Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.

15 posts in this topic

post-4023-0-05987200-1399993088.jpg

NOME PROIEZIONE

Rx Coste AP

INDICAZIONI CLINICHE

• Trauma

• Dolori costali

• Difficoltà respiratorie

PREPARAZIONE

Liberare il torace e rimuovere eventuali oggetti metallici (piercing)

RADIOPROTEZIONE

Protezione delle gonadi

TECNICA DI ESPOSIZIONE

Cassetta 30 x 40 in verticale

Lettere di piombo

Griglia

Fuoco fine

SID: 110 - 115 cm (distanza di focalizzazione della griglia)

POSIZIONAMENTO

− Paziente in ortostasi (o clinostasi) e parallelo all’asse più lunga del tavolo.

− Piano frontale parallelo al piano sensibile

− Il braccio del lato in esame abdotto e in intrarotazione massima in modo da limitare il più possibile la sovrapposizione della scapola alle coste.

CENTRATURA

Raggio perpendicolare all’ IR

per le coste sovradiaframmatiche: Nel punto di mezzo tra la parete laterale del torace e la colonna vertebrale a livello di T7

per le coste sottodiaframmatiche: Nel punto di mezzo tra la parete laterale del torace e la colonna vertebrale a livello di T10

COLLIMAZIONE

↑ Comprendere fino a 2-3 cm sulla linea biacromiale (bordo del torace)

↔ Considerare l’espansione della gabbia toracica durante l’inspirazione per cui il campo di vista supererà di circa 1 cm il bordo esterno del torace

RESPIRAZIONE

Apnea inspiratoria per valutazione coste sovradiaframmatiche

Apnea espiratoria per la valutazione delle coste sottodiaframmatiche

VALORI DI ESPOSIZIONE

ci sono diverse tecniche espositive che cambiano anche a seconda se si vogliono visualizzare le coste sovradiaframmatiche o sottodiaframmatiche.

kV: 65-75 (anche 81kV per la porzione sottodiaframmatica in pazienti molto robusti)

mAs: dipendono sempre dalla sensibilità del sistema di rivelazione: indicativamente per sistemi CR: 12-16mAs x le coste sovradiaframmatiche; 25-30mAs x le coste sottodiaframmatiche;

CRITERI DI VALUTAZIONE

− Rappresentazione con esposizione omogenea di tutte le coste situate all’interno del campo

polmonare.

− Il campo di vista comprende coste, apici polmonari, angoli costofrenici, sterno e parte del cuore

− Sterno e colonna sono sovrapposti

− Visualizzazione delle prime nove coste che si proiettano al di sopra del diaframma

− Adeguata esposizione tale che le coste e le vertebre toraciche siano visualizzate debolmente attraverso il cuore

NOTE

* Il braccio del lato in esame può essere anche sollevato per ottenere la dislocazione della scapola dalle coste superiori.

* L’apnea inspiratoria consente di espandere la gabbia toracica (aumento degli spazi intercostali per innalzamento delle coste e contemporaneo abbassamento del diaframma)

* La proiezione può dimostrare anche patologie secondarie ad un trauma delle coste come ad esempio un pneumotorace

* Poichè i formati delle cassette abitualmente in uso non sono grandi sufficientemente e non riescono a compensare l’alta differenza di densità in prossimità del diaframma, bisogna spesso ricorrere ad una seconda radiografia (in espirazione massima) per le coste sottodiaframmatiche con incidenza del raggio centrale a livello di T10.

post-1514-0-66343600-1398950853.png

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites


Giusto per una testimonianza di immagine.

1)Emitorace paziente medio con 70Kv e 20mAs

2) Identico alla 1 con 60Kv e 30mAs

La seconda mi sembra più definita sulle coste sovradiaframmatiche, essendo anche paziente anzaina con maggiore contrasto osso-aria.

Che dite?

post-2568-0-73436800-1425569951_thumb.jppost-2568-0-08816000-1425569959_thumb.jp

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chi si ricorda le ll della dorsale con 320 mas con 3 " a respiro libero con sottrazione delle coste da movimento? O la Ottonello con movimento mandibola per vedere dente epistrofeo senza suddetta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giusto per una testimonianza di immagine.

1)Emitorace paziente medio con 70Kv e 20mAs

2) Identico alla 1 con 60Kv e 30mAs

La seconda mi sembra più definita sulle coste sovradiaframmatiche, essendo anche paziente anzaina con maggiore contrasto osso-aria.

Che dite?

attachicon.gif-Mas.jpgattachicon.gif+Mas .jpg

Super esempio per 2 concetti:

Mantenere l'esposizione sull' immagine alla modifica dei kV e mAs e l'adattamento dei kV in base alla patologia. Per osteoporosi si riduce.

Grazie Luca!

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho una curiosità..da noi RX emicostato è sempre abbinato all Rx torace..che viene aggiunto di default alla richiesta..qual'è la vostra esperienza?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho una curiosità..da noi RX emicostato è sempre abbinato all Rx torace..che viene aggiunto di default alla richiesta..qual'è la vostra esperienza?

Personalmente solo emitortace.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho una curiosità..da noi RX emicostato è sempre abbinato all Rx torace..che viene aggiunto di default alla richiesta..qual'è la vostra esperienza?

Adesso provo ad andare indietro di qualche anno...

L'RX emicostato è abbinato all'RX del torace quando, nel caso del trauma toracico con frattura costale, si sospetta PNX

Share this post


Link to post
Share on other sites

Adesso provo ad andare indietro di qualche anno...

L'RX emicostato è abbinato all'RX del torace quando, nel caso del trauma toracico con frattura costale, si sospetta PNX

Esatto Alessandro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao a tutti, studiando sul Bontrager ho notatato che per quando riguarda la SID mi fa una distinzione se l' esame viene eseguito sul tavolo radiologico o sul teleradiografo ( se supino la SID è di 110 cm se in ortostatismo diventa di 180 cm) mi chiedevo : questa differenza dipende da un fattore puramente tecnico ( il tubo sul trocoscopio più di tanto non può essere allontanato.. ) o c'è dell' altro? 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Elisa M. dice:

ciao a tutti, studiando sul Bontrager ho notatato che per quando riguarda la SID mi fa una distinzione se l' esame viene eseguito sul tavolo radiologico o sul teleradiografo ( se supino la SID è di 110 cm se in ortostatismo diventa di 180 cm) mi chiedevo : questa differenza dipende da un fattore puramente tecnico ( il tubo sul trocoscopio più di tanto non può essere allontanato.. ) o c'è dell' altro? 

 

Perché in orto diventa necessariamente 180? Non si può avvicinare il tubo? 

Share this post


Link to post
Share on other sites

si ma era curioso il fatto che il bontrager per lo studio dell'emitorace fa il distinguo sulla SID .. consiglia di usare una distanza di 110 se si fa in clinostatismo e di 180 se si decide di farlo in ortostatismo.. la mia è più una curiosità nel capire il perché... :D

e nel clarcks non ho trovato niente in merito.. mentre il trenta pala solo di pz supino (e dff 110cm )

Share this post


Link to post
Share on other sites

La proiezione a 180cm espone il paziente a dose minore, anche se i mAs sono aumentati per compensare la perditá di intensitá del fascio causato dalla legge del quadrato della distanza.

 

Sul tavolo radiologico non si riescono ad impostare distanze maggiori e quindi si opera alla distanza di focalizzazione della griglia

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links