Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.

scatralla

Dose in sala operatoria con Arco a C

8 risposte in questa discussione

Salve,

in sala operatoria so per certo che è buona pratica avere sempre il tubo sotto il paziente e il detettore sopra.                                                                                                                                              Questo serve per ridurre la dose agli operatori, dal momento che la maggior parte dello scatter va in direzione opposta al raggio centrale ed è quindi diretta verso il suolo (correggetemi se sbaglio).

Tuttavia è anche vero che per ridurre la dose devo cercare di avere il detettore il più possibile vicino alla zona che sto irradiando: il detettore se lontano dice al tubo di sparare di più perchè riceve meno raggi X --> perciò più dose. 

Quindi la mia domanda è: data una procedura ortopedica mirata alle estremità (mani o piedi per esempio), non sarebbe meglio posizionare il detettore sotto il tavolo in modo da tenerlo il più possibile vicino alla zona di interesse (con conseguente risparmio di dose) e lasciare allo stesso tempo maggiore spazio di manovra ai chirurghi?

Grazie

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti


Tolto lo scatter, altri motivi utili per cui conviene tenere il tubo sotto il tavolo operatorio sono che il tavolo effettua un po' di filtrazione della componente più "molle" e per il fatto che la radiazione di fuga, che ogni tubo ha, rimane sotto il tavolo ed al massimo investe la parte al di sotto del ginocchio degli operatori.

Per questo anche sulle mani conviene, secondo me, mantenere il tubo radiogeno posto sotto al lettino.

In ogni caso puoi contattare la fisica sanitaria della tua struttura per chiarimenti o per effettuare delle misurazioni specifiche.

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si può anche sostenere e che posizionare il detettore sotto negli interventi, per esempio, della mano (e quindi il tubo in alto) può dare dei vantaggi dal punto di vista dosimetrico perché si può fare appoggiare la mano direttamente sull'IB (una volta rivestito con teli sterili) ed in questo modo si è sicuri che la proiezione verrà correttamente, soprattutto dal punto di vista esposimetrico, mentre utilizzando l'IB nel modo corretto, data la maggior distanza della mano dal detettore, è più difficile centrare correttamente e quindi può essere necessario effettuare più esposizione per averne una corretta, vanificando così la riduzione della dose agli operatori.

Questo ragionamento viene meno con la sempre maggiore diffusione di IB dotati di centratore laser che permettono anche a distanza una corretta centratura della zona in esame, e anche con IB non dotati di centratore luminoso un buon modo per ottenere esposizioni sempre corrette in queste situazioni è quello di bloccare i dati esposimetrici una volta ottenuta la correttezza esposizione.

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie delle risposte @Andrea Rivoira

E' interessante quello che dici di posizionare la mano direttamente sul detettore, lo vedo però un pochino difficile dal punto di vista pratico sopratutto per procedure lunghe o che richiedono ampio spazio di manovra.

Quindi in linea di massima consigli sempre detettore sopra e tubo sotto, per i soliti motivi scatter e radiazione di fuga, bene!! 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Personalmente sì, quando possibile utilizzare sempre l'arco a C con il tubo sotto il lettino.

Qualora per qualsiasi motivo fosse necessario utilizzare l'IB al contrario conviene ancora di più  cercare di allontanarsi il più possibile e fare allontanare tutti gli operatori non necessari.

Perché noi ed chirurghi siamo tenuti a conoscere i principi di radioprotezione, ma gli infermieri strumentisti, che a volte si trovano molto vicino al campo ed al tubo radiogeno, non penso che seguano corsi di radioprotezione, se non per iniziativa delle singole aziende sanitarie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, scatralla dice:

È interessante quello che dici di posizionare la mano direttamente sul detettore, 

Più che altro può essere usato per fare proprio due scatti rapidi su una mano, ma è comunque preferibile utilizzare un supporto radiotrasparente per la mano ed utilizzare l'arco a C nel modo corretto. Anche perché c'è sempre il rischio di rovinare il case dell'IB e si potrebbero avere problemi per utilizzo improprio dell'apparecchiatura.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Noi in fisica sanitaria abbiamo fatto misure con diversi corpi diffusori variando la geometria tubo-IB.

Abbiamo riscontrato che per mano polso gomito caviglia gamba e ginnocchio può essere buona cosa optare per la modalità tubo sopra. La radiazione diffusa misurata in punti strategici riconducibili all'operatore è minore e si ha il vantaggio di una minore sfocatura geometrica.

Appoggiare l'arto sul IB è sconsigliabile-pericolo di sfondare se l'ortopedico esagera con la pressione sul trapano... ;-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
24 minuti fa, Irene Rigott dice:

Noi in fisica sanitaria abbiamo fatto misure con diversi corpi diffusori variando la geometria tubo-IB.

Abbiamo riscontrato che per mano polso gomito caviglia gamba e ginnocchio può essere buona cosa optare per la modalità tubo sopra. La radiazione diffusa misurata in punti strategici riconducibili all'operatore è minore e si ha il vantaggio di una minore sfocatura geometrica.

Ottimo, buono a sapersi!! 

 

Nella caviglia gamba e ginocchio però, secondo me, conviene sempre tenere il tubo sotto perché così quando vado in proiezione laterale l'arco a C passa sotto il lettino e non al di sopra, riducendo il rischio di inquinamento del campo operatorio, ed anche la sfocatura geometrica diventa, secondo me, sovrapponibile perché con l'IB posizionato sotto comunque ho il lettino che è abbastanza spesso e mi distanzia l'arto di almeno 5-10 cm a seconda del modello del lettino, mentre utilizzando l'IB sopra al paziente riesco ad arrivare quasi a contatto con l'arto inferiore cosa più complessa invece nell'arto superiore.

 

Come vi siete spiegati un riduzione della diffusa con l'IB posizionato sotto al lettino nel vostro studio? Le vostre misurazioni prendevano in considerazione solo la diffusa o anche la radiazione di fuga del tubo?

 

34 minuti fa, Irene Rigott dice:

Appoggiare l'arto sul IB è sconsigliabile-pericolo di sfondare se l'ortopedico esagera con la pressione sul trapano... ;-)

Hai assolutamente ragione:-):-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links