Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.

Francesco Broggini

URO-TC

11 risposte in questa discussione

Ciao, mi descrivete i protoccolli che usate per l'URO-TC, in particolar modo mi interessano quante scansioni eseguite, quantità e modo di somministrare il mdc ed eventuali tecniche di riduzione della dose (a tal proposito è vero che è possibile erogare meno dose della classica Urografia?)

PS: cercando indietro nei post non ne ho trovato uno sulla URO-TC nel caso l'avessi perso chiedo ai mod di unire il mio post in modo da non avere discussioni doppie

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti


Credo ci sia nel sito qualcosa...Per quanto riguarda il confronto fra urografia e uro tc dipende molto da quante fasi si fanno in TC, grosso modo con due fasi le dosi si equivalgono (se si è bravi in TC!). Nell'ultimo periodo si è cercato di ridurre molto le fasi nella uro TC sovrapponendole, facendo il contrasto in più boli così da sovrapporre la fase arteriosa con la portale o, addirittura, dividendo il bolo in 3 e facendo una unica fase insieme arteriosa, portale, escretoria. Da noi non si è mai fatto perché, chiaramente, ci vuole un radiologo, o un gruppo di radiologi, che abbia la voglia di sperimentare questi protocolli. Perciò noi generalmente facciamo tutte le fasi (a vuoto, arteriosa, portale, tardiva a 8min) con un ovvio sorpasso della dose rispetto ad una urografia normale ma con un netto guadagno dal punto di vista diagnostico! Considera che generalmente in pz giovani per ricerca di calcoli è sufficiente una fase a vuoto con bassissima dose e quindi l'uroTC con mdc è quasi sempre rivolta a pz anziani in cui i problemi dosimetrici sono trascurabili.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie, su questo sito vincenzoalessiradiologia.it avevo trovato interessanti spunti tra cui la URO-TC trattata abbastanza approfonditamente (varie fasi del bolo, uso o meno di diuretico e confronto dose TC/IVU con protocolli a 100kv). Nel mio reparto viene di solito fatto basale+portale+tardiva a 10 min, ma spesso gli ureteri sono constrastati nel loro tratto prossimale, ma poco o niente in quello distale le cose non cambiano mettendo il pz a pancia in giù.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Da noi di norma di esegue una portale ed una escretoria, oltre che la fase in bianco.

Il problema degli ureteri distali non opacizzati è legato alla peristalsi dell'uretere e quindi non ė preventivabile; può essere utile far fare dei colpi di tosse al paziente qualche secondo prima della scansione in modo da "scuotere" i reni facilitandone l'eliminazione.

Per ridurre la dose si può abbassare la tensione al tubo a 100 kv nella basale e nella escretoria e, in caso di pazienti magri, anche nella portale.

Non mi trovate completamente d'accordo sull'esecuzioni di vasi vascolari sovrapposte perchė talune patologie si possono differenziare per il differente comportamento nelle varie fasi.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Noi anche facciamo come Oscar.

Ma io nella media avrei tendenza a fare un'impregnazione , apsettare 10 minuti e poi fare solo la portale mista tardiva.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giusto, si risparmia dose... E se per caso al fegato trovi un reperto strano che fai? Aspetti il giorno dopo e ripeti l'esame?

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Yes or not.

Il problema è che facendo solo una portale non risolvi nulla, e penso che, a meno che non si decida di fare sempre un'arteriosa super lowdose, non si possa risolvere il problema nel fegato per gli esami che non lo riguardano nello specifico....

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Quindi convieni con me che è opportuno attenersi al quesito clinico ed ad eventuali reperti della scansioni SMC.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

io non posso eseguire la fase mista tardiva/portale, perchè il radiologo non vuole.

Quindi eseguiamo la scansione di base a secca. Guardiamo bene quella, con finestre molto stretta sul fegato (qui un articoletto non ci starebbe male), se non ci sono dubbi procediamo con fase portale e poi tardiva. Altrimenti aggiungiamo passata arteriosa

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

in tutte e 3 le fasi acquisite l addome completo? o nella portale o nefrografica che sia, solo addome superiore?

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links