Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.




Sign in to follow this  
Followers 0
Chiara.9

Rm muscolo-scheletrica

4 posts in this topic

Salve, sono una studentessa del terzo anno e sono in procinto di effettuare la tesi, volevo sapere quali sono le sequenze di RM più utilizzate per lo studio muscolo-scheletrico, che sfruttano una fisica diversa dalle spin echo e sulle quali potrebbe essere interessante soffermarsi.

grazie in anticipo. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao, normalmente per lo studio muscolare si utilizzano delle STIR e DWI, ovviamente accompagnate da una/due t1 SE o TSE. 
Le gradient echo, che io sappia, non sono utilizzate in questo ambito.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

in realtà le gradient echo (sia FLASH T2* che TrueFISP T2 e TrueFISP T2 WE) sono molto usate anche in ambito muscolo-scheletrico specie nell'imagini della cartilagine e per la ricerca di emosiderina (es. sinovite villonodulare pigmentosa).

ovviamente il grosso dell'imaging anatomico si fa con le TSE T1, T2 e DP, alternando pesature "pure" e pesature con "FatSat"

se hai una buona DP FatSat omogenea puoi anche fare a meno di una STIR , specie nelle medie-piccole articolazioni (ginocchio, polso, spalla) e su FOV ridotti, mentre se lavori su FOV larghi (tipo bacino) allora come sequenza fluid-sensitive la STIR non la batte nessuna.

la DWI la si usa di rado, solo nel caso di lesioni tumorali come complemento allo studio con mdc che si fa con TSE T1 FatSat o TSE T1 DIXON (anche lì la scelta della tecnica di saturazione del grasso dipende dalla robustezza della singola sequenza e del distretto anatomico)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 27/3/2021 at 10:13, Tommy27 dice:

in realtà le gradient echo (sia FLASH T2* che TrueFISP T2 e TrueFISP T2 WE) sono molto usate anche in ambito muscolo-scheletrico specie nell'imagini della cartilagine e per la ricerca di emosiderina (es. sinovite villonodulare pigmentosa).

ovviamente il grosso dell'imaging anatomico si fa con le TSE T1, T2 e DP, alternando pesature "pure" e pesature con "FatSat"

se hai una buona DP FatSat omogenea puoi anche fare a meno di una STIR , specie nelle medie-piccole articolazioni (ginocchio, polso, spalla) e su FOV ridotti, mentre se lavori su FOV larghi (tipo bacino) allora come sequenza fluid-sensitive la STIR non la batte nessuna.

la DWI la si usa di rado, solo nel caso di lesioni tumorali come complemento allo studio con mdc che si fa con TSE T1 FatSat o TSE T1 DIXON (anche lì la scelta della tecnica di saturazione del grasso dipende dalla robustezza della singola sequenza e del distretto anatomico)

Grazie doc! effettivamente abbiamo una gradient, ma solo sul ginocchio e sulla spalla, la prima per le cartilagini e la seconda per le calcificazioni.
Per quanto riguarda le DWI, noi le usiamo sugli sportivi  che vengono a farsi l'esame subito dopo un infortunio, oltre che per patologie neoplastiche.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now
Sign in to follow this  
Followers 0

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links