Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.




Oscar Brazzo

Un esempio di TC caviglia

35 risposte in questa discussione

Per tornare un attimo al senso stretto del topic, sono convinto che il tecnico debba esercitarsi in esami come questi, al fine di conoscere bene le capacità della macchina quelle 10 volte l'anno che serve realmente fare radioprotezione ad ogni costo.

Nel caso osteoarticolare secondo me è fondamentale esercitarsi sulla TC spalla e sulla TC bacino per frattura, per l'irradiazione inevitabile di tiroide, mammella e tutti gli altri organi radiosensibili.

Questo tipo di esami sono eseguiti in un centro traumatologico ortopedico per il 70% su pazienti over 50 (sono dati reali di uno studio che stiamo facendo sulle TC di spalla per frattura), ma è su quei 20% di under 30 e sopratutto sul 10% di under 20 che noi tecnici e radiologi abbiamo il dovere professionale di agire.

Piace a 8 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti


Per tornare un attimo al senso stretto del topic, sono convinto che il tecnico debba esercitarsi in esami come questi, al fine di conoscere bene le capacità della macchina quelle 10 volte l'anno che serve realmente fare radioprotezione ad ogni costo.

Nel caso osteoarticolare secondo me è fondamentale esercitarsi sulla TC spalla e sulla TC bacino per frattura, per l'irradiazione inevitabile di tiroide, mammella e tutti gli altri organi radiosensibili.

Questo tipo di esami sono eseguiti in un centro traumatologico ortopedico per il 70% su pazienti over 50 (sono dati reali di uno studio che stiamo facendo sulle TC di spalla per frattura), ma è su quei 20% di under 30 e sopratutto sul 10% di under 20 che noi tecnici e radiologi abbiamo il dovere professionale di agire.

Secondo me, tecnici e radiologi hanno SEMPRE il dovere professionale di agire! La frase di Oscar "se si fa una cosa quando non serve la si fa anche quando serve" dovrebbe essere scritta a caratteri cubitali in ogni diagnostica magari accanto al dosimetro ambientale così da averla sempre davanti agli occhi. Chissà che la nostra forma mentis ne giovi!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cmq è davvero bello vedere come usando le macchine secondo il loro pieno potenziale è possibile avere riduzioni dosimetriche in TC prima impensabili.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Quello che non mi capacito è pensare che protocolli vengano fatti uscire con il doppio o triplo della dose se non di piu

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

forse l'unica spiegazione è che si tratti di "copia-incolla" da precedenti release...

ovvero i produttori continuano a propinare "dati vecchi" che andavano bene con le macchine vecchie ma che ormai non sono più in linea con il progresso delle macchine attuali.

io me ne sono accorto in RM dove le sequenze di default della mia macchina avevano tempi biblici di scansione nonostante la qualità del magnete e delle bobine fosse tale da poter tranquillamente dimezzare i tempi senza perdita di qualità di immagine.

finchè parliamo di Rm alla fine per il pz. non ci sono particolari danni, ma in TC ogni raggio "sparato" inutilmente grida vendetta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La scarsa propensione al miglioramento, l'ignoranza dell'operatore, l'abitudine a far sempre le stesse cose per non sbagliare, e quel maledetto dose report che mai nessuno ma mai nessuno si caga, per primo i medici. Tante volte potresti fare la radioterapia ai pazienti che loro manco se ne accorgerebbero.

Piace a 3 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La scarsa propensione al miglioramento, l'ignoranza dell'operatore, l'abitudine a far sempre le stesse cose per non sbagliare, e quel maledetto dose report che mai nessuno ma mai nessuno si caga, per primo i medici. Tante volte potresti fare la radioterapia ai pazienti che loro manco se ne accorgerebbero.

Questa sentenza andrebbe appesa e inquadrettata in molti reparti...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Secondo me, soprattutto in tc, la spiegazione consiste nel fatto che la qualità di una macchina è valutata in base alla "bellezza" dell'immagine.

Quando passerà che la vera bellezza consiste in un'immagine diagnostica con la minor dose possibile forse la situazione potrebbe migliorare.

Ma sarà sempre al tecnico che spetterà apportare le migliorie più fini tenendo conto delle caratteristiche delle macchina e della tipologia del paziente che di volta in volta si sottopone all'esame.

Un'apertura mentale in tal senso del radiologo che referta non guasterebbe anzi potrebbe essere fondamentale nell'indirizzare anche le scimmie più incallite ad ottimizzare la tecnica nell'interesse dei pazienti.

Piace a 4 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Secondo me 'sto ragazzo ha avuto un prof fighissimo:D.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Sono d accordo Donato, ma purtroppo è necessario un cambio generazionale sec me..

Modificato da Alan 89
Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links