Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.

4 risposte in questa discussione

La modulazione d’organo (organ dose modulation, organ based modulation) fa parte, insieme alla modulazione angolare ed a quella longitudinale, dei sistemi di modulazione della corrente (mA) nelle scansioni elicoidali delle moderne apparecchiature CT, il suo utilizzo ha come scopo la riduzione ai minimi valori possibili della dose agli organi più radiosensibili del corpo umano, che sono tutti disposti anteriormente, durante le scansioni tomografiche.

Rappresentano a tutti gli effetti la migliore soluzione per questo tipo di problema dopo che negli anni passati si era provato l’utilizzo dei filtri al bismuto, spesso abbandonati a causa degli artefatti sulle immagini e della difficoltà tecnica d’utilizzo (posizionamento dopo esecuzione di localizzatore).

Ognuna con differenti nomi commerciali, ogni casa produttrice ha implementato software di questo tipo sulle proprie apparecchiature. GE l’ha chiamata ODM, appunto acronimo di Organ Dose Modulation.

Praticamente avviene che l’emissione del tubo radiogeno si riduce di una consistente percentuale quando il tubo passa anteriormente al corpo umano riducendo conseguentemente l’esposizione e la dose assorbita dagli organi interessati. La riduzione dei mA avviene in misura del 30-40 % e per un angolo variabile da regione in studio (90-100° nel caso della testa, 150-180° nel caso body).

A trarre vantaggio dall’utilizzo di queste opzioni sono organi quali il cristallino, la tiroide, la mammella, il mediastino (parzialmente) e comunque tutto ciò che si trova in regione anteriore del corpo umano.

Schermata 2017-11-05 alle 11.55.08.png

Schermata 2017-11-05 alle 11.58.10.png

Detto ciò appare evidente quanto sia importante la corretta centratura in altezza del paziente, oltre che per le ben note ragioni di identificazione delle corrette dimensioni del paziente su scanogramma e conseguente modulazione errata della dose, anche per il fatto che un offcenter negativo (centratura più bassa) determina una sovra-irradiazione a quegli stessi organi che dovrebbero essere risparmiati (ad esempio ai quadranti laterali delle mammelle, e soprattutto a quelle di grosse dimensioni che tendono a cadere lateralmente).

2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti


Ciao Alessandro

 

ma che tu sappia il milliamperaggio viene aumentato nella parte posteriore per compensare la riduzione nella parte anteriore oppure viene semplicemente ridotto senza apportare altre modifiche?

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Loro dicono di no, ma mi viene difficile pensare che sia possibile una riduzione nella porzione anteriore senza un aumento dalle altre parti.

 

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links