Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.

Elisa94

Inversion recovery

6 risposte in questa discussione

Ciao a tutti! Come si ottiene il miglior contrasto possibile nella sequenza di inversion recovery ? In particolare mi chiedo quanto debba valere il tempo di interpulso rispetto a T1 per ottenere il miglior contrasto. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti


23 ore fa, Elisa94 dice:

Ciao a tutti! Come si ottiene il miglior contrasto possibile nella sequenza di inversion recovery ? In particolare mi chiedo quanto debba valere il tempo di interpulso rispetto a T1 per ottenere il miglior contrasto. 

Ciao Elisa. La risposta non può essere altro che generica, in questo senso: dipende  se la sequenza con preparazione IR viene utilizzata per aumentare i contrasti fra due tessuti o per sopprimere un tessuto target.
Ovviamente quello ottimale dipende dal T1 del tessuto in questione e, conseguentemente,  dall'intensità di campo del tomografo su cui stai lavorando: il TI di una STIR su una 1,5T supera i 100msec, in una 0,25 resta sensibilmente al di sotto. Inoltre, la qualità della soppressione e dei contrasti risultanti, dipende moltissimo da altri fattori come TE, ETL, ES, a parità di TI.
Detto questo, dal mio punto di vista, conviene cercare il giusto equilibrio dei parametri suddetti per poi calibrare il giusto TI. 
Ogni brand, per la mia esperienza, ha una resa diversa, in particolare nel mondo delle basso campo.

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille! Il mio dubbio riguarda il fatto che le opzioni di risposta alla domanda iniziale (come deve essere il tempo di interpulso per il miglior contrasto) erano le seguenti: Il più piccolo possibile, il più grande possibile, circa uguale a T1 oppure pari a 5 volte T1. Lei cosa risponderebbe ? 

(Si vogliono aumentare i contrasti tra tessuti)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si tratta di una domanda di un concorso o cose simili?

Puoi mettere la domanda per esteso, usando le parole esatte?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nella sequenza di recupero dell'inversione, il valore del parametro Ti(tempo di interpulso) che offre un miglior contrasto è:

-il più piccolo possibile 

-circa uguale a quello del T1 in gioco

-il più grande possibile 

-circa uguale a 5 volte quello del T1 in gioco 

Purtroppo le domande di questo test sono poco chiare! 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La più logica mi verrebbe da dire "circa uguale a quella del T1". Non riesco a capire bene il contesto sinceramente...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links