Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.




falsonueve

gibbs
Quali delle seguenti azioni contribuisce a ridurre l'artefatto di Gibbs?

6 posts in this topic

QUALI DELLE SEGUENTI AZIONI CONTRIBUISCE A RIDURRE L'ARTEFATTO DI GIBBS?

A) allungamento del TR

B) aumento della RS delle immagini

C) riduzione FA

D) allungamento del TE

prima di continuare a leggere vi chiedo di scegliere PRIMA la risposta che piu' reputate giusta.

 

Quello di Gibbs e' un artefatto che si verifica in direzione della codifica di fase e frequenza.
Si presenta con strie o bande di diversa intensita' soprattutto a livello di interfacce di strutture con elevato contrasto.
 

" Si evidenzia soprattutto con matrici basse, mentre con l'utilizzo di matrici rettangolari tale artefatto si sposta sulla direzione della codifica di fase (es. studio del midollo spinale, dove il mancato riconoscimento dell'artefatto puo' portare errata diagnosi di siringomielia) {vedi immagine allegata}
Oggi tale artefatto si presenta con minore frequenza grazie all'utilizzo di matrici 512x512. L'artefatto di Gibbs e' quindi dovuto al fatto che la FT e' una funzione discreta perche' utilizza un numero finito di frequenze mentre un tessuto puo' avere infinite differenze di frequenza."[1: manuale di rm per tsrm]
 

metodi per risolvere o ridurre il presentarsi dell'artefatto di Gibbs:

- aumentare la dimensione della matrice (soprattutto nella direzione dove tale artefatto si presenta)
- utilizzo di smoothing filters
- uso di FAT SAT nel caso in cui si presenti a livello di tessuti adiposi.

 

avendo studiato cio', tra le risposte elencate, a mio modestissimo avviso, e' la B la risposta piu' consona (ossia, incremento della RS, dovuto indirettamente dall'incremento della matrice), tuttavia diverse fonti continuano a darmi come corretta la A (allungamento del TR) senza purtroppo fornire spiegazioni se non: "la commissione l'ha reputata giusta cosi" [cit.]

dato che le commissioni non mi trasmettono tanta  fiducia mi permetto di rivolgere la domanda a voi tutti nella speranza di venirne finalmente a capo!

 

9708134_orig.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites


Anche secondo me la risposta è B, proprio perchè vai ad incrementare le codifiche  dell'acquisizione. Meglio ancora è utilizzare FOV quadrati e Matrici quadrate. Non so che cosa centra l'allungamento del TR in un artefatto da troncamento ma forse è a me che sfugge...

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, falsonueve dice:

QUALI DELLE SEGUENTI AZIONI CONTRIBUISCE A RIDURRE L'ARTEFATTO DI GIBBS?

A) allungamento del TR

B) aumento della RS delle immagini

C) riduzione FA

D) allungamento del TE
 

 

 

Ciao. Personalmente ho letto qualche tonnellata di letteratura scientifica per scrivere un libro proprio dedicato agli artefatti, troncamento compreso.

L'unica risposta possibile e logica è la B.

L'aumento del TR non riesco a collegarlo all'artefatto, neanche indirettamente; magari mi è sfuggito qualcosa.

Se tu riuscissi ad avere la fonte bibliografica dalla quale la commissione ha tratto questa soluzione te ne sarei grato

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, falsonueve dice:

 

metodi per risolvere o ridurre il presentarsi dell'artefatto di Gibbs:

- aumentare la dimensione della matrice (soprattutto nella direzione dove tale artefatto si presenta)
- utilizzo di smoothing filters
- uso di FAT SAT nel caso in cui si presenti a livello di tessuti adiposi.

 

 

 

 

Non solo: si può agire sul FOV, direzione di codifica di fase, interpolazioni di matrice ecc.

Le cose da prendere in considerazione inoltre, per quanto riguarda gli effetti sull'immagine, sono anche altre... 

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, Luca Bartalini dice:

Non solo: si può agire sul FOV, direzione di codifica di fase, interpolazioni di matrice ecc.

Le cose da prendere in considerazione inoltre, per quanto riguarda gli effetti sull'immagine, sono anche altre... 

8 ore fa, falsonueve dice:

grazie a tutti per le vostre risposte, come prevedevo alla domanda è stata attribuita la risposta errata.
Purtroppo non ho informazioni sulla commissione, questa domanda l'ho presa dal libro dei 400 quiz.. se avessi visto questa domanda in un concorso avrei contestato la domanda all'istante.

Caro Luca so già che conosci altri metodi per risolvere questo e tanti altri artefatti altrimenti nessuno avrebbe comprato il tuo libro :D
Non ti preoccupare comunque, è sempre nella lista dei prossimi libri da acquistare, quindi non mi farò spoilerare gli altri metodi per risolvere l'artefatto di gibbs, oltre a quelli già citati!!!

Buona serata e grazie ancora per le risposte!
 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links