Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze.  Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Welcome to FermoNonRespiri

Registrati subito per avere accesso a tutte le funzionalità del sito. Una volta registrato e connesso, sarai in grado di contribuire ai contenuti,inviando nuove discussioni o rispondendo al contenuto esistente. Potrai anche personalizzare il tuo profilo e comunicare con gli altri membri tramite la  casella di posta privata, e molto altro ancora!

Questo messaggio sarà rimosso una volta effettuata la connessione.

AndForn

Cosa sono le Pesature T1 e T2 nell’esame RM

5 risposte in questa discussione

questo testo sarà disponibile nella prima uscita di Radiologia Per Tutti

Leggendo il referto di una Risonanza Magnetica si potrebbe notare una descrizione tecnica dell’esecuzione dell’esame, nella quale vengono citate le Sequenze effettuate e le Pesature. Ovviamente per chi non è dell’ambiente medico risultano termini assolutamente incomprensibili, ma in pratica il concetto che esprimono è relativamente semplice e alla portata di tutti. Durante l’acquisizione delle immagini infatti, vengono eseguite dele sequenze di impulsi che creano una particolare stimolazione dei tessuti, i quali, generano un segnale di ritorno che verrà letto e interpretato dall’apparecchiatura RM. Gli operatori possono impostare differenti tempi ed intensità dei segnali e quindi, a determinati valori, si otterranno delle immagini dette “pesate in T1” oppure “pesate in T2”. La differente pesatura non è altro che un diverso aspetto delle immagini, anche se esse rappresentano sempre nel dettaglio la parte anatomica in studio.

Sulle immagini T1 pesate i liquidi assumono un aspetto “quasi nero” (in gergo tecnico ipointenso) mentre il grasso ha un aspetto praticamente “bianco”. Sulle immagini pesate T2 i liquidi hanno un aspetto esattamente oposto alle immagini T1, e risultano così “bianchi” (iperintenso) mentre il grasso è grigio chiaro. Vi sono poi molte altre piccole differenze dei segnali che il Radiologo è in grado di interpretare in maniera “combinata”, riconoscendo quindi i differenti tessuti normali dalle aree patologiche.

Appena avrete il vostro esame RM sottomano, provate a guardare le immagini, vi sembreranno sicuramente più comprensibili!

Nell'immagine in allegato: A sinistra un immagine dell’encefalo pesata inT1, a destra la stessa parte anatomica rappresentata in un immagine pesata T2

post-1401-0-68506400-1306857397_thumb.jp

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti


salve ragazzi volevo chiedere quali caratteristiche e quali differenza esistono tra la ponderazione T2 e T2*

1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fast food,long drink,vecchia regola facile facile. t1 fast vedi la parte solida,long le t2 vedi i liquidi

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

chiedeva rispetto al T2* ;)

In sostanza quando si parla di rilassamanto T2 ci si riferisce generalmente alla perdita della forza della magnetizzazione trasversale. Giusto? Questa é dovuta all'interazione spin spin che fa defasare gli spin (e quindi smontare la magnetizzazione trasversale totale) oltre che alla riduzione propria della magnetizzazione trasversale di ciascuno spin: questo é il T2* ottenuto con le semplici gradient echo

Nelle spin eco o turbo spine eco, si va a rifasare puu volte la rotazione degli spin, diminuendo molto il defasamento, ci rimane quindi piu o meno solo la riduzione propria della magnetizzazione trasversale globale, che é molto più lenta, e che é il T2 classico

1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

grazie mille Andrea quindi se ho capito bene in una pesatura T2 si ha una totale perdita di magnetizzazione trasversale

con la pesatura T2* oltre che il decadimento della magnetizzazione trasversale totale si misurano anche i singoli decadimenti di ciascun spin che avviene con sequenze gradient eco in cui invece di iniziare con un impulso di 90 si applica un impulso iniziale minore di 90 in modo da non ribaltare totalmente sul piano trasverso gli spin che impiegheranno un tempo minore per defasarsi

0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora

FERMONONRESPIRI.COM

Benvenuti nella community dedicata alle differenti specialità radiologiche.

Progetti Parallelis

Social Links