Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.




a lad insane

aiuto per tesi "RM encefalo?"

15 posts in this topic

ciao a tutti! sono nuovo di qui, sono studente tsrm e dovrei pensare alla tesi purtroppo..avrei bisogno di un po' di aiuto..

a me interesserebbe trattare lo studio dell'encefalo in rm ma non ho le idee molto chiare..

cioè, ho pensato che potrei analizzare le varie tecniche usate in radiologia riferite ad una (o più?) patologie cerebrali, dove la rm o angio-rm sia al primo posto, e altre tecniche come angiografia, tc ecc come "supporto" per completare il tutto..

questa è l'idea di base ma il problema è che non saprei quali casi clinici siano i più azzeccati..

in più non conosco ancora molto la materia e le sue applicazioni..la tesi comunque non sarebbe sperimentale..

qualche consiglio??

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites


ciao benvenuto. come ti chiamiamo a lad oppure insane ? :D

intanto..... per quando la devi preparare?

Share this post


Link to post
Share on other sites

grazie! mah come vuoi, va bene anche "pischello" ;)

comunque per scriverla ho tutto il tempo visto che ho iniziato il terzo anno solo un mese fa..

per questo non conosco ancora bene la materia...

però dovrei pensare ad un argomento e a come impostarla diciamo il prima possibile, per non rischiare di arrivare tardi

e non trovare un relatore disponibile ecc..

in effetti è un po' presto, ma c'è un sacco di gente già "sistemata" non vorrei rimanere fregato dopo e accontentarmi di quello che avanza..;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

se vuoi rimanere sul "clinico" per prima cosa devi decicere se parlare di una "famiglia" di patologie e quindi il loro studio specifico oppure se andare sullo studio generici rm cerebrale, perche' l' impostszione diventa completamente differente

cosa ti piace di piu? clinica multidicsciplinare o una metodica specifica?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beato "pischello" ... Io faccio il tecnico da 16 anni e non ci ho capito ancora niente :D

Aspettiamo con ansia e benvenuto pischè

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io faccio il tecnico da 16 anni e non ci ho capito ancora niente :D

ah bene incoraggiante! :)

allora vediamo..da quello che avevo pensato forse preferirei una metodica rm specifica..da applicare appunto per lo studio specifico di una "famiglia" di patologie..e confrontarla eventualmente con altre metodiche più o meno "valide" per studiare le stesse patologie..in modo da non fissarmi troppo sullo stesso punto..

l'approccio generico sembra troppo vasto (poi magari sbaglio..)..cioè forse rischierei di fare un'accozzaglia di argomenti diversi non troppo legati tra loro..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Pischè una cosa ho imparato: che non si finisce mai di imparare. Tornando al tuo quesito...Il confronto con le altre metodiche è impari se vuoi studiare il cervello o il midollo. Sul fegato ci sarebbe molto da discutere. Sul vascolare perde la RM... Come abbiamo detto ad altri laureandi, dipende tutto da che esami si eseguono nella struttura che frequenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se vuoi fare delle comparative con altre metodiche ci sono pochi campi in effetti... devi cadere nelle applicazioni di studi delle malattie degenerative o negli studi post operatori di lesioni intracerebrali per vedere l'eventuale danno alle fibre.......

Share this post


Link to post
Share on other sites

vuoi comunque rimanere sul sistema nervoso centrale o altro?

Share this post


Link to post
Share on other sites

mmh..beh l'ambito neurologico è il più intrigante, oltre che il più complicato..ma sono comunque ancora aperto altre possibilità

più faccio ricerche per trovare un argomento valido e più mi confondo..anche perchè se trattassi di una patologia finirei per parlare più della parte clinica (interessante certo ma più adatta ad un "trattato di medicina" più che di tecniche di radiologia..credo..correggetemi se sbaglio) e la comparazione con altre metodiche poteva servire per spostare il discorso su un piano tecnico...

accidenti..

Share this post


Link to post
Share on other sites

ecco appunto..ho letto ora il post di TSRM89 sulla diagnosi precoce dell'alzheimer ecc..

"ma che felicità" veramente..mah, a questo punto è buio pesto..

Share this post


Link to post
Share on other sites

se vuoi comparare con altre metodiche ti consiglierei almeno di spostarti sul rachide, dove hai molto più da dire anche su TC, mielo TC, RX e mielografia, considerando anche che ci sono le RM in ortostasi

e poi nel body e nell'articolare c'è anche molto da dire.

una cosa secondo me non potrai mai fare: separare i concetti tecnici dalla clinica del paziente e dalla patologia

Share this post


Link to post
Share on other sites

Andrè gli universitari non la pensano come noi... Devi fare il tecnico? Parla di tecnica!

Un confronto produttivo fra le varie metodiche lo farei piu che sulla patologia, sul distretto anatomico; ti consente di parlare delle varie metodiche senza scendere troppo nel patologico. Che ne so, pro e contro della tc e della rm nella patologia neoplastica del fegato, utilità delle metodiche tc, rm ed angiografia sottrattiva nella diagnosi e terapia degli aneurismi intracranici... Cose così, insomma.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ecco analizzare un distretto anatomico! infatti mi preoccupava il fatto di privilegiare la parte clinica..così potrei "dosare" meglio tecnica e clinica;)

mmh..vedo di approfondire un po' la cosa e le vostre idee che sembrano interessanti!

ah comunque grazie per la disponibilità e pazienza;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links