Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.

Tommy27

artefatti "india ink" in STIR

39 posts in this topic



22 ore fa, Tommy27 dice:

proverò... le mie STIR hanno un TI di 170 e di solito vengono bene. a naso se mi ricapita artefatto cosa dovrei provare a fare? T1 150 o TI 190? o altri valori ancora?

forse nemmeno Bartalini che ha scritto il libro sugli artefatti lo conosceva, vero Luca?

 

Ciao Tommy. 

In effetti mi cogli in fragrante, non conoscevo questo effetto, molto interessante.

Potrebbe spiegare l'effetto bordo marcato anche se, nelle tue STIR,  si hanno delle ripetizione all'interno dell'anatomia diversamente dalla teoria dell'artefatto descritto online e dall'immagine dimostrativa. Inoltre si presenta una alterazione sensibile nella soppressione del grasso mentre, nell'immagine dimostrativa online, il liquor sembra soppresso correttamente. 

Per essere sicuri che la causa sia quella c'è un solo modo: modificare il TI a parità di altri parametri nel momento in cui si presenta.

Nonostante la spiegazione sia plausibile non sono convinto al 100%. Se riesci, nel momento in cui non si dovesse risolvere la mancata soppressione ed effetto bordo modificando il TI, provi ad inserire un contenitore di acqua o gel ecografico e ripetere come TI originario?

In quel momento, se sei d'accordo ovviamente, la inseriremo nel corretto capitolo della sezione on-line

Facce sapè e grazie!

Share this post


Link to post
Share on other sites

beh, se riguardi quella FLAIR il liquor è tutt'altro che ben soppresso... non è quel bel "nero" FLAIR che si vede di solito ma un grigio scuro un po' disomogeneo.

cmq farò la prova se mi ricapita un altro piedino capriccioso.

riguardo alla variazione del TI, tu cosa consigli? di passare da 170 a 160 oppure a 180? in linea teorica quale sarebbe l'aggiustamento più verosimilmente utile da fare?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Più colleghi che lavorano su sistemi alto campo dicono che lavorano a valori minori, seguirei il loro consiglio a questo punto

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Lux dice:

Autore del libro: "ARTEFATTI E SOLUZIONI TECNICHE NELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI RM" 

buon pomeriggio

una domanda ...ci sarà anche una versione digitale ebook oppure è prevista solo la versione cartacea ?

grazie 

Ciao Lux. Il libro è solo cartaceo, non esiste edizione digitale, ma ha una sezione online avanzata.

Per dettagli ti consiglio di guardare il video di presentazione al seguente topic. Al min.9 parlo proprio di questo.

Nel caso in cui tu abbia altre domande scrivi direttamente la altrimenti spostiamo l'argomento della discussione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

come promesso... vedi screenshot.

effettivamente l'artefatto viene meno se riduco il TI dai 170 a 160 o 150.

STIR_TI_1.jpg

STIR_TI_2.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

guardate sopratutto la diafisi tibiale nel primo quadretto e l'articolazione metatarso-falangea nel secondo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eh si cavolo. Molto interessante!

Sembra proprio quello il problema a questo punto...

Se riesci comunque, per togliersi tutti i dubbi, potresti provare a rifare la 170 con artefatto inserendo un fantoccio di acqua, non riesco a togliermi questa cosa dalla testa non so perché...

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

anche in questo caso si trattava di un piede "piccolo e giovane". probabilmente la composizione del midollo osseo a questa età contribuisce alla comparsa dell'artefatto con certi valori di TI

Share this post


Link to post
Share on other sites

Meglio così, si è scoperta una cosa nuova.

Lo posso usare come caso nel libro Tommy? citandoti nella didascalia...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links