Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.

philly87

retroproiezione filtrata

7 posts in this topic

salve a tutti!!!!!!!!!

scusate la mastodontica ignoranza ma c'è qualcuno di voi ke mi spiegherebbe la retroproiezione filtrata quindi i metodi di ricostruzione dell'immagine in TC?ringrazio i volenterosi :(

Share this post


Link to post
Share on other sites
salve a tutti!!!!!!!!!

scusate la mastodontica ignoranza ma c'è qualcuno di voi ke mi spiegherebbe la retroproiezione filtrata quindi i metodi di ricostruzione dell'immagine in TC?ringrazio i volenterosi :(

UN'IMMAGINE riesce a descrivere ,a volte, meglio delle parole, posto un'immagine del sito riportato in figura

Nell'Acquisizione dei profili di un oggetto , I valori dei profili vengono attribuiti a tutta la matrice dell’immagine digitale tomografica, lungo la proiezione di appartenenza. (retroproieziene semplice)

L’immagine ottenuta ,pero', è sfumata.

Come si puo vedere l’oggetto nella tomografia non è ben definito.

Per ovviare a questo problema si applicano dei filtri di convoluzione ai profili.

In questo modo si riesce ad ovviare allo “sparpagliamento” dei dati nell’immagine tomografica.

E' possibile vedere il risultato nelle due immagini a destra

spero di aver riportato una spiegazione leggermente chiara , perchè se ho sbagliato accetto chiarimenti da tutti

Francesco

2ev4wld.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Assolutamente corretto, non sapendo a priori dove si trova l'oggetto, puntiforme in questo caso, si distribuisce la densità dell'oggetto lungo tutto il decorso del raggio incidente, facendo lo stesso per tutte le proiezioni lungo 360° (o almeno 180°) si riesce ad avere una idea dell'oggetto che però apparirà sfumato. Da qui la necessità di applicare dei filtri ai bordi per avere una immagine più definita, questi filtri vengono chiamati di convoluzione e sono applicati prima della retroproiezione, possono essere molto diversi fra loro a seconda delle applicazioni a cui sono destinati (polmone, studi segmenti ossei, parti molli, ecc...). In genere nelle ultime TC questi filtri vengono applicati dopo aver fatto una trasformata di Fourier dell'insieme delle proiezioni, questo perché la convoluzione (unione di due funzioni a formarne un'altra) è molto più facile nel k spazio (spazio virtuale in cui sono le proiezioni dopo la trasformata). Applicato il filtro si fa una trasformata inversa di Fourier e a questo punto si fa la retroproiezione. I vantaggi di questo tipo di ricostruzioni stanno nella estrema velocità e nella possibilità di effettuare più ricostruzioni in parallelo visto che ogni proiezione è virtualmente indipendente dalle altre, negli ultimi tempi si stanno però decisamente abbandonando a favore delle ricostruzioni iterative più complesse dal lato del calcolo ma molto più precise e con meno artefatti! Vedi l'altro mio post: http://www.rm-online.it/forums/2647-e-la-fine-della-retroproiezione.html

Edited by Jacopo Negri

Share this post


Link to post
Share on other sites

in primo luogo grazie:) siete davvero in gamba!!

poiché sto studiando da sola la tc volevo da voi un giudizio x esser corretta se non ho capito bene...

allora ho capito che:

alla base del'immagine tc vi è il differente assorbimento densitometrico relativo ai vari tessuti.

Al valore della densità(espressa in unità Hounsfield alla quale corrisponde un diverso livello di grigio) dei vari tessuti si arriva ottenendo dei profili di attenuazione facendo ruotare il tubo radiogeno solidale ai rilevatori attorno al paziente.Cormarck ci ha fornito le equazioni attraverso le quali ricostruire le immagini a partire da tali profili di attenuazione mentre con il teorema di Radon sappiamo che è possibile ricavare un oggetto tridimensionale a partire dalle sue infinite proiezioni...

:( vi supplico non limitatevi a correggermi!!E' importante!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le proiezioni sono il risultato delle diverse densità degli oggetti, queste nella singola proiezione vengono integrate (per sommare densità diverse). A questo punto si applica la trasformata inversa di radon e si arriva al cosiddetto sinogramma. Al sinogramma si applicano i filtri di convoluzione e quindi viene fatta la retroproiezione per arrivare alla immagine finale. Negli ultimi tempi si preferisce utilizzare i filtri di convoluzione nel k spazio e non nel sinogramma e quindi piuttosto che la trasformata inversa di Radon si fa la trasformata di Fourier (FFT), si applicano i filtri, trasformata inversa di Fourier e infine retroproiezione. I motivi per cui non si utilizzano direttamente le trasformate di Fourier per creare le immagini (come accade per la Risonanza) sono abbastanza complessi ma principalmente sono due: difficoltà a fare le interpolazioni nel k spazio (a piccoli errori di interpolazione nel k spazio corrispondono enormi problemi nelle immagini finali) e difficoltà a fare ricostruzioni ingrandite (la grandezza della matrice del k spazio è inversamente proporzionale al FOV di ricostruzione).

Spero di essere stato esauriente!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao philly, ti consiglio di leggere questo lavoro, dove è descritto in maniera chiara e dettagliata (comprensibile anche ad ignorantoni come me) la retroproiezione filtrata.

Buona serata

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links