Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.

Tommy27

artefatto sequenze HASTE T2

10 posts in this topic

Ciao, ho notato questo artefatto in alcune sequenze HASTE T2 sagittali fatte l'altro giorno.

Come potete vedere mentre l'immagine in basso ha un ottimo segnale, quella immediatamente successiva (e gran parte delle altre del pacchetto) presentano una perdita generalizzata dell'intensità di segnale (guardate come cambia il segnale della cisti a anche della corticale del rene) con tutto che diventa molto più scuro.

La sequenza è stata acquisita in apnea in 2 concatenazioni con spessore di 5 mm, gap 10% con TR 800 e TE 71. La cosa interessante è che ci sono 18 fette e che solo la 9° fetta e la 18° fetta hanno un segnale ottimale mentre tutte le altre 16 sono tutte più scure. Controllando gli orari di acquisizione ho notato che la 9° e la 18° immagine sono di fatto le prime di ogni singola concatenazione.

Come mai secondo voi quando viene acquisito il pacchetto, la prima immagine viene bene e le altre invece con questa perdita di segnale? C'è forse qualche parametro della sequenza che va ottimizzato per avere la stessa qualità di segnale in tutte le fette?

haste.png

Share this post


Link to post
Share on other sites


potrebbe essere quello che mi fa perdere segnale nelle fette successive?

forse i tessuti non hanno tempo "di recuperare" dopo la prima fetta?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scommetterei di si'. Hai fatto bene ad analizzare quale fosse l'ordine vero di acquisizione. Pero' non mi torna, non dovrebbe succedere comunque. Questo vuol dire che la fetta numero 2, 3, ..., risentono degli strati acquisiti precedentemente (e la 1 no, non avendo un predecessore). Questo non dovrebbe succedere con spessori e gap indicati, secondo me.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il TR mi sembra decisamente troppo basso e ti consiglierei, se ovviamente non lo hai già fatto, di fare una acquisizione interleave, in modo tale che le fette non risentano della sovrapposizione del segnale della fetta precedente. Prova se vuoi e poi facci sapere.

Share this post


Link to post
Share on other sites

prima cosa da fare è provare a mettere un gap di 20 mm

se in quel caso viene bene significa che il problema è il TR che è troppo corto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono d'accordo Andrea, ma... il gap 10% non dovrebbe bastare? C'e' qualcosa che sfugge secondo me:unsure:

Share this post


Link to post
Share on other sites

c'è probabilmente qualche parametro sballato nei "meandri" della sequenza...

io uso le HASTE in assiale e coronale molto spesso e sempre con TR abbastanza bassi (sotto i 1000) ma 'sta cosa non mi era successa prima.

quelle HASTE sagitalli erano delle vecchie sequenze che avevo salvato nell'elenco delle scansioni opzionali ed era un sacco che non le adoperavo... bisogna che mi metta con calma ad analizzare una ad una le card delle sequenze buone vs. quelle cattive per capire dove sta il parametro che provoca l'artefatto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 16/5/2017 at 08:17, Tommy27 dice:

c'è probabilmente qualche parametro sballato nei "meandri" della sequenza...

io uso le HASTE in assiale e coronale molto spesso e sempre con TR abbastanza bassi (sotto i 1000) ma 'sta cosa non mi era successa prima.

quelle HASTE sagitalli erano delle vecchie sequenze che avevo salvato nell'elenco delle scansioni opzionali ed era un sacco che non le adoperavo... bisogna che mi metta con calma ad analizzare una ad una le card delle sequenze buone vs. quelle cattive per capire dove sta il parametro che provoca l'artefatto.

Prova anche a eseguire un controllo di qualità sul corretto funzionamento dei gradienti. Se per qualche motivo hanno subito un deterioramento potresti non avere un profilo di strato sufficientemente corretto e da qui l'interferenza tra strati anche con un gap del 10%

Share this post


Link to post
Share on other sites

scusatemi ma non ho ancora avuto tempo di fare prove sul campo...

ad ogni modo le sequenze "sotto accusa" erano già  "interleaved in breathold"

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links