Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.




Oscar Brazzo

Un esempio di TC caviglia

35 risposte in questa discussione

Buongiorno giovanotti.

Vi porto un esempio per farvi pensare... che dose usate per una TC caviglia, ad esempio? E' vero che lì sotto non ci sono organi radiosensibili, ma il principio di ottimizzazione non fa riferimento a questo: più bassa possibile in base a quello che dobbiamo dimostrare...

questa caviglia è stata eseguita con 100 kv e 40 mA (20 mAs)... Si vede la frattura? CTDIvol 3,3 mGy...

Meditate, gente, meditate... E non fatelo a casa prima di aver ben compreso come funziona la vostra apparecchiatura!

Besos.

post-1514-0-07910000-1460849849_thumb.jpgpost-1514-0-03264300-1460849850_thumb.jpgpost-1514-0-00979800-1460849852_thumb.jpgpost-1514-0-12284100-1460849851_thumb.jpg

Massima del giorno nuovo: se si fa una cosa quando non serve la si fa anche quando serve... E' questione di impostazione mentale.

1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti


direi che le immagini sono diagnostiche al 100%

magari avrei usato un kernel più "da osso" nelle assiali (l'immagine sembra più un kernel da tessuti molli con finestra osso) ma cmq la diagnosi la fai sulla MPR sagittale che sono ottime.

mi dici con che macchina l'hai fatta e con che sistemi di dose reduction lavori?

immagino ci sia la ricostruzione iterativa, giusto?

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

.....

E non fatelo a casa prima di aver ben compreso come funziona la vostra apparecchiatura!

Besos.

....

cmq se avete voglia di giocare con la vostra TC basta andare in qualsiasi macelleria e comprare uno stinco di maiale

più o meno corrisponde come spessori e struttura ossea ad una caviglia umana

mettetelo in TC e fate tutte le prove che volete, così da capire come si può giocare con kV e mAs.

3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

direi che le immagini sono diagnostiche al 100%

magari avrei usato un kernel più "da osso" nelle assiali (l'immagine sembra più un kernel da tessuti molli con finestra osso) ma cmq la diagnosi la fai sulla MPR sagittale che sono ottime.

mi dici con che macchina l'hai fatta e con che sistemi di dose reduction lavori?

immagino ci sia la ricostruzione iterativa, giusto?

L'utilizzo del kernel soft è voluto ;-).

Macchina usata Toshiba Aquilion CX 64 strati e, mi spiace per te, senza iterative (che non ho, ahimè).

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Perché voluto il kernel molle?

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Credo che il volume rendering venga decisamente meglio. Anche noi facciamo così con la nostra Toshiba.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Come dice Rosanna, col kernel soft (o anche standard) hai 2 vantaggi pratici:

1) hai un'immagine più "pulita" in ricostruzione MPR o 3D.

2) puoi valutare anche le parti molli.

Non vale solo per Toshiba. Provare per credere.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Credo che il volume rendering venga decisamente meglio. Anche noi facciamo così con la nostra Toshiba.

Per il volume rendering ok, con il kernel soft viene meglio, ma perché sulle MPR? Non è meglio usare il kernel da "osso" in quel caso?

Comunque ottimo esame in ogni caso ;-)

1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Una volta per un lavoro avevo fatto un confronto tra delle MPR ricostruite a partire dal kernel bone e altre a partire dal kernel soft e la differenza non era poca.
Nel secondo caso era meno intuibile.
Appena riesco a recuperare le immagini le posto.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io di solito in tac ricostruito 2 dataset uno con kernel molle su cui fare mpr e 3d ed un altro con kernel osseo da guardare solo in assiale senza fare ricostruzioni intendevo questo secondo me è meglio averli entrambi

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ok si vede in entrambe ma si vede meglio nella Bone. Secondo è meglio avere entrambi uno per mpr e uno per visione di dettaglio

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si può sempre ricostruire con tutti e due, differenziando. Noi acquisiamo soft e poi si vede cosa c'è da fare.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Cmq secondo do me un Bone di default anche a 5 mm male non fa poi sul sottile va benissimo un soft o un medium a seconda dei gusti e della macchina

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma infatti ci stiamo facendo le seghe mentali :D. È prassi avere più di un data set, che poi si usa anche a seconda del gusto.

L'argomento è: perché irradiare di più quando si può irradiare di meno?

1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma infatti ci stiamo facendo le seghe mentali :D. È prassi avere più di un data set, che poi si usa anche a seconda del gusto.

L'argomento è: perché irradiare di più quando si può irradiare di meno?

Bravo, riportaci sulla retta via. :-D ;-)
0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tornando appunto nel Topic la riduzione ottenuta era rispetto a quali valori di default?

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il protocollo di default prevede 150 mA. Più o meno si viaggia su valori tripli.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

quindi tu hai semplicemente abbassato i mA o apportato altri accorgimenti?

dicevi che queste non sono nemmeno immagini ricostruite con metodo iterativo...

complimenti perchè dagli screenshot che vedo la qualità è davvero buona

chissà cosa si sarebbe potuto limare ancora con le iterative...

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non più di tanto. L'iterativa (tipo ASIR, quindi di prima generazione) agendo sulle strutture a bassa frequenza non apporta sostanziali modifiche ai tessuti con elevato contrasto intrinseco.

Stiamo proprio in questo periodo studiando quanta dose si può risparmiare sugli esami di osteo articolare, purtroppo però bisogna sempre fare i conti con delle immagini leggermente differenti in cui il radiologo ha l'impressione che la microfrattura si possa perdere

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

quindi tu hai semplicemente abbassato i mA o apportato altri accorgimenti?

dicevi che queste non sono nemmeno immagini ricostruite con metodo iterativo...

complimenti perchè dagli screenshot che vedo la qualità è davvero buona

chissà cosa si sarebbe potuto limare ancora con le iterative...

Esatto. Sull'osso si può veramente quasi esagerare anche senza iterative.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Direi che il corretto posizionamento all'isocentro e la giusta scelta del kilovolt sono determinanti più delle ricostruzioni iterative

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Direi che il corretto posizionamento all'isocentro e la giusta scelta del kilovolt sono determinanti più delle ricostruzioni iterative

ok, benissimo, ma se a parità di tutti questi parametri la macchina avesse avuto le iterative secondo voi quanto si poteva ancora tirar giù?

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

post-3658-0-23860400-1460924762_thumb.jp

Questa è la tabella fornita da GE su ASIR vs mA, da usare nel caso in cui si stia lavorando senza modulazione di corrente.

Da qui a dire quale livello di riduzione è accettabile ci sono vari "dipende", tra cui l'occhio del radiologo.

Ti posso dire per esperienza che nel caso di osteoarticolare per frattura, con livelli di ASIR del 20% non ci sono grandi differenze di immagine (ovviamente a parità di tutti le altre variabili), da lì in avanti è un "vedremo", nel senso che secondo me si può arrivare anche ad un 50%, però non sono io che referto

1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links