Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.




freshmeat

contrasto in radiografia

8 posts in this topic

Ciao a tutti! Mi interessava sapere il perché le basse energie nelle tecniche Rx determinano un buon contrasto e in che modo e perché influenti sono anche lo spessore e il coefficiente di attenuazione dei tessuti,grazie in anticipo 😀

Share this post


Link to post
Share on other sites


Ciao a te.

La faccio semplice: bassi kv=meno effetto Compton= meno radiazione diffusa=maggior contrasto.

2 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Innanzitutto grazie per la risposta! Dunque si,a maggiori energie del fascio di fotoni ho più effetti da radiazioni secondarie che fanno diminuire il contrasto, ma per quanto riguarda lo spessore dei tessuti? Come influisce? Anche qui, non ho più interazioni rispetto ai tessuti molli e dunque più effetti da radiazione secondaria? Però intuitivamente sarei portata a dire che il contrasto è migliore sui distretti più spessi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Effetto fotoelettrico–>direttamente proporzionale al cubo dello Z del materiale attraversato e inversamente proporzionale al cubo dell'energia.

Dipende dallo Z del tessuto attraversato...

Il contrasto dipende anche dal contrasto intrinseco dell'organo.

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

E dunque è giusto dire che un contrasto migliore si ha per tessuti più spessi,vero?

Share this post


Link to post
Share on other sites

E dunque è giusto dire che un contrasto migliore si ha per tessuti più spessi,vero?

Mhm...non lo puoi definire come scrivi...

Il contrasto radiografico si genera quando hai tessuti o materiali di diverso spessore o diversa densità.

Più grande è questa differenza intrinsecamente (contrasto soggetto), maggiore è il contrasto radiografico (differenza dei livelli di grigio sull'immagine).

A kV più bassi ottieni una maggiore differenziazione in termini di livelli di grigio, proprio dovuto al maggiore assorbimento dei fotoni a basse energie all'interno di tessuti più densi e/o spessi di altri.

A kV maggiori questo assorbimento differenziale è meno pronunciato (i fotoni sono più penetranti e quindi hanno meno probabilità di venire assorbiti). Inoltre, più alti sono i kV maggiore è la probabilità dell'effetto Compton. Questo crea maggiore radiazione diffusa che sull'immagine radiografica si sovrappone ai fotoni primari riducendo quindi la differenza e cioè riducendo il contrasto radiografico.

Per approfondire:

http://fermononrespiri.com/blog/19/entry-107-kv-mas-dose/

6 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Esaustive tutte le risposte,e ora ho chiaro il contrasto da cosa è determinato,un'ultima cosa:l'effetto Compton si è detto che determina rumore per via della radiazione secondaria che introduce,l'effetto fotoelettrico invece è ciò che consente di ottenere l'immagine, cioè senza effetto fotoelettrico avrei il passaggio indisturbato di fotoni e dunque tanto segnale (tutto nero),giusto?

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 9/5/2016 at 10:44 PM, freshmeat said:

Esaustive tutte le risposte,e ora ho chiaro il contrasto da cosa è determinato,un'ultima cosa:l'effetto Compton si è detto che determina rumore per via della radiazione secondaria che introduce,l'effetto fotoelettrico invece è ciò che consente di ottenere l'immagine, cioè senza effetto fotoelettrico avrei il passaggio indisturbato di fotoni e dunque tanto segnale (tutto nero),giusto?

Si in un modello rimpicciolito è cosi, al patto che nel secondo esempio non esista la diffusa. Ora però a questo effetto Compton e fotoelettrico ed al concetto di contrasto devi sovrapporre anche il concetto di SNR...che è legato sempre a doppia mandata:)

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links