Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.

Mattia_42

Parametri dosimetrici TC

7 risposte in questa discussione

Salve a tutti, sono un laureando e sto scrivendo una tesi sulla radioprotezione TC in pediatria. Al momento sto trattando i vari parametri dosimetrici e non ho ben chiara cosa differenzi la SSDE (size-specific dose estimates) e dal DLP (prodotto dose per lunghezza) e cosa leghi la SSDE al CTDIvol.

Sarei molto grato per eventuali delucidazioni.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti


https://www.aapm.org/pubs/reports/RPT_204.pdf

Questo è tutto quel che c'è da sapere sul SSDE.

Come dice il nome stesso, trattasi di stima di dose "size specific", quindi sostanzialmente una serie di fattori di conversione moltiplicativi del CTDI per avere una stima un po' più realistica di dose al paziente, dato che il CTDI della macchina è rapportato ad un fantoccio 16 o 32 cm, ma noi difficilmente siamo 16 o 32 cm di diametro.

Schermata 2017-09-16 alle 22.43.53.png

Tutto ciò ha più valore ancora se calcolato sui bambini, prova ad applicare la tabella relativa e ti renderai facilmente conto di quanto il SSDE si discosti dal CTDI indicato dalla macchina.

L'utilizzo di questo parametro moltiplicativo rientra nel tentativo, peraltro ambizioso e lontano da raggiungere, del riuscire ad avere, prima dell'irradiazione e poi dopo il dose report, di indicare il parametro dosimetrico il più possibile personalizzato al paziente, cosa che la macchina non può fare neanche volendo,

 

 

1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille, sei stato infinitamente d'aiuto. Un'ultima cosa, essendo poco ferrato in ambito algebrico, potresti descrivermi la formula espressa per il calcolo dell'SSDE, nello specifico il ruolo della funzione nell'equazione. Io c'ho dato una mia interpretazione, ma in sede di laurea, vorrei essere più che convinto di quel che dico, anche in ambito matematico.

Mi scuso per essermi ricollegato dopo un bel periodo di tempo, sono stato abbastanza impegnato in queste settimane per reperire dati relativi allo studio.

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Assolutamente no una formula è una formula, e tu ti stai laureando da tecnico di radiologia. 

Non dovresti avere nessun tipo di difficoltà nell'interpretazione e nell'enunciazione. 

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 16/9/2017 at 22:54, Alessandro Tombolesi dice:

...ma noi difficilmente siamo 16 o 32 cm di diametro.

Noi chi? :D

 

 

 

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links