Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.

Allen35

Problema riconoscimento fasi in TC

4 risposte in questa discussione

Salve a tutti!
Sono un allievo tecnico iscritto alla triennale di Tecniche di Radiologia al 2° anno. Vi scrivo e chiedo il Vostro aiuto per quanto riguarda il riconoscimento della fase in TC. Mi spiego meglio: preso un esame TC contrastografico, come faccio (senza conoscere i tempi di scansione) a riconoscere in quale fase è stata acquisita la scansione?

Tendenzialmente so che nella fase arteriosa, i vasi appunto arteriosi sono iperdensi mentre i venosi sono ipodensi. In fase portale invece avviene l'inverso, ossia i venosi sono più iperdensi rispetto agli arteriosi. Invece nella fase all'equilibrio (o tardiva) le densità dei due tipi di vasi si assomigliano e inoltre il contrasto si spande anche sui tessuti, oltre che ritrovarlo negli ureteri/in vescica. E' tutto giusto quello che ho detto? E altra domanda: la vena cava inferiore rispecchia le caratteristiche densitometriche di un normale vaso venoso in portale e tardiva oppure cambia il suo excursus densitometrico?

Vi ringrazio in anticipo :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti


per riconoscere le fasi devi conoscere bene il circolo  sanguigno compreso quello portale

solitamente non é difficile se hai tutta le serie di mmagini, se ne hai solo una, per esempio a livello del domo epatico, non é sicuro che tu possa distinguere una fase portale precoce da una piu tardiva

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

un ulteriore trucco per riconoscere le fasi è guardare ai reni

sono l'organo che mostra il maggior range di variazioni di enhancement nelle varie fasi di imaging TC o RM

vedendo il livello di enhancement cortico-midollare e l'eventuale presenza di contrasto nelle vie escretrici sei in grado di dire quale scansione è la più precoce e quale la più tardiva in ogni esame.

a volte , specie in fasi molto ravvicinate, il fegato può avere più o meno lo stesso aspetto tra una fase e l'altra, mentre il rene di solito "cambia" di più.

 

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciao 

nel classico esame del fegato ( addome )  :

- fase arteriosa vascolare : solo aorta ed arterie epatiche : 25/30 SEC DI RITARDO (  se usi il bolus tracking / smart prep / sure start ..meglio e direi anche obbligatorio ) 

- fase arteriosa epatica ( parenchimale ) :arterie epatiche / vena porta : 35/45 sec di ritardo 

- fase portale : vena porta , no vena cava inferiore : 55/60 sec di ritardo 

- fase venosa : vena cava inferiore : 80/90 sec di ritardo ..certi radiologi vogliono anche una venosa a 120 sec .

- fase tardiva classica : 3/5 min fase di equilibrio ( parenchima epatico omogeneo ) .Questa varia a seconda della patologia ( 10 min urografica , 15 min surreni , ..etc ..) 

 

spero di essere d'aiuto ..

cris 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links