Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.

ven.n

Visita medica e corso sulla 187

15 risposte in questa discussione

Buongiorno a tutti colleghi, lavoro come libero professionista da alcuni mesi e volevo dei chiarimenti in merito ad alcune cose: 

1. La visita medica (dal medico competente) è obbligatoria per l'abilitazione al lavoro anche per i liberi professionisti?  Se sì, è il libero professionista che deve cercare un medico competente per la visita o è la struttura privata dove lavora che se ne deve occupare?

2. Il costo della vita è, per legge, a carico del libero professionista o della struttura che richiede le sue prestazioni?

3. Per quanto riguarda invece il corso sulla 187? è la struttura o il libero professionista che deve preoccuparsi di farla?   

4. Per quando sono valide la visita medica e il corso sulla 187 (ricordi di averle fatte entrambe ai tempi del tirocinio in ospedale durante il corso di laurea)

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti


Ogni persona professionalmente esposta deve essere classificata da parte dell esperto qualificato e visitata in base alla classificazione da un medico autorizzato o un medico competente.

I classificati B faranno visita annuale, quelli A semestrale.

La legge (d.lgs 203/95 e smi) parla che i costi sarebbero a carico del datore di lavoro.

 

Il corso sulla radioprotezione secondo d.lgs 187/00 ha "validità" di 5 anni.

1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma il datore di lavoro di un libero professionista è lui stesso, quindi credo sia a suo carico

1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
39 minuti fa, Irene Rigott dice:

Ogni persona professionalmente esposta deve essere classificata da parte dell esperto qualificato e visitata in base alla classificazione da un medico autorizzato o un medico competente.

I classificati B faranno visita annuale, quelli A semestrale.

La legge (d.lgs 203/95 e smi) parla che i costi sarebbero a carico del datore di lavoro.

 

Il corso sulla radioprotezione secondo d.lgs 187/00 ha "validità" di 5 anni.

 

21 minuti fa, Alessandro Tombolesi dice:

Ma il datore di lavoro di un libero professionista è lui stesso, quindi credo sia a suo carico

Quindi i liberi professionisti devono pagarsi da soli la visita dal medico competente?

Per quando riguarda il corso di radioprotezione a noi è stato fatto durante il corso di laurea (se non ricordo male durante il primo anno)... va quindi rifatto dopo 5 anni? Se sì, si considerano 5 anni dalla data di conseguimento della laurea o 5 anni dalla data effettiva in cui è stato fatto il corso?

Allo scadere dei 5 anni di validità, un libero professionista come e dove può svolgere il corso di radioprotezione? (so che gli ospedali e i grossi privati convenzionati li organizzano internamente ma chi lavora in piccole cliniche come può fare?)

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nella mia esperienza da libero professionista ho sempre trovato centri che provvedevano alle visite mediche e dosimetria.

Ultimamente però so per certo che non è più così, ma credo che sia un campo un po' confuso, o comunque fonte d'incerta interpretazione, per cui molti centri provvedono per non rischiare 

1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Capito.. quindi stando alla legge che ha riportato Irene è il datore di lavoro che deve pagare la visita medica... ma nel caso dei liberi professionisti? non esiste una normativa a riguardo?

 

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

D.lgs. 230/ 95  Capo VIII art.62 in poi

In effetti non è chiarissimo, ci sono degli  adempinenti da parte degli esercenti, tuttavia pare di interpretare che i costi siano effettivamente a carico del lavoratore autonomo.

La nuova dirrettiva EURATOM 59/2013 mi pare più concreta, dovete verificare. Io ricordo che ci sia migliore definizione e che i costi siano poi a carico dell'esercente.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
38 minuti fa, Irene Rigott dice:

D.lgs. 230/ 95  Capo VIII art.62 in poi

In effetti non è chiarissimo, ci sono degli  adempinenti da parte degli esercenti, tuttavia pare di interpretare che i costi siano effettivamente a carico del lavoratore autonomo.

La nuova dirrettiva EURATOM 59/2013 mi pare più concreta, dovete verificare. Io ricordo che ci sia migliore definizione e che i costi siano poi a carico dell'esercente.

Grazie mille per le risposte colleghi.. proverò a sentire un medico competente per avere maggiori informazioni. 
Per quanto riguarda il corso di radioprotezione invece Irene ha detto che dura 5 anni ma ho dei dubbi:

- scaduti i 5 anni, il libero professionista come e dove può rifare il corso? 

- è il libero professionista che si deve preoccupare di fare il corso o è la clinica dove lavora che deve occuparsene?

- durante il corso di laurea viene svolte il corso di radioprotezione (a me sembra di ricordare che ci sia stato fatto il primo anno prima di iniziare il tirocinio)? Se sì, la validità di 5 anni di cui parlava Irene parte dalla data della laurea o dal giorno in cui è stato fatto il corso di radioprotezione?

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il libero professionista deve preoccuparsi di fare tutto. 

Può essere fortunato se lavora per qualche centro che, perché magari ha già dei dipendenti od ha adempimenti particolari verso il ssn ,  magari gli passa le visite od il dosimetro. 

Magari il centro ha 5 dipendenti e 2 liberi professionisti, in quel caso pagando già i vari medici e fisici, gli costa di meno far rientrare anche i liberi professionisti nella convenzione. Ma è una concessione. 

Può essere anche che il centro, dato che ha dipendenti (magari non tsrm) debba comunque fare ecm o corso RP, in quel caso, sempre per lo stesso meccanismo, organizzi corsi ecm o che si avvalga di qualche collaborazione con chi ne fa, ed allora fa rientrare anche i LP. 

È successo a me in passato, ma è stato un caso. 

Difatto quasi tutti i centri che ho visto in qualche modo si arrangiavano, ma è facile che coi tempi che corrono non siano più tanto disposti a farlo. 

Infine dico che, quando il LP contratta la %, deve considerare anche queste cose,  invece di accettare le miserie che offrono. Ma questo purtroppo è un discorso che prevede una serie di preamboli che non possiamo discutere. 

Sul discorso 5 anni sono 5 anni dopo la laurea. Ma non ho mai saputo di controlli da parte di chissà chi.

 

 

1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
12 ore fa, Alessandro Tombolesi dice:

Il libero professionista deve preoccuparsi di fare tutto. 

Può essere fortunato se lavora per qualche centro che, perché magari ha già dei dipendenti od ha adempimenti particolari verso il ssn ,  magari gli passa le visite od il dosimetro. 

Magari il centro ha 5 dipendenti e 2 liberi professionisti, in quel caso pagando già i vari medici e fisici, gli costa di meno far rientrare anche i liberi professionisti nella convenzione. Ma è una concessione. 

Può essere anche che il centro, dato che ha dipendenti (magari non tsrm) debba comunque fare ecm o corso RP, in quel caso, sempre per lo stesso meccanismo, organizzi corsi ecm o che si avvalga di qualche collaborazione con chi ne fa, ed allora fa rientrare anche i LP. 

È successo a me in passato, ma è stato un caso. 

Difatto quasi tutti i centri che ho visto in qualche modo si arrangiavano, ma è facile che coi tempi che corrono non siano più tanto disposti a farlo. 

Infine dico che, quando il LP contratta la %, deve considerare anche queste cose,  invece di accettare le miserie che offrono. Ma questo purtroppo è un discorso che prevede una serie di preamboli che non possiamo discutere. 

Sul discorso 5 anni sono 5 anni dopo la laurea. Ma non ho mai saputo di controlli da parte di chissà chi.

 

 

Ma un libero professionista dove può fare il corso di radioprotezione dopo la scadenza dei 5 anni dopo la laurea?  si trova online?

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

On Line mai sentiti dire. 

Presso le strutture per cui lavori, organizzato da esperti qualificati convenzionati del centro, più probabile. 

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tempo fa c'era anche qualcosa online. Spesso è blended, cioè una parte online e poi con presenza.

L'organizzazione satebbe a carico della regione....

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
17 ore fa, Alessandro Tombolesi dice:

On Line mai sentiti dire. 

Presso le strutture per cui lavori, organizzato da esperti qualificati convenzionati del centro, più probabile. 

 

18 minuti fa, Irene Rigott dice:

Tempo fa c'era anche qualcosa online. Spesso è blended, cioè una parte online e poi con presenza.

L'organizzazione satebbe a carico della regione....

Mi sai dire il sito Irene?  Comunque mi sembra di capire che sia un'iniziativa che può prendere un centro, non il singolo libero professionista... Nel caso in cui il centro non si mobiliti nell'organizzare questo corso, il libero professionista rischia qualcosa?

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

1 ora fa, Irene Rigott dice:

https://www.ecmcampus.it/#3

 

http://policlinico.ecmcampus.it/radioprotezione15/

 

 

Era qui su questo portale, purtroppo scade fra pochi.giorni

 

Grazie mille Irene... Ma quindi sostanzialmente il corso di radioprotezione da fare ogni 5 anni è un ECM? Se sì, viene fatto ogni tot solo sul portale che hai linkato o può essere organizzato da diversi siti online?

Il pezzo della 187/00 inerente il corso, di cui parlavi prima, è il seguente?

"Il personale che opera in ambiti professionali direttamente connessi con l’esposizione medica deve seguire corsi di formazione con periodicità quinquennale; nell’ambito della formazione continua di cui all’articolo 16-bis del citato decreto legislativo n.502 del 1992 è previsto un programma in materia di radioprotezione"

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links