Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.

AndForn

Riduzione di dose TC Torace

30 risposte in questa discussione

Più di 1,90 per 81 kg. Più muscoli che grasso.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti


Ricordo che quando facevo la tesi sull'angio tc delle polmonari si puntava a ridurre la dose abbassando i kV e aumentando i mAs (dato che i kv determinano una riduzione esponenziale della dose).

Come mai senza mdc si punta a fare il contrario ?? allergia-01allergia-01

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Perché sul vascolare la riduzione dei kv comporta un maggiore assorbimento da parte dello iodio, che permette di vedere il vaso più denso ed è quello che interessa. Tieni conto che negli obesi se non hai le iterative la riduzione comporta un aumento importante del rumore, al limite del diagnostico.

Nelle TC torace senza contrasto, invece, il discorso può essere duplice:

1) paziente normotipo (diciamo quasi sempre sotto gli 80 chili): non hai tanta necessità di "sfondare", quindi puoi ridurre l'energia (i kv) aumentando i mAs o tenendo l'esposimetro attivo, magari aumentando appena il noise index.

2) paziente corpulento: hai bisogno di fascio più penetrante (kv più alti) e puoi usare mA fissi bassi o l'esposimetro con valori alti di noise index.

Questo è un ragionamento generale; per la sua applicazione pratica bisogna conoscere come la macchina risponde alle modifiche che fai. Io lavoro con 2 TC che rispondono in maniera diversa alla stessa modifica.

Take home points: prima di effettuare qualsiasi modifica ad un protocollo di scansione TC è necessario sapere come reagirà l'apparecchiatura.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il k edge dello iodio, of course ;)

il mio problema è che faccio sì o no 10 TC al mese, e diventa difficile sperimentare, ma proverò ugualmente.

Cambia anche il contrasto dell'immagine a kV diversi ?? come in tradizionale ? alti kV meno contrasto ?? o in TC non è così evidente ?

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La fisica dei raggi X è sempre quella. Più aumenti la tensione, più aumenti la probabilità di assorbimento per effetto Compton, quindi la radiazione diffusa, riducendo il contrasto.

Viceversa, la riduzione della tensione al tubo favorisce l'assorbimento per effetto fotoelettrico, che non produce rx di scattering.

Più riduci i kv, più aumenti la probabilità che la radiazione sia tutta assorbita dallo iodio, il che si traduce col "bianco" sull'immagine.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links