Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.




cristian.scossa

Tesi sperimentale sclerosi multipla in RM 1,5T e 3T

28 posts in this topic

ciao a tutti! è la prima volta che scrivo, mi sono iscritto da poco. Mi presento, mi chiamo cristian e sono un laureando che sta svolgendo una tesi un pò particola; quest' ultima si interessa di studiare i pazienti affetti da sclerosi multipla con la risonanza a 3 tesla. Questo ha ilo fine di verificare in risonanza d'avanguardia, eventuali associazioni tra SM e CCSVI, patologia scoperta dal professor zamboni. in pratica devo studiare come e se questa associazione (ipotizzata da zamboni) esiste, e soprattutto come può essere studiata con risonanza a 3 tesla.

diciamo che ho improntata la tesi, praticamente sto a buon punto, volevo solo sapere se qualcuno più esperto di me, mi sà dire le principali differenze tra 1,5 e 3 tesla per quanto riguarda le sequenze diffusione, t1 spin echo,t2 TSE, t2 dark fluid, t1SE con magnetization transfer, t1 VIBE SPAIR (cioè le sequenze che utilizzo per i miei studi)

grazie in anticipo del tempo concessomi, cordiali saluti

Share this post


Link to post
Share on other sites


E' un momentaccio...aspetta che tornino i capoccia dalle ferie...vedrai che otterrai qualche risposta!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao. Sono in ferie e torno il 20. Ho letto di questa teoria.

Le differenze tra le sequenze intendi come cambiano i parametri o quali sono le differenze intrinseche della pesatura come risultato finale?

Share this post


Link to post
Share on other sites

andrea, grazie della risposta... comunque intendo sia quali sono le differenze intrinseche della pesatura come risultato finale, e sia come cambiano le pesature e l'anatomia..anche se avete qualche documento da consultare, me lo spulcio io :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

e si gradasso.... ti ricordi quando potevamo leggere quegli articoli? meglio che troviamo un sistema per riavere un abbonamento ad una rivista......

puffo4occhi4tb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

grazie tante dl consiglio! su ajnr già ho letto e tradotto tutto, purtroppo come dici tu tantissimi sono bloccati...va bè, mi arrangerò con quegli articoli e con le nozioni del tirocinio per la tesi..grazie!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

qualche settimana fa avevo accennato a Jacopo di fare l'AJR, che è molto completo e spazzola un po tutte le specialità. Costi non da poco, da 200dollars mi sembra il personale a 270 per l'istituzionale....

Share this post


Link to post
Share on other sites

hahahahahaha

ma si, i soldi ce li facciamo uscire, aspettiamo magari un mese o due che finisco di pagare le tassehehehehehehehe.......

Share this post


Link to post
Share on other sites

una curiosità, nel caso di SM nel nostro centro iniettiamo praticamente all'inizio (prima del mdc facciamo solo la DWI e una T1 sull'encefalo), poi effettuiamo tutto lo studio dell'encefalo e del midollo post-mdc.
Il mio dubbio è: quando arriviamo al tratto cervico-dorsale e abbiamo nei protocolli le stir a te breve per la visualizzazione del midollo, ci sono alcuni problemi dovuti all'iniezione del MDC (stir dopo mdc insomma) o no?

grazie in anticipo

Share this post


Link to post
Share on other sites

stir dopo mdc non vanno fatte perché se le lesioni prendono contrasto molto probabilmente non le vedrai iperinteste. Le stir dovete farle insieme alla T1 iniziale, e SOLO DOPO iniettare

Share this post


Link to post
Share on other sites

nemmeno se le stir in questione vengono effettuate circa 30-35min dopo la somministrazione di MDC?

ps grazie per le risposte

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mah era un discorso piu per comodità che altro..
Siccome iniettiamo subito dopo la T1 nell'encefalo di base e il midollo lo studiamo direttamente tutto quanto dopo contrasto, per questo chiedevo se la STIR a 30min di ritardo circa dall'iniezione poteva portare problemi o meno

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me si. Il mdc abbassa il T1 dei tessuti e se questo abbassamento li avvicina al T1 del grasso ti scompare la lesione che invece vorresti vedere. Per questo motivo la STIR si fa prima del contrasto. Non so bene, non facendo neuro spesso, se le lesioni  da sclerosi multipla concentrano il contrasto anche dopo un certo tempo anche lungo, ma io non rischierei con una STIR, solo per non perdere tempo. Mi riprometto di cercare qualcosa in letteratura, perchè su questo argomento sono un po' digiuna^_^

Share this post


Link to post
Share on other sites

le stir non vanno fatte dopo mdc e basta.

se dici che è per guardagnare tempo significa che hai un'apparecchiatura che non ti consente di eseguire cranio e midollo con un unico posizionamento ed un unica centratura ed un unica serie di scout. giusto?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links