Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.




Studentessa

Utenti Attivi
  • Numero contenuti

    2
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

0 Neutral

Su Studentessa

  • Rank
    Newbie

Profile Information

  • Tipo di Utente
    Professionista Radiologia
  1. Ciao, inanzitutto grazie per avermi risposto! Forse mi son spiegata male, non intendevo le arterie mammarie le perforanti che derivano dall'arteria epigastrica inferiore profonda. Praticamente per questo tipo di ricostruzione mammaria: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2884777/
  2. Buonasera, Premetto di non aver mai utilizzato un forum di questo tipo, ergo spero di star facendo le cose come vanno fatte. Arrivo subito al dunque, stavo cercando del materiale riguardo l'angio-TC delle perforanti pre-operatoria a ricostruzione mammaria. Ho trovato diverso materiale, ma ciò di cui necessito sarebbe uno studio/ecc in cui si spiega il perchè le braccia vanno tenute come in posizione operatoria, o meglio dove si stima il movimento delle suddette arterie con il movimento delle braccia. Sfortunatamente non sto trovando niente a riguardo, dunque chiedevo se per caso qualcuno ha del materiale a riguardo. Se potete aiutarmi vi sarei infinitamente grata.

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links