Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.

AndForn

A1- Introduzione alla Risonanza Magnetica

25 risposte in questa discussione

La Risonanza Magnetica è ormai diventata una metodica di riferimento nel campo dell'imaging diagnostico grazie anche agli importanti progressi tecnologici avvenuti nell'ultimo decennio. Le prime applicazioni di questa tecnologia, infatti, erano limitate esclusivamente allo studio analitico del segnale di determinati materiali inseriti in un campo magnetico. Intorno al 1977 grazie anche all'utilizzo di alcune procedure di calcolo complesse, è stato possibile acquisire le prime immagini di parti anatomiche umane. L'evoluzione informatica ha fatto si che non solo si potessero acquisire una serie di dati con precise coordinate spaziali rispetto al paziente, ma soprattutto che queste procedure subissero una progressiva accelerazione permettendo quindi finalmente l'uso di questa metodica nella diagnosi di routine e non solo a livello sperimentale o di ricerca.

La Risonanza Magnetica, ad oggi, rappresenta l'indagine di scelta per la maggiorparte dei distretti corporei e dei quesiti diagnostici. Tutti gli organi in movimento e i Pazienti non collaboranti possono essere studiati grazie all'utilizzo di sequenze super veloci e alle acquisizione con sincronizzazione. I vantaggi più significativi della risonanza magnetica rispetto alle altre metodiche di radiodiagnostica sono 2:

A- l'assenza di radiazioni ionizzanti

B- il contrasto tissutale intrinseco molto elevato.

L'assenza di radiazioni ionizzanti consente di poter sottoporre i pazienti ad indagini di alto livello senza dover valutare il rischio-beneficio degli eventuali danni radioindotti come per le altre metodiche per raggi-x o medicina nucleare. Vengono quindi effettuari studi di routine su pazienti in giovane età ma anche studi di imaging avanzato al feto o a donne in stato di gravidanza.

Il contrasto tissutale intrinseco è l'altro punto forte delle immagini RM perchè permette di evidenziare differenze della composizione di un determinato tessuto (in alcuni casi anche a livello microscopico) senza la necessità di ricorrere all'utilizzo di mezzi di contrasto. Le indagini di radiologia tradizionale e TC, nonostante l'elevato dettaglio anatomico, non offrono infatti la stessa sensibilità dell'RM nello studio dei tessuti molli e dei parenchimi. Solo a livello del parenchima polmonare e a livello della porzione corticale delle strutture ossee la risonanza magnetica non è al livello delle metodiche appena citate.

Tra le altre caratteristiche specifiche della risonanza magnetica è da segnalare la possibilità di effettuare:

- studi vascolari ad alta risoluzione, senza e o con somministrazione di mezzo di contrasto, sia a livello cerebrale, dei tronchi sovra-aortici, dei vasi toracici e addominali, ma anche delle arterie periferiche.

- studi di diffusione molto utili per aggiungere informazioni diagnostiche all'esame di base in contesti patologici particolari come l'ictus ischemico

- studi di perfusione

- studi funzionali cerebrali, con studio delle aree di attivazione a differenti stimoli

- fiber tracking

- spettroscopia RM nel distretto intracranico cerebrale, prostatica, mammaria e di altri organi

- studi delle articolazioni in posizioni dinamiche, o in movimento, (vedi ad esempio studio RM dell'articolazione temporo mandibolare).

- studi degli organi cavi mediante somministrazione per via orale o retrograda di sostanze specifiche o mezzi di contrasto dedicati

- studi simil artrografici dopo iniezione diretta di mdc specifico in sede intrarticolare

- studi di determinati parenchimi (ad esempio fegato) con mezzi di contrasto organo specifico.

- studi cardiaci

- biopsie RM giudate

- RM intraoperatorie

Come è possibile capire la risonanza magnetica ricopre un ruolo primario nella diagnostica a tutti i livelli, ma non bisogna dimenticare che non è priva di difetti e limitazioni.

Innanzitutto è una procedura che comporta costi decisamente elevati a causa della complessità tecnologica delle apparecchiature, della necessità di impianti di isolamento e condizionamento dedicati, e di personali sanitario specializzato.

Le indagini RM solitamente possono durare da 10 minuti a circa un ora, a secondo della richiesta e del quesito clinico, quindi gli esemi eseguibili ogni giorno sono comunque limitati ad un massimo di 40-50 unità. Le apparecchiature che utilizzano magneti superconduttori hanno costi molto elevati anche a causa della necessità di eseguire ripetuti rifornimenti di elio liquido, che serve per mantenere la temperatura al minimo possibile all'interno del magnete.

Un altro limite importante è dovuto all'attrazione magnetica che esercitano (in maniera più o meno importante) queste apparecchiature, che che quindi preclude la possibilità di avvicinare al macchinario dei materiali NON magneto compatibili. In termini pratici questo significa che i pazienti o operatori sanitari che indossano o sono portatori all'interno dell'organismo di corpi estranei o dispositivi medico chirurgici non compatibili con la RM non potranno accedere alla sala magnete e quindi non potranno essere sottoposti all'esame di Risonanza Magnetica.

Lo stato di Gravidanza sospetto o appurato non è una controindicazione assoluta, ma comporta comunque una valutazione accurata sia del Medico richiedente che da parte del Radiologo prima di effettuare l'esame.

Altre problematiche, ormai sempre meno significative, sono da ricercare nella struttura a tunnel delle apparecchiature più performanti che possono quindi creare problemi di tollerabilità da parte dei pazienti con problemi claustrofobici. Per fortuna la lunghezza dei tunnel sta progressivamente diminuendo e il diametro prende dimensioni maggiori, aumentando notevolmente lo spazio a disposizione del paziente.

Volendo prendere in considerazione il ruolo ricoperto dalla Risonanza Magnetica nella società attuale, ci si può rendere conto di quanto sia ormai conosciuta anche dai non addetti ai lavori: molti pazienti conoscono bene tutte le procedure che costituiscono l'indagine nel suo insieme, e gli operatori a loro volta devono saper affrontare le situazioni più disparate visto l'alto numero di soggetti esaminati.

Tra le figure professionali maggiormente coinvolte nell'iter diagnostico di un esame RM sono da citare il Radiologo che si occupa dell'inquadramento globale di ciacun caso e dell'interpretazione delle immagini, il Tecnico di Radiologia che ha il compito di eseguire l'esame e produrre il materiale iconografico, l'Infermiere professionale che si occupa della preparazione e della gestione del paziente durante l'indagine, e ancora il personale di segreteria, il fisico sanitario, e altre figure più dedicate ai reparti di ricerca.

Ogni anno vengono presentate novità molto interessanti, con innovazioni tecnologiche sempre più superspecialistiche. La fusione con altre metodiche come la PET è ormai una realtà, e le aspettative sono molte.

Chiunque abbia a che fare con l'ambiente della RM potrà trovare interessanti gli articoli proposti in questa nostra sezione, rimaniamo comunque a disposizione per correggere eventuali errori o integrare le parti mancanti o incomplete.

-1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti


Ciao a tutti,
qualcuno mi può aiutare a reperire un manuale operativo (sintetico) dell'apparecchiatura di Risonanza Toshiba? Ringrazio tutti per la vostra disponibilità.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Diego. Aspettiamo la nostra Rosanna che è una delle poche Toschibiane del forum

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Noi il manuale ce lo abbiamo cartaceo Diego, perchè se hai bisogno di vedere qualcosa, in modo estemporaneo, ci sono le info direttamente sull'apparecchiatura che ti possono guidare nei vari passaggi. Non ho null'altro, ma se hai bisogno di informazioni chiedi pure, per quello che posso, volentieri.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Poi ovviamente, di che apparecchiatura parliamo? Toshiba in campo ne ha diverse...

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Di sintetico non c'è nulla, che io sappia. Io mi baso sui manuali che ci hanno dato con l'apparecchiatura. Fatti dire dagli application come puoi attivare la finestra delle info. Tu hai sicuramente l'interfaccia nuova e io non ti so dire dove agire, perchè io ho ancora quella vecchia.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buonasera a tutti.

Mi sono appena registrato al vostro sito ed avrei tanto da chiedervi.

Stanno per partire, finalmente, i lavori per installare una RM Philips 1,5 T Achieva Nova Dual !!

Era ora !!

Come posso trovare un Manuale per questa risonanza ?

Grazie

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Puoi chiederlo a chi te la installa per esempio. Ci sono tutti in pdf su file

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il manuale segue sempre l'installazione dell"apparecchiatura. Credo proprio a norma si legge.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La documentazione d'accompagnamento comprende il manuale utente e altro (dati di sicurezza, limitazioni per l'installazione, ...) e fa parte del tomografo, per cui deve essere consegnata. Questo è addirittura richiesto perché il tomografo possa avere il marchio CE. Credo che in passato fosse obbligatorio averla stampata, ora probabilmente in molti casi come diceva Andrea è in PDF, su un CD o all'interno del software dell'apparato.

3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Su Philips di solito è dentro il software operativo, ma penso anche io che debba essere per forza fornito in cartaceo.

1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve a tutti da paziente e dunque non addetto ai lavori, avrei una domanda:

È possibile che il risultato della risonanza sia influenzato dal fatto che è stata fatta con una polo a maniche corte con delle stampe? Nel caso in particolare una scritta in materiale tipo gommoso ( le classiche scritte sulle magliette...)...

Il tecnico mi ha fatto togliere tutto ciò che avevo di metallico addosso, la risonanza è stata fatta in zona cervicale, ma non mi ha fatto togliere la polo con le scritte lungo il colletto...

Vi ringrazio in anticipo...

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve a tutti da paziente e dunque non addetto ai lavori, avrei una domanda:

È possibile che il risultato della risonanza sia influenzato dal fatto che è stata fatta con una polo a maniche corte con delle stampe? Nel caso in particolare una scritta in materiale tipo gommoso ( le classiche scritte sulle magliette...)...

Il tecnico mi ha fatto togliere tutto ciò che avevo di metallico addosso, la risonanza è stata fatta in zona cervicale, ma non mi ha fatto togliere la polo con le scritte lungo il colletto...

Vi ringrazio in anticipo...

Direi di no. E comunque te l'avrebbero fatta togliere dopo pochi minuti se avesse prodotto artefatti sulle immagini
0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Direi di no. E comunque te l'avrebbero fatta togliere dopo pochi minuti se avesse prodotto artefatti sulle immagini

Grazie mille...

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve ragazzi avrei una domanda:

Una cisti siringomielica è ben distinguibile da "qualcos altro" in una Risonanza fatta senza mdc?

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se ci sono dei dubbi diagnostici il radiologo refertatore richiede un opportuno approfondimento con mezzo di contrasto in caso contrario no. Le cisti siringomieliche si studiano e riconoscono senza mdc..

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve volevo chiedere un informazione:  per quanto concerne la Rm ho letto che ci sono un sacco di parametri artefatti impostazioni di sequenze che devono essere applicati e modificati per ottenere un immagine efficiente  e refertabile. La mia domanda è: tutte queste nozioni si acquisiscono facendo esperienza e lavorando effettivamente sull' apparecchiatura? Essendo un neo laureato diversi argomenti non mi entrano in testa . Vorrei una delucidazione da chi è  diventato un esperto partendo da 0.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

TUTTE LE NOZIONI CHE TI SERVONO SI ACQUISISCONO STUDIANDO.;)

2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

STUDIANDO DOVE? LA MAGGIOR PARTE DEI LIBRI DI RM SONO PENOSI. 

ALLA FINE SEI COSTRETTO A REPERIRE INFORMAZIONI QUA E LA.

AVETE QUALCHE TESTO DA CONSIGLIARE?

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Mary17 dice:

STUDIANDO DOVE? LA MAGGIOR PARTE DEI LIBRI DI RM SONO PENOSI. 

ALLA FINE SEI COSTRETTO A REPERIRE INFORMAZIONI QUA E LA.

AVETE QUALCHE TESTO DA CONSIGLIARE?

Personalmente ho studiato dalle slide dei professori, dal libro "manuale Rm per tecnici" (o un titolo di simile...) e da questo sito. 

Ma ti basterebbe anche solo questo sito per carpire almeno l'80% delle informazioni utili in Rm per farti passare gli esami.

Hai tutto il materiale del mondo.

Per il resto ci sono approfondimento, master ed esperienza diretta.

1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

HANDBOOK OF MRI PULSE SEQUENCES MATT A. BERNSTEIN et al, PH.D.


MRI From Picture to Proton, Donald W. McRobbie et al.

Magnetic Resonance Imaging PHYSICAL PRINCIPLES AND APPLICATIONS, VADIM KUPERMAN.

MRI BASIC PRINCIPLES AND APPLICATIONS
THIRD EDITION Mark A. Brown, Ph.D.

Ce ne sono anche altri ovviamente, oltre agli innumerevoli articoli, anche gratuiti che si trovano in internet. 

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links