Vi ringrazio e chiedo scusa per il lungo messaggio. Cordiali saluti

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links