Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.




Irene Rigott

La "dieta" dosimetrica...

25 posts in this topic

Oggi ho un caso quiz di Fisica sanitaria per voi:

Come ben sappiamo, a scadenza annuale, si fanno i controlli delle apparecchiature radiologiche. Oltre a tutta una serie di misure di radioprotezione, della geometria del fascio raggi, della qualità dell’immagine ecct si misura anche l’output di ogni tubo radiologico per i due fuochi presenti.

Per fare ciò si impostano sul tavolo di comando vari valori di kV e mAs, si posiziona uno strumento dosimetrico a una distanza nota (solitamente 100cm) e si registrano i valori misurati in una tabella confrontando i valori attuali con i valori misurati in fase di collaudo (=dose di riferimento).

Durante una di queste misure, su un apparecchio telecomandato, quindi con possibilità di grafia e scopia, abbiamo riscontrato che per ogni kV impostato, il valore della dose misurato era calato mediamente di quasi il 50% - cioè, era dimezzata.

Questa la tabella completa delle misure per il fuoco grande:

post-4023-0-32442600-1373979528_thumb.jpg

I valori misurati per il fuoco piccolo si comportano alla stessa maniera.

Per essere conformi ai criteri di accettabilità, i valori di dose misurati rispetto alla dose di riferimento non devono variare più del +/-30%.

Ed ecco a voi la domanda:

Quale è la causa per questo calo di dose?

PS: i colleghi che usavano l’apparecchio in questione si sono accorti di immagini molto rumorose quando usavano la tecnica manuale; usando le camere dell’esposimetro automatico vedevano i mAs più alti del solito.

PPS: lo strumento di misura era stato regolarmente tarato presso centro SIT certificato; quindi da escludere come causa ;-)

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites


La sparo li. Il vetro o il filtro del tubo si era sporcato, dando un effetto filtro all'effettiva fuoriuscita dal tubo rispetto a quello che veniva teoricamente generato a livello di anodo e catodo. Oppure stessa cosa, l'efficienza di anodo e catodo è calata bruscamento.

P.S. ovviamente usando l'esposimetro automatico la macchina compensava per portare il livello di esposizione ai valori richiesti

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Irene, sono Jacopo (utente non troppo assiduo nel forum). Volevo chiederti se era possibile avere i dati riguardanti i kV misurati nella data del collaudo. Ad una prima visione dei dati che ci hai fornito sembra non essere apprezzabile un Beam Hardening rispetto a quelli impostati, cosa che invece si nota, in genere, quando si studia il S.E.V o HVL che dir si voglia per gli apparecchi radiologici. Questo per escludere un eventuale effetto filtro che si potrebbe essere generato al centro della finestra d'uscita del fascio.

Aspetto tue notizie.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Siete sulla giusta strada!

I valori di kV misurati al collaudo ora da casa non c'è li ho, ma domani li cerco e ve li scrivo.

Ho però i valori di SEV misurati

- al collaudo: 3,2 mm Al eq. e

- 4,5 mm Al eq. al momento del calo di dose

Domani anche la soluzione e la descrizione completa del caso :confused:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Siete sulla giusta strada!

I valori di kV misurati al collaudo ora da casa non c'è li ho, ma domani li cerco e ve li scrivo.

Ho però i valori di SEV misurati

- al collaudo: 3,2 mm Al eq. e

- 4,5 mm Al eq. al momento del calo di dose

Domani anche la soluzione e la descrizione completa del caso :confused:

Se il SEV è aumentato di 1,5 mm Al eq. si denota evidentemente un indurimento complessivo del fascio. Stanno balenando nella mia mente diverse ipotesi e aspetto con ansia la soluzione e la descrizione completa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se i mAs aumentano e l'immagine è rumorosa lo stesso vuol dire che è questione di kv, come cantavano Mina e Cocciante. Rimango della mia teoria.

Bruscamento? Fornè parla francese va hihihihi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Roberto peehe dici più verso il tubo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Perché se nelle immagini o sul monitor non "vedono" nulla significa che, se cè qualcosa, è sfuocata o ingrandita e pertanto é plausibile che dovendo optare per una posizione del "filtro" non desiderato, lo collocherei lontano dal detettore o vicino al tubo. Non azzardo altro perché la vaghezza permette più chances nella soluzione ma ...andrei a controllare se la finestrella di uscita dal tubo o i collimatori o il compressore sono sporchi ..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bravissimi, vi state via via avvicinando alla soluzione! Ancora un pomeriggio di suspence e stasera dovrei avere il tempo a descrivervi il caso completo.

:unsure:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Purtroppo oggi non riesco più a risolvere il caso, ma vi do un nuovo indizio:

l'apparecchio in questione, durante la scopia, usa per default un filtro di rame di 0,2 mm....

:blink:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Purtroppo oggi non riesco più a risolvere il caso, ma vi do un nuovo indizio:

l'apparecchio in questione, durante la scopia, usa per default un filtro di rame di 0,2 mm....

:blink:

Evidentemente non solo in scopia. è rimasto bloccato?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Evidentemente non solo in scopia. è rimasto bloccato?

Bingo!

È la stessa conclusione che abbiamo fatto anche noi a suo tempo, solo che la ditta non ci voleva credere, e ha sostituito il tubo (c’era presente materiale anodico evaporato, dicevano), ma ovviamente, al collaudo del nuovo tubo, la dose era uguale identica.

Peccato che non è stato “visto” - al collaudo non c’è dose di riferimento e nessuno si era ricordato di confrontare i valori misurati con dei valori medi di tubi simili. (Apro una parentesi: conoscete i valori di output standard? a 100kV e 100mAs e a una distanza di 100cm, un tubo medio eroga ca. 10 mGy di dose nel fascio primario (range 8-10)… il nostro sparava solo 5,35mGy!

C’è voluto un altro occhio, un po’ di tempo dopo, che ha riportato l’attenzione al fatto che la dose cmq era rimasta invariata. Solo allora è stato ispezionato il collimatore dove si vedeva benissimo il filtro in rame inserito. Si era rotto il motorino che gestiva il movimento e allo stesso momento c’era un problema di riconoscere correttamente i contatti con il dispositivo porta filtro, perché sul tavolo di comando veniva visualizzato “no filter”, “0,1 mm Cu” oppure “0,2 mm Cu” a seconda della scelta fatta, ma in realtà rimaneva inserito sempre il filtro da 0,2 mm di rame.

In conclusione, non è successo nulla di grave, anzi, c'è stato un risparmio di dose per ogni paziente, anche se i mAs utilizzati erano più alti del solito.

Il fatto dei kV che non erano più alti, ancora oggi, per me, è un mistero...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Li hanno chiamati raggi X proprio per questo!

Da questo capisco che sono stati refertati esami a dose più bassa del normale... E che quindi è come sostengono due scienziati contemporanei (Negri-Brazzo) che è solo una questione di occhio radiologico che si adatta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie di averci descritto questo caso Irene. Certo che smontare un tubo e non "vedere" il filtro in campo richiede un consulto oculistico :-)

Comunque per curiosità Irene nel manuale del tubo probabilmente dovrebbero fornire anche i grafici in energia con i vari accoppiamenti energia filtri. Se così fosse magari mettendo in correlazione le curve forse potremmo tirarci fuori il perché il kV non cambiano per le energie testate (60-81-100 kV)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Li hanno chiamati raggi X proprio per questo!

Da questo capisco che sono stati refertati esami a dose più bassa del normale... E che quindi è come sostengono due scienziati contemporanei (Negri-Brazzo) che è solo una questione di occhio radiologico che si adatta.

Non è vero del tutto, la dose al rivelatore era rimasta pressochè invariata, compensata dall'AEC o manualmente dai colleghi. Quello che diminuiva era la dose in entrata cute del paziente nonostante l'aumento dei mAs.

Settimana prossima le misure!!

Per quanto riguarda le curve dal manuale che diceva Jacopo, credo che a distanza di 6 anni di non trovarle più. ;-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per quanto riguarda le curve dal manuale che diceva Jacopo, credo che a distanza di 6 anni di non trovarle più. ;-)

Quasi lo immaginavo Irene :-), comunque poteva essere una cosa interessante perché fa parte della taratura del tubo radiogeno la curva di erogazione raggi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono ancora un neofita. Anche tu ovviamente?

Anche tu ovviamente lavori in fisica sanitaria? non intendevo che anche tu fossi una neofita :-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche tu ovviamente lavori in fisica sanitaria? non intendevo che anche tu fossi una neofita :-)

;) advanced neofita x il forum e 13 anni in Fisica sanitaria ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links