Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.




silviaboschi

Studio TC del paziente politraumatizzato

115 posts in this topic

Ciao a tutti, vorrei aprire questo argomento abbastanza interessante e molto difficile da affrontare....lo studio del paziente politraumatizzato.

Nel nostro presidio di PS, utilizzando un TC 16 GE il protocollo è il seguente:

- TC encefalo con acquisizioni assiali a 5 mm con retroricostruzioni a 0,6 mm

- TC cervicale (se richiesta ) con acquisizione spirale a 5 mm e retroricostruzione a 0,6 mm

- TC toraco-addominale con mdc a 70 sec di ritardo (una portalona unica) acquisito a 5 mm con ricostruzione a 1,25 su tutto finestra mediastino-addome e ricostruzione a 5 mm con filtro lung.

Mi piacerebbe conoscere anche le vostre esperienze!

Ciao

Silvia

Share this post


Link to post
Share on other sites


cranio e cervicale li fate solo prima del contrasto dell'addome?

Share this post


Link to post
Share on other sites

No a volte facciamo anche una seconda passata sul cranio dopo il contrasto ma solo se la prima acquisizione è positiva

Share this post


Link to post
Share on other sites

Però la cervicale verrebbe meglio dopo contrasto no?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mah, generalmente quando richiedono la cervicale lo fanno principalmente per studiare l'osso in quanto eventuali piccole fratture cervicali verrebbero molto difficilmente evidenziate con il solo esame rx essendo il paziente contenzionato da spinale e collare......

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah scusa. Pensavo che fosse un protocollo standardizzato per un certo tipo di paziente. Dicevo così perchè le fratture si vedrebbero allo stesso modo e le ernie si vedrebbero decisamente meglio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Effettivamente è vero...provo a parlere con qualche nostro medico per veder che ne pensa....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nella ns. esperienza lavorativa in caso di paziente politraumatizzato dove è richiesta una Tc Toraco-addominale non facciamo mai il contrasto, solo proprio quando il radiolologo lo ritiene indispensabile, lavoriamo con una 64 strati, le acquisizioni sono in volumetrica a 5 mm., con possibilità ovviamente di retroricostruire anche in altri piani.Corrediamo lo studio eventualmente con una ecografia, talvolta viene fatta prima, sempre a seconda del quesito clinico;il mdc, ripeto,cerchiamo sempre di evitarlo.

Nel trauma cranico le scansioni sono assiali a 5mm., eventualmente, estendiamo lo studio al dente dell'epistrofeo con scansioni da 0.6 - 1.25mm.(solo sul dente).

Nello studio per trauma cervicale facciamo con una volumetrica a 0.6mm filtro Bone plus, le ricostruzioni eventualmente in altri piani.

Una domanda, ma perchè nei vostri protocolli, ricostruite con filtro LUNG sull'addome?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una domanda, ma perchè nei vostri protocolli, ricostruite con filtro LUNG sull'addome?

Forse.... per avere sia polmoni che osso con un buon filtro?

Share this post


Link to post
Share on other sites

no effettivamente mi sono spiegata male...ricostruiamo con filtro lung solo sul torace!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciao a tutti, vorrei aprire questo argomento abbastanza interessante e molto difficile da affrontare....lo studio del paziente politraumatizzato.

Nel nostro presidio di PS, utilizzando un TC 16 GE il protocollo è il seguente:

- TC encefalo con acquisizioni assiali a 5 mm con retroricostruzioni a 0,6 mm

- TC cervicale (se richiesta ) con acquisizione spirale a 5 mm e retroricostruzione a 0,6 mm

- TC toraco-addominale con mdc a 70 sec di ritardo (una portalona unica) acquisito a 5 mm con ricostruzione a 1,25 su tutto finestra mediastino-addome e ricostruzione a 5 mm con filtro lung.

Mi piacerebbe conoscere anche le vostre esperienze!

Ciao

Silvia

TC encefalo con acquisizione volumetrica a 2 mm

TC collo con finestra per osso per rachide cervicale con acquisizione volumetrica a 1 mm

TC toraco addominale con acquisizione volumetrica a 2 mm e ricostruzione del parenchima con filtro lung a 5 mm.

Nei politrauma facciamo sempre il mdc.

Cranio e collo in basale e se c'è indicazione lo ripetiamo dopo m.d.c.

Torace, addome, pelvi in basale e dopo mdc con ritardo di 50 sec

Su richiesta del medico facciamo le eventualo retroricostruzioni

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

io, se il radiologo mi lascia fare faccio uno scout unico in LL poi ci lavoro su co cranio a 3mm sequenziale, cervicale in spirale a 1,5-2 mm ( ricostruisco poi a 1 ) e toraco addome con arteriosa a 35. Facciamo il contrasto dopo per vedere prima se ci son problemi di emorragie all'encefalo.

Altre volte pero'nel caso di casi piu' gravi ed urgenti si butta dentro il contrasto subito e si fa toraco addome con arteriosa a 35" e poi cranio cervicale massiccio a richiesta. quindi si ricostruisce il tutto e li viene il divertente ( almeno professionalmente parlando ) sempre sche il doc lasci fare...

il tutto co siemens somatom 6 ( aspettando la 32 o la 64..)

Share this post


Link to post
Share on other sites

La cervicale per trauma si studia con modalità spirale e l'osso "spara" sui dischi. Non ha senso studiarla dopo mdc. Tanto per il midollo ci sta la risonanza ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciao a tutti, vorrei aprire questo argomento abbastanza interessante e molto difficile da affrontare....lo studio del paziente politraumatizzato.

Nel nostro presidio di PS, utilizzando un TC 16 GE il protocollo è il seguente:

- TC encefalo con acquisizioni assiali a 5 mm con retroricostruzioni a 0,6 mm

- TC cervicale (se richiesta ) con acquisizione spirale a 5 mm e retroricostruzione a 0,6 mm

- TC toraco-addominale con mdc a 70 sec di ritardo (una portalona unica) acquisito a 5 mm con ricostruzione a 1,25 su tutto finestra mediastino-addome e ricostruzione a 5 mm con filtro lung.

Mi piacerebbe conoscere anche le vostre esperienze!

Ciao

Silvia

Attenzione perché la GE fa fare confusione ai Tecnici, già sperimentato durante i corsi che tengo! Se ricostruisci a 0,6 è perché acquisisci a 0,6!!! In pratica fate doppio lavoro acquisite a 0,6 fate le prime ricostruzioni a 5mm poi le ricostruite di nuovo a 0,6mm!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

scusa l'ignoranza...mi rendo conto che su certe cose sono annebbiata....però se acquisisco in assiale a 5 mm come posso acquisire in realtà a 0,6?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per "assiale" intendi sequenziale? In tal caso il discorso cambia un po'... Comunque la spirale per trauma è meglio acquisirla in elica.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si con assiale intendo sequenziale. Il protocollo standard da noi prevede l'acquisizione assiale del cranio anche nel politrauma

Share this post


Link to post
Share on other sites
Si con assiale intendo sequenziale. Il protocollo standard da noi prevede l'acquisizione assiale del cranio anche nel politrauma

bhe ovvio che se fai sequenziale puoi stare solo a 5 mm. Penso che jacopo intendesse in elica

(strano fare sequenziale in un traumatizzato)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche io penso sia molto strano...tra l'altro non ti dico come vengono le ricostruzioni...però vogliono così......bah!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Anche io penso sia molto strano...tra l'altro non ti dico come vengono le ricostruzioni...però vogliono così......bah!

ma sai, le ricostruzioni non sono vitali, ed in effetti per i microsanguinamenti le assiali sequenziali possono avere un miglio contrasto. Però per tutte le piccole linee di frattura andiamo male

Share this post


Link to post
Share on other sites

Considerando anche che alla tc non si accompagna un rx cranio in questo modo penso si rischino di perdere piccole linee di frattura...oltre ai sopra citati problemi di surriscaldamento del tubo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Silvia pensavo che ti riferissi allo studio della cervicale... Comunque per quanto riguarda il cranio per avere delle ricostruzioni descrittive dovresti utilizzare un protocollo diverso. Io con la 8 strati posso acquisire a 5 e ricostruire a 1.25 mm, settando il rivelatore in maniera più raffinata con 2 immagini per rotazione e 2 sec di durata della rotazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Con la 16 acquisendo a 5 si può ricostruire anche a 0,6....Il problema è che facendo cerebrale,cervicale torace e addome non riesco ad arrivare in fondo in quanto la macchina si surriscalda e si blocca. Se dovessi fare un esame del genere, che parametri useresti?magari con i tuoi consigli posso trovare un protocollo standard migliore di quello che usiamo di solito.....

Share this post


Link to post
Share on other sites
Con la 16 acquisendo a 5 si può ricostruire anche a 0,6....Il problema è che facendo cerebrale,cervicale torace e addome non riesco ad arrivare in fondo in quanto la macchina si surriscalda e si blocca. Se dovessi fare un esame del genere, che parametri useresti?magari con i tuoi consigli posso trovare un protocollo standard migliore di quello che usiamo di solito.....

La 16 si surriscalda? strano... Con la 8 non succede... Comunque cerco di darti consigli pratici anche se devono essere accettati dal radiologo e so che non è facile:

- Cerca di modificare il protocollo del cranio in modo da ricostruire a 1,25

- Utilizza sempre l'automA e non il milliamperaggio fisso; come valori io uso per il cranio 50 di minimo e 250 di massimo, per torace, addome e pelvi 80/440; la cervicale puoi acquisirla a 190 mA fissi

- usa 120 kv

- per gli scout view bastano 10 o 20 mA

- E' chiaro che più l'elica è stretta maggiore è il riscaldamento, perché l'erogazione dura più tempo; usa un'elica leggermente più larga.

- Per la modalità spirale diminuisci il tempo di rotazione di 0.1 sec per ogni serie; non so con quali tempi di rotazione lavori, io uso 0.8 o 0.7 sec.

Prova a modificare in questo modo e vedi che succede.

Spero di esserti stato utile.

Comunque inserisco il link di un sito americano che parla di TC, a mio modo di vedere molto interessante e nel quale vengono suggeriti dei protocolli per i vari distretti con le varie apparecchiature.

CT is us

Edited by Oscar Brazzo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links