Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.




Emmanuele Olivi

Assenza di camici piombati in Radiologia Convenzionale e TC

4 posts in this topic

Ciao a tutti! Probabilmente avete letto del recente documento redatto da AIFM, SIRM e FASTER circa il non utilizzo delle radioprotezioni piombate durante esami di RX e TC su pazienti pediatrici e donne in stato interessante.

Quanto secondo voi può essere facilmente applicabile una pratica totalmente diversa da quella eseguita finora, alla luce di evidenze scientifiche dimostrano appunto il contrario? Quanto soprattutto possa esser complicato far comprendere alle pazienti o ai caregivers dei pazienti pediatrici che le evidenze scientifiche vanno in una direzione contraria rispetto alle loro aspettative sulla radioprotezione in senso stretto?

Ho inserito il documento in oggetto in allegato per chi non ne avesse preso visione :)

Utilizzo dei DPI in Radiologia Pediatrica 2020.pdf

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites


1 ora fa, Emmanuele Olivi dice:

Ciao a tutti! Probabilmente avete letto del recente documento redatto da AIFM, SIRM e FASTER circa il non utilizzo delle radioprotezioni piombate durante esami di RX e TC su pazienti pediatrici e donne in stato interessante.

Quanto secondo voi può essere facilmente applicabile una pratica totalmente diversa da quella eseguita finora, alla luce di evidenze scientifiche dimostrano appunto il contrario? Quanto soprattutto possa esser complicato far comprendere alle pazienti o ai caregivers dei pazienti pediatrici che le evidenze scientifiche vanno in una direzione contraria rispetto alle loro aspettative sulla radioprotezione in senso stretto?

Ho inserito il documento in oggetto in allegato per chi non ne avesse preso visione :)

Utilizzo dei DPI in Radiologia Pediatrica 2020.pdf

Grazie! Sì l'ho letto, e ritengo che non sia facilmente applicabile anche perchè molti colleghi e anche molti medici anche Radiologi) non ne sono a conoscenza.

Per fortuna a me capita poche volte (lavoro in PS) che richiedano le schermature.

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Difficile da applicare.. e difficile convincere un paziente che lo si farebbe per il suo bene.. inoltre io odio l'aec.. quando l'ho usato, per un breve periodo, tutti gli esami erano sovraesposti...

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Soprattutto in ambito pediatrico la vedo dura spiegare al genitore che la protezione non serve al bambino ma devo farla indossare a lui nel caso restasse in sala a tenere fermo il pz. Questo succede perché nel caso del genitore l’esposizione non è giustificata.

 

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links