Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.

AndForn

Colloquiz

54 posts in this topic

allora

test per tutti

con differenti aspetti

post-1401-0-61890700-1417020593_thumb.jp

a- di che sequenza si tratta

b- come é stata realizzata?

c- contrasto?

d- c'é qualcosa di patologico?

e- si poteva dimostrare in modo differente?

Share this post


Link to post
Share on other sites


Soluzione
Sulla rm ho poche conoscienze, ma azzarderei una angio-rm del collo dinamica con mdc. Sequenza trikcs. Sulla patologia a me sembra che al posto del tronco anonmio, succlavia di dx e carotide comnue di dx originano direttamente dall'arco dell'aorta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Soluzione
Per ragionamento induttivo, perchè dalle immagine non saprei dirlo, ma visto la sequenza utilizzata, c'è una MAV da qualche parte?

Share this post


Link to post
Share on other sites

No niente mav

È la tecnica e' stata fatta per dimostrare la patologia

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sembra di vedere una vascolarizzazione retrograda della vertebrale sin.

A parer mio la succlavia sin è il problema

Share this post


Link to post
Share on other sites

Di solito la succlavia destra e sinistra si riempiono con la stessa velocità oppure una prima e una dopo ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sequenza T1 FLASH 3D? Si potrebbe acquisire una sequenza iniziale "in bianco", successivamente una sequenza (analoga e sovrapponibile alla prima) con mdc e infine si potrebbe fare una "sottrazione" di immagini e rappresentare tramite MIP l'albero vascolare... Il monitoraggio del mdc avverrebbe tramite CareBolus.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sinceramente non mi sono mai posto queta domanda, ma credo anche io la stessa. Avevo notato che c'è un interruzione del segnale dove dovrebbe emergere la succlavia, ma dopo riprende, ma non sapevo di cosa potesse trattarsi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La sequenza e' autosottratta, angio ce dinamica con sottrazione della prima (a vuoto) a tutte le successive

La tiroide non centra

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eeee speeeeeeetttaaaaaa

Ci sono svariate cose che non vanno

Ma non ho capito se gli altri ci hanno capito qualcosa

Ho altre belle immagini da mostrarvi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Resta da rispondere a (d) ed (e), sul fatto che si potesse studiare in altro modo aspettiamo di capire la patologia, ma direi comunque angio TC dei vasi epiaortici.

La patologia riguarda sicuramente la succlavia di sin che, prendendo contrasto tardivamente,...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fino a qui ok

La tc era stata fatta prima ed era già stata ipotizzata la diagnosi ma ovviamente quel ritardo non si poteva vedere

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sì, diciamo che l'angio TC non fornisce, se non per intuizione, l'informazione del ritardo di vascolarizzazione. La TC è "one shot".

Dunque : stenosi parziale ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gioco il Jolly

Soluzione
Furto della succlavia, se la sequenza dinamica mostra il percorso retrogrado, del mdc e vista la presenza di una stenosi. L'esame alternativo è l'angiografia
1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Perche ? solo i medici sono capaci a riconoscere le patologie?

Anche le anomalie di sviluppo devono essere conosciute dal tecnico per poter effettuare un esame in modo corretto o verificare la buona riuscita dello stesso

In teoria io quando faccio scendere il paziente dalla macchina e perché secondo me la diagnosi è stata più o meno fatta quindi inconsciamente e come se facessi una sorta di referto mentale

Ovviamente poi mi capita come ieri che mi hanno fatto riprendere un paziente ben due volte dopo la prima parte di esame

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links